La techno e i gay sono le sole cose che non c'entrano

Mentre rilevo che il prevedibile scaricabarile tra polizia, sindaco e organizzazione sembra essere già abbondantemente iniziato (leggasi: in certi casi tutto il mondo è paese), colgo l'occasione per togliermi un sassolino che avevo nella scarpa da qualche giorno.
Provate a prendere un milione e mezzo di persone e a ficcarle tutte insieme in un'area che ne può contenere 500mila, premurandovi di recintarla per benino e di mettere in funzione un unico accesso che passa dentro a un tunnel: mi pare di tutta evidenza che quelle persone, indipendentemente dal motivo per cui si sono riunite in quel luogo (ballare, ascoltare un concerto, fare yoga, pregare), si troveranno loro malgrado a dover correre un gravissimo rischio.
Ne consegue che, al contrario di quanto si sono affrettati a blaterare i soliti tromboni, questa tragedia non ha niente a che vedere con la musica techno, con la droga, con i gay o con i giovani che hanno smarrito chissà quali valori.
Così, tanto per mettere i puntini sulle i.

Questo post è stato pubblicato il 26 luglio 2010 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

16 Responses to “La techno e i gay sono le sole cose che non c'entrano”

  1. Della serie: quanno ce vo' ce vo'!!!
    Bravo Ale.

    RispondiElimina
  2. hai fatto bene a dirlo... ma temo ne sentiremo comunque di stronzate

    RispondiElimina
  3. tanto per aggiungere schifo allo sdegno, ci tocca anche leggere Bertolaso che, salito sul pulpito, impartisce lezioni in casa d'altri e si autoincensa senza un minimo di vergogna cavalcando l'onda dell'orrore appena consumato...

    http://www.repubblica.it/esteri/2010/07/25/news/love_parade_sono_19_i_morti_nella_ressa_anche_una_ragazza_italiana_tra_le_vitttime-5811629/?ref=HREC1-5

    RispondiElimina
  4. Ben detto, tra l'altro anche nei raduni religiosi si registrano "catastrofi" del genere.

    P.S: affermare che tutti i partecipanti alla Love Parade sono gay è un po' come affermare che tutti i lettori di Libero sono stupidi. Bhè, forse l'ultima ...

    RispondiElimina
  5. Beh, ma per i giornalisti del TG1 è meglio se si tirano in ballo, nell'ordine:
    - Extracomunitari
    - Gay
    - Facebook e web in generale
    - Giovani senza valori alla Alberoni

    RispondiElimina
  6. Ieri è successa una cosa strana....Su non so quale tg è passato un servizio che metteva in relazione questa tragedia e quella dell'Heysel dell'anno '85. La notizia seguente riportava la dichiarazione dell'organizzatore di finirla con la Love Parade. La reazione in famiglia è stata subito: ecco, bravo, e ti ci voleva tanto a cancellare sta stronzata? che schifo, neanche li dovevano far scendere in piazza, quando succedono queste cose gravi fanno bene a eliminare subito tutto. E io, a mio zio, che è un gobbo nonchè fervente conservatore (eufemismo per bigotto) gli ho chiesto: senti, ma allora perchè non hanno annullato anche tutte le partite di calcio che si sono giocate dall'85 ad oggi? eppure c'è pericolo, c'è gente sconsiderata, c'è violenza e ci sono feriti. "Ehh ma sono cose diverse, mica mi vorrai paragonare gli spettatori delle partite con quelli là?" No no....ci mancherebbe altro.......

    RispondiElimina
  7. Ben detto Metil... Mi sa che se scavi bene nelle scarpe di sassolini ce ne saranno sempre tanti con quello che accade...

    RispondiElimina
  8. Per quanto secondo me questi raduni sono totalmente inutili. Capisco andare a un concerto, ma andarsi a stonare dentro un tunnel per ballare la techno... Ciò non toglie che chi ha responsabilità deve pagare.

    RispondiElimina
  9. Secondo me Peppe e' Limone.

    RispondiElimina
  10. bravo! Breve e coinciso. Se 'sta sera si finisce a parlare di questa tragedia io ripeterò pari pari quanto hai scritto.

    RispondiElimina
  11. @ andrea tuygun: in effetti per un attimo ho avuto una specie di brivido di riconoscimento in particolare per lo stile sempre attento e misurato ;-)

    @anto_iris: io faccio questi discorsi una domenica sì e una domenica no con mia madre conservatrice (semifascista direi) che però s'è trovata da 'gestire' un figlio gay. diciamo che non ha imparato o capito proprio tutto tutto tutto, però è sulla buona strada. ad anni alterni riesco anche a farle capire il senso del pride. mia madre era all'heysel, gobba pure lei, ma figurati se ha anche solo per un picosecondo pensato di cancellare il calcio!

    RispondiElimina
  12. Sottoscrivo parola per parola. Aldo Grasso, all'indomani della tragedia, pubblicava sul Corriere un commento assurdo, che oltre a sbagliare i numeri (parlava di 15 morti quando lo stesso Corriere in prima titolava 17) diceva la classica frase: "Avrebbe potuto essere mio figlio". Sbagliatissimo: avresti potuto essere tu. E qui sta la differenza, il non capire, il non sapere.

    RispondiElimina
  13. Qulcuno ha pensato che non sia stato poi così casuale o sono tra i pochi paranoici? ottimo motivo per vietarli per sempre

    RispondiElimina
  14. O le dieresi sulle o, nel caso.

    Pienamente concorde, peccato le trombe squillino sempre prima del giorno del giudizio - o i tromboni in questo caso.

    RispondiElimina
  15. manuela : anche io ho avuto lo stesso sospetto

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post