Ogni tanto, una luce


Policlinico Umberto I, Roma, ottavo padiglione.
Grazie a Camilla per la foto.

Questo post è stato pubblicato il 14 ottobre 2009 in ,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

14 Responses to “Ogni tanto, una luce”

  1. Non solo in Toscana questi cartelli sono apparsi subito dopo l'inizio della discussione del ddl sicurezza, ma la regione ha anche approvato una legge che va in direzione opposta a quella nazionale: http://beffatotale.blogspot.com/2009/05/granducato.html
    oppure direttamente a:http://www.regione.toscana.it/regione/export/RT/sito-RT/Contenuti/sezioni/sociale/immigrazione/rubriche/atti_delibere/visualizza_asset.html_1062737100.html

    Per una volta che posso essere fiero della mia terra!

    RispondiElimina
  2. Idem in Emilia Romagna. Cartelli multilingue annunciano che nessuno verrà denunciato in Francese, Inglese, Italiano e Spagnolo.

    Solo mi preoccupa quello che può succedere nelle altre regioni.

    RispondiElimina
  3. @hobbit83

    Ho visto tali cartelli al San Gerardo dei Tintori di Monza,mi e' stato comunicato che sono presenti anche in altri ospedali della Lombardia - per quanto non ne abbia avuto visione diretta.

    RispondiElimina
  4. "Cartelli multilingue annunciano che nessuno verrà denunciato in Francese, Inglese, Italiano e Spagnolo."

    Verra' deununciato solo in tedesco, ladino, magiaro o russo.

    Scusate, e scusa hobbit83, ma non ho resistito e ho dovuto fare la battuta.

    Comunque bei cartelli.

    RispondiElimina
  5. Certo che una traduzione inglese meno maccheronica potrebbe aiutare qualche immigrato a capire il cartello.. ;)

    RispondiElimina
  6. Stessi cartelli anche al Policlinico Gemelli di Roma.

    RispondiElimina
  7. A voler essere pignoli dovevano mettere pure il titolo in inglese:

    customers communication


    Ho chiesto a mia cugina ,madrelingua canadese, se la scrita è corretta. Atendo info.

    RispondiElimina
  8. Ma come potete esaltare una cosa del genere? l'immigrazione irregolare è vietata dalle leggi di qualsiasi paese, perchè tra l'altro contribuisce a far aumentare la criminalità! Gli stranieri senza permesso di soggiorno come possono vivere nel nostro paese senza commettere reati se non hanno un lavoro? Perchè se avessero un lavoro il permesso di soggiorno gli verrebbe concesso automaticamente! Comunque è una cosa ovvia e lapalissiana che se il permesso di soggiorno non c'è non si può soggiornare, altrimenti i permessi di soggiorno a cosa servono? Firmato: Sensocomune

    RispondiElimina
  9. Ma come potete esaltare una cosa del genere?

    Semplice. Molti frequentatori di questo blog oltre ad essere persone con un cuore e un animo pietoso sono a conoscenza del fatto che in Italia la clandestinità è reato. Ti faccio notare che è unico caso al mondo come composizione giuridica.


    .........l'immigrazione irregolare è vietata dalle leggi di qualsiasi paese, perchè tra l'altro contribuisce a far aumentare la criminalità!.......


    Appunto, l'immigrazione irregolare è na cosa, il reato di clandestinita' è n'altra. Sulla criminalità forse gli italiani non possono fare la morale a nessuno. Se uno Stato non mette in condizione un irregolare di regolarizzarsi e cercare di soddisfare i suoi bisogni è facile che egli possa cadere in tentazioni criminose.

    .......Perchè se avessero un lavoro il permesso di soggiorno gli verrebbe concesso automaticamente! Comunque è una cosa ovvia e lapalissiana che se il permesso di soggiorno non c'è non si può soggiornare, altrimenti i permessi di soggiorno a cosa servono?..........

    Si vede che non hai mai frequentato degli immigrati. Il permesso di soggiorno non è automatico e non è cosi' burocraticamente facile neanche per chi è a posto. E poi chi scappa dalle guerre ha i soldi per pagare le pratiche? Meno male che esistono i CAF e vari contributi dalle associazioni di volontariato ma stiamo parlando tanto spesso di rifugiati. MA poi non mi dire, ci volevi tu per scoprire a cosa servono i permessi di soggiorno.........Ma almeno sai perchè le nazioni si sono dotate di questo strumento? Se vai in Francia tu credi che puoi restare tutto il tempo che vuoi? Dopo i 3 mesi o fai il permesso di soggiorno (titre de séjour) o te ne vai.........

    RispondiElimina
  10. Ma sioprattutto i 3/4 degli immigrati irregolari, non può chiedere il permesso di soggiorno, in primis perché lavora in nero ed in secundis, dato che la legge Bossi-Fini prevede delle quote massime, semplicemente, anche avendo un datore di lavoro disposto ad assumerli regolarmente, non potrebbero chiedere il permesso di soggiorno perché ben oltre le quote previste (si veda il famoso caso delle badanti).

    RispondiElimina
  11. Ho visto un cartello analogo in un centro per test HIV con consulenza psicologica della ASL Roma E, frequentato da persone di ogni tipo e nazionalità. La Regione Lazio,infatti, ha chiarito molto bene quale deve essere la condotta degli operatori che lavorano nelle strutture sanitarie in una circolare dell'agosto scorso. In essa si afferma: "Il legislatore, pur introducendo il reato di ingresso e soggiorno illegale, non ha proceduto all'abrogazione del comma 5 art.35 del DLGS n.286/98 che testualmente recita: L'accesso alle strutture sanitarie da parte dello straniero non in regola con le norme sul soggiorno non può comportare alcun tipo di segnalazione all'autorità. [...] Pertanto, risulta chiaramente che il personale che opera nelle strutture sanitarie, pur rivestendo la qualifica di pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio, soggiace oll'obbligo del divieto di segnalazione".

    RispondiElimina
  12. Qui in Puglia è stato valido dal primo giorno l'obbligo di non denunciare nessuno, pena il ritiro convenzioni con la Regione per i medici di base.

    G

    RispondiElimina
  13. Come dice beffatotale, in Toscana sono apparsi subito, per di più a Careggi, l'ospedale di Firenze, sono davvero multilingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, cinese, albanese e insomma tutte le lingue più diffuse fra gli immigrati. Purtroppo non li ho fotografati, ma mi sono sempre sembrati un grande segno di civiltà.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post