Conversazioni

Cioè, ti rendi conto che ho combinato? Sono stato a letto con la ragazza del mio migliore amico. Tra l'altro, te lo dico, una scopata incredibile. Adesso è un casino, non so che fare... Dovrei dirglielo, ma chi ce l'ha il coraggio?

Ha detto al suo avvocato: dille che le pagherò il prezzo che vuole, l'importante è che lei chiuda la bocca, che neghi tutto... Che io non ho mai visto una ragazza di 17 anni.

La prima è un'ipotetica conversazione privata che descrive una vicenda umana discutibile. Anche la seconda conversazione è privata, ma oltre a descrivere una vicenda umana discutibile contiene l'indizio di un reato.
Se qualcuno si ostina a sostenere che sono la stessa cosa significa che non capisce l'italiano, oppure che è in malafede.

Questo post è stato pubblicato il 17 gennaio 2011 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

4 Responses to “Conversazioni”

  1. ... è in malafede o un Emilio Fede, è la stessa cosa! :)

    RispondiElimina
  2. Entrambe le cose. Chi non vuole capire il significato e quindi il valore delle parole (non dei concetti, delle parole) è comunque in malafede.

    RispondiElimina
  3. FOSSE MALAFEDE SAREI PIU CONTENTO MA QUESTI CI CREDONO VERAMENTE, SILVIO è ORMAI UNA QUESTIONE DI FEDE, UN MARTIRE, è COME LA ROMA NUN SE DISCUTE....CHE AMAREZZA, è MOLTO PEGGIO DI QUELLO CHE SEMBRA.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post