Ma fatemi il piacere

In estrema sintesi siamo messi così: il nostro paese è governato da un tizio che riesce sistematicamente a dare a bere agli italiani ciò che gli fa più comodo, spesso e volentieri perfino contro l'evidenza, avvalendosi del suo spaventoso potere economico e mediatico.
Qualche anno fa quelli che si contrappongono al tizio in questione avrebbero avuto la concreta possibilità di mettere a posto le cose approvando una legge sul conflitto d'interessi: incredibilmente, però, non lo hanno fatto, consentendo in tal modo che il suo strapotere aumentasse progressivamente fino a diventare pressoché inattaccabile.
Non è una sorpresa, viste le premesse, il fatto che quel tizio sia tuttora al governo del paese: mentre dovrebbe esserlo la circostanza che chi gli si doveva opporre e non l'ha fatto, consentendo che arrivassimo al punto di non ritorno in cui ci troviamo, occupi ancora adesso le posizioni di vertice del principale partito di opposizione; e da quel pulpito, come se niente fosse, continui a pontificare con l'aria di chi la sa lunga, fingendo di non sapere che la responsabilità della merda in cui siamo precipitati è anche -e forse soprattutto- sua.
Qualsiasi persona con un minimo di decenza, al posto di questi inetti, sarebbe corsa a nascondersi per la vergogna: invece loro sono ancora là, nessuno escluso, con il piglio degli intransigenti e la pretesa di poter rappresentare le aspirazioni di cambiamento di un paese allo sbando.
Ma fatemi il piacere.

Questo post è stato pubblicato il 21 gennaio 2011 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

11 Responses to “Ma fatemi il piacere”

  1. E anche il piglio e la pretesa son di facciata: ché se il tizio crolla, nella tracimazione si trascina con sé tutto, anche i finti oppositori.

    RispondiElimina
  2. anche per colpa nostra, Metil, che, da elettori o meno di quel partito di opposizione, avremmo dovuto manifestare il nostro sdegno, vergogna di essere rappresentati da un partito di sinistra che intendeva diventare ancora più ecumenico per meglio contrastare l'avanzare della teletirannia. e il signor D'alema, sta ancora là, Veltroni - quello che dopo la carica da sindaco aveva promesso che si toglieva dai piedi - e altri expolitbiurò trasformati dal contatto con l'allure imprenditorialista, se so' fatti a barca a vela, diciamo...
    dovrebbero risarcire la classe operaia con cui se so sciacquati la bocca per anni, andando a fare qualche turno in piedi alla linea di Mirafiori, altro che cazzare le rande e sedersi da Floris o da Santoro.
    La vergogna è un sentimento che non si può permettere chi ha scelto l'interesse personale.

    RispondiElimina
  3. Come non essere d'accordo.
    Ma il dilemma rimane:
    senza il PD nessuno spodesterà il cialtrone col suo seguito oppure ha senso sputar in faccia a Bersani, malgrado tutto ed indebolirlo ulteriormente??
    Si, ormai sappiamo che i vertici del PD non hanno rispetto del proprio elettorato che lo sta inesorabilmente lasciando costretto dalla loro ignavia, ma anche se personalmente non lo voto, trovo controproducente (vista la delicata condizione politica attuale) sputtanare il PD un giorno si e l'altro pure.

    RispondiElimina
  4. giornalisti di un certo livello: http://capitolazioni.blogspot.com/2011/01/proposito-di-donna-alfonsina.html

    RispondiElimina
  5. Signori... vogliamo farli o no i nomi e i cognomi? Massimo D'Alema per la sua ignavia meriterebbe un secondo piazzale Loreto, idem Prodi, che si lasciò mettere all'angolo dai DICO e da Pecorario Scanio, quando i problemi erano quelli che ha posto in evidenza Metil... . Bisogna fare i nomi, perché non passi più l'assunto che senza queste persone non ci sarebbe opposizione.

    RispondiElimina
  6. so che sei sempre giustamente molto attento a queste cose, volevo segnalarti questo nuovo caso... 22 anni, credo che ogni altro commento sia superfluo

    http://www.notiziediprato.it/2011/01/tragedia-alla-dogaia-detenuto-di-22-anni-si-e-ucciso-impiccandosi-nella-sua-cella/

    RispondiElimina
  7. Va bene tutto, ma dimentichi che durante il secondo governo prodi il conflitto di interessi non si poté affrontare per il veto assoluto e determinante di Mastella. Poi che il pd è morto, che l'attuale (che poi è anche la precedente) classe dirigente sia incapace e inappropriata, che la sinistra (e più ancora il centrosinistra) così come è strutturato l'attuale scenario politico non potranno mai trovare un'unità (sia anche solo programmatica o di facciata) sono tutti altri discorsi...

    RispondiElimina
  8. cari Italiani,

    sono tedesco. Lo so che c’è marcio anche in Germania, anche tanto.
    Ma voi Italiani avete adesso una occasione storica. Il vostro regime è fragile al momento, è il momento di svegliarsi.

    Vi hanno rubato milliardi di euro, c’è il controllo della televisione, la corruzione economica, la corruzione politica, il parlemento è corrotto, la prostituzione. Siete govarnati da ladri, corrutori, bugiardi e puttanieri. Che cosa state ancora aspetattando?

    “Punire quei pm” e “Dai pm gravissime violazione in legge”. Non i criminali saranno puniti ma quelli giusti e corretti. E una vergogna! Ma dove succede una cosa del genere, addiruttura minacciare i giudici che stanno solo facendo il loro dovere?

    Voi Italiani dovete andare in piazza e abbattare questo regime pacificamente, se no rimarra ancora per anni, non è solo una persona. E il momento giusto, il regime è debole al momento. Quando è cosi bisogna agire subito, se no il regime si riprende. 1989,la caduta del muro in Germania Est: il regime (che era ben altro…) è solo caduto perché aveva un momento molto debole e la gente è andata in piazza e hanno urlato: Wir sind das Volk! Noi siamo il populo!
    Il Populo della Libertà? Ma dove è il populo, dove è la libertà? Voi siete il populo!

    Secondo me il regime è ancora al potere perché la gente non si fa abbastanza viva. Il regime rimmara finché la gente si sveglia. Gli Italiani si svegliano: Questo sarebbe il piu grande regalo per i 150 anni dell’unitá d’Italia, ma anche per Europa.

    Con tutta la mia solidarietà

    RispondiElimina
  9. Okkey! il governo Prodi ha fatto sbagli, questo implica che il centro sinistra non è più abilitato a governare il paese?
    Questi qui allora dovrebbero sotterrarsi vivi entro sera............
    Altra musica è il PD, ma ripeto, ha senso sputargli in faccia la sua dabbenaggine e addirittura accusarlo di essere il colpevole dello sbando generale?
    No, non credo, perchè è l'ubriaco che "guida l'autobus" il responsabile e tuttalpiù chi gli ha dato la patente.
    A buon intenditor.................

    RispondiElimina
  10. caro Benjamin,
    nessuno si sveglierà in questo paese. Berlusconi è stato eletto dagli italiani perché agli italiani piace Berlusconi. Agli italiani piace andare a puttane, agli italiani piace evadere il fisco, agli italiani piace andare in pensione a 55 anni, agli italiani piace il sessismo, la buona cucina, il potere e l'abuso di potere, l'ipocrisia. é troppo tardi per la rivoluzione, l'avremmo dovuta fare 40 anni fa. Ora ci teniamo il paese dei balocchi, il paese con una crescita praticamente inesistente dal 1987, un paese le cui università, vecchie e sovraffollate, non compaiono nemmeno tra le 150 università migliori del mondo. Un paese in cui il tasso di natalità è uno dei più bassi del mondo e il debito, superando i 1800 miliardi di euro, è uno dei più alti d'Europa. Un paese ignorante, nonostante la propria storia. Un paese che non investe nulla nella ricerca e nell'istruzione, in cui le veline vengono elette a ministro e i mafiosi diventano presidente del consiglio. Un paese di poveretti, con un'opposizione inesistente. Un paese in cui se vuoi diventare qualcuno devi dare via il culo, oppure essere raccomandato. Un paese che non ha rispettato praticamente niente dell'Agenda di Lisbona, e che se non si darà una svegliata verrà sbattuto fuori a calci in culo dall'UE. Questo è il Bel Paese. Un ottimo paese per venirci in ferie, un pessimo posto dove vivere. Per questo e per tanti altri motivi l'anno prossimo me ne andrò, perchè evidentemente non sono italiana, perché niente di tutto ciò mi rispecchia. E allora è inutile starsene qui e pensare di risolvere le cose. Facile direte voi scappare, e non avete torto. Ma a me pare che l'Italia sia veramente arrivata al capolinea, e più sto qui più mi rendo conto che gli italiani voteranno ancora Berlusconi. Quelli che non lo vogliono se ne vanno o si tappano il naso. Povera Italia!
    Francesca

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post