Il fondo del barile

Nessuno mai fa il conto di quanto è costato allo stato questo sforzo giudiziario che magari poteva essere impiegato per trovare una ragazza come Yara, di cui ancora non si hanno tracce.
(Mariastella Gelmini, 17 gennaio 2011)

Questo post è stato pubblicato il 18 gennaio 2011 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

14 Responses to “Il fondo del barile”

  1. E cosa dire dello sforzo economico che costa al popolo italiano nell'avere un elemento come lei ministro dell'istruzione?

    RispondiElimina
  2. Ragazza che il Premier avrebbe poi accolto a braccia aperte!

    RispondiElimina
  3. Dai ragazzi, lasciate stare la povera mariastella... Almeno lei non si è fatta beccare. ;-)

    RispondiElimina
  4. Io ieri sera stavo guardando Vespa ma dopo questa dichiarazione della Gelmini ho dovuto girare.
    Non hanno paura di nulla..

    RispondiElimina
  5. Ieri eccezionalmente stavo ascoltando la trasmissione... quando ho sentito quella dichiarazione ho trasecolato, ma davvero lo aveva detto?!

    Per fortuna che ci sei metil così che altri possano ascoltare il pensiero del Ministro Gelmini.

    Che lo possano ascoltare/riascoltare anche i genitori di Yara, gli amici, gli inquirenti, i cittadini di questo paese.

    Gelmini fa rima con... bambini e sembrerebbe, come da confidenza del Presidente al fedele Confalonieri mai pubblicate, non lascerebbe traccia.

    Ognuno si doverebbe dedicare a quel che sa fare meglio.

    J.

    RispondiElimina
  6. Per forza che le donne del PDL difendono senza pudore il Satrapo: sono passate anche loro da quelle stanze... cosa credete?

    RispondiElimina
  7. ehm non scrivo in merito al post ma scusa metil para ben vabbè che fai il commercialista e pecunia non olet,ma le chat per single sul sito,con la fichetta che fa da esca viva....
    non imbarazzano per esempio la rossa?
    non mi aspetto risposta come al solito o forse si dato che intervieni solo se.....

    RispondiElimina
  8. Non ho visto la fichetta: grazie, anzi, appena la vedo valuto e se del caso escludo la pubblicità. :-)

    RispondiElimina
  9. I soldi spesi per portarsi mignotte a casa avrebbero risanato il PIL della Somalia (un Paese... a caso).

    RispondiElimina
  10. sicuramente il ministro ha voluto volutamente esagerare per rimarcare quanti soldi si buttano in azioni stupide e intercettazioni fuori luogo.
    Io credo che con tutti i problemi che abbiamo non sarebbe il caso di perdere tempo dietro al gossip. solo che voi di sinistra vi nutrite di gossip!

    RispondiElimina
  11. La Gelmini ha finalmente imparato qualcosa dal suo "mentore", far leva sull'emotività degli spettatori anche con argomenti invalidi, per portarseli dalla propria parta. Questa gente fa sempre appello alla pancia delle persone che non si curano poi minimamente di verificare la veridicità di ciò che è stato detto.
    Fanno tutti i finti perbenisti e moralisti poi guarda che scandali che escono fuori.

    @spazzolone Non so come funzionano esattamente i banner delle pubblicità, ma ho notato che solitamente pubblicizzano cose che si riferiscono a ricerche fatte di recente sul computer che si sta utilizzando. Per farti un esempio, nel passato ho fatto ricerche sulla Nuova Zelanda e nel banner vedevo tutte pubblicità al riguardo.
    Non me la prenderei quindi con Metil o la rossa.

    RispondiElimina
  12. @vale Ma guarda che sono bel lungi dal "prendermela"con metil o con la rossa.
    Il mio modo di esprimermi,purtroppo è condizionanato dalla mia ignoranza e può talvolta apparire aggressivo,ma ti assicuro che le mie intenzioni erano quelle di allertare!!
    Anzi,approfitto per chiedere scusa per la mia antipatia,è una questione di calcoli errati sul progetto,quindi sono uscito così.
    Un saluto antipatico!!

    RispondiElimina
  13. Ma no ma dai, nessuno se l'è presa. Comunque è meglio essere antipatici che ipocriti.

    Calcoli errati sul progetto? Allora non sono solo io che lavoro e leggo il blog di metil...

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post