Difendere i diritti, ma non quelli degli altri

Non è che io, da non religioso, sia meno indignato e addolorato degli altri per il massacro dei cristiani copti in Egitto: però, suvvia, che sia il vice ministro Roberto Castelli a voler "difendere il diritto dei cristiani di esistere ovunque e di professare la loro religione", quando il suo partito fa di tutto (passeggiate coi maiali comprese) per negare il diritto degli musulmani di esistere in Italia e di professare la loro, fa letteralmente ridere.

Questo post è stato pubblicato il 03 gennaio 2011 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

9 Responses to “Difendere i diritti, ma non quelli degli altri”

  1. Una passeggiata con un maiale su un terreno non privato non lede alcun diritto di alcuna persona.

    Cominciamo dall' ABC, magari.

    RispondiElimina
  2. Nemmeno l'omosessualità lede il diritto di alcuna persona.

    Cominciamo con usare la logica. Poi pasiamo pure all'abbecedario.

    RispondiElimina
  3. "Una passeggiata con un maiale su un terreno non privato non lede alcun diritto di alcuna persona." e neanche indossare una maglietta con delle vignette ma se sei un ministro della Repubblica e disponi di un certo numero di neuroni, oltre che della vecchia buona educazione, sei in grado di distinguere tra ciò che si può o non si può fare e ciò che è opportuno o non è opportuno fare. E' più che evidente che neuroni e buona educazione sono ormai merce fuori corso.

    RispondiElimina
  4. I musulmani possono ringraziare i loro confratelli fondamentalisti e terroristi per i danni alla loro reputazione e relative conseguenze.

    RispondiElimina
  5. concordo decisamente con GGuy: una passeggiata con maiale non lede alcun diritto, casomai rafforza la libertà reciproca.

    Bisogna davvero tornare all'ABC, altro che logica, a meno che per logica certuni intendano certa spocchia decisamente calabraghista... comunque male di poco. È zavorra così preistorica che non la considera più nessuno. Tempi nuovi avanzano.

    sembra così difficile immaginare un paese in cui passeggino maiali accanto a canti di muezzin e scuole rabbiniche, cattedrali e templi pagani da cui si levi nincenso per gli dei? pare di si. Eppure c'è chi crede che abdicando a ogni libertà si favorisca la tolleranza altrui...

    RispondiElimina
  6. Tipo abdicare alla libertà di religione e di coscienza?

    RispondiElimina
  7. ma perchè gli uomini sono cosi'….cosi', non mi viene un termine non censurabile.Questa non discussione ( ? ) è orrenda,malmostosa, sterile.Idiota.
    Stare a puntualizzare su passeggiate con maiali è veramente una cosa da dementi.

    RispondiElimina
  8. oltretutto facendo finta di non capire che comunque la passeggiata dei maiali, anche se non lede alcun diritto in senso stretto ha una valenza simbolica e - per usare una frase che i cattolici utilizzano per cose meno gravi - lede la sensibilità dei musulmani... inoltre, lottare affinché non si costruiscano luoghi di culto di una particolare religione (che si estrinseca ANCHE con le passeggiate coi leghisti, ops coi maiali) è abbastanza lesivo dei diritti di una parte della popolazione

    RispondiElimina
  9. Davvero incredibile la miopia intellettuale di alcuni commenti a questo post sacrosanto.

    Vi ritrovo tutti i presupposti della mia risposta all'editoriale di ieri di Marcello Veneziani su Il Giornale, che riproponeva il noto discorso del "razzismo etico" della sinistra.

    Risposta che, non so come la pensiate, si imponeva:
    A Marcello Veneziani: il centrodestra che vorrei (e che non c'è).

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post