Ok, panico

Letteralmente, le parole pronunciate dal papa significano questo: se spieghi a un ragazzo come avviene il concepimento, cosa si intende per malattie sessualmente trasmissibili e quali strumenti sono stati messi a disposizione dalla scienza per prevenire il primo e scongiurare le seconde, quel ragazzo non sarà più libero di scegliere se credere in Dio, o in Allah, o in Buddha o in chissà cos'altro.
Logico, no?

Questo post è stato pubblicato il 10 gennaio 2011 in ,,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

55 Responses to “Ok, panico”

  1. C'è qualcosa di comico in dichiarazioni come questa.

    RispondiElimina
  2. per completezza, il testo del discorso: http://www.avvenire.it/Dossier/Benedetto+XVI/Discorsi/discorso+papa+corpo+diplomatico_201101101123011130000.htm

    la frase originale: "Proseguendo la mia riflessione, non posso passare sotto silenzio un’altra minaccia alla libertà religiosa delle famiglie in alcuni Paesi europei, là dove è imposta la partecipazione a corsi di educazione sessuale o civile che trasmettono concezioni della persona e della vita presunte neutre, ma che in realtà riflettono un’antropologia contraria alla fede e alla retta ragione."

    RispondiElimina
  3. Ha ragione.

    Anzi, per la verita`, ogni forma di istruzione e di cultura sono contrarie alla "liberta` di religione", per la semplice ragione che la persona mediamente istruita arriva abbastanza in fretta alla conclusione che le religioni sono TUTTE fondamentalmente delle cazzate.

    RispondiElimina
  4. Ben venga l’educazione sessuale e civile, che non minaccia in alcun modo la libertà religiosa, a meno che con “libertà religiosa” non si voglia intendere la pretesa della chiesa cattolica di imporre i suoi dogmi a chi non li condivide. Arrogante e ipocrita!

    E’ falso che la libertà religiosa sia messa in pericolo da un’educazione civile e sessuale. La libertà religiosa presuppone libera coscienza chre si forma con l’educasione civile

    RispondiElimina
  5. Il discorso di b4x4 sembra anacronistico e assurdo, ma se ci pensate bene ha una certa coerenza. Da quando in qua infatti i religiosi di qualunque tipo, epoca e latitudine (lasciando perdere le solite "foglie di fico" di cui certe confessioni, specie quella cattolica, si vantano per sbandierare la loro modernità e tolleranza) hanno ammesso che una sana e gioiosa sessualità e una sana uguaglianza civile sono un bene per l'umanità? Per qualsiasi religione la vita terrena deve essere sofferenza e sacrificio, altrimenti col cavolo che ti guadagni il paradiso e col cavolo che i vari pastori d'anime avrebbero ragione di esistere!

    RispondiElimina
  6. Concordo con Oscaruzzo.
    A me fa ridere poco questo edificante discorsetto del papa.

    RispondiElimina
  7. A me non fa ridere a me fa incazzare!

    RispondiElimina
  8. Non ho parole... Ovvero ne ho fin troppe, ma non basteranno mai per eliminare questo terribile cancro. Democrito, Epicuro, Lucrezio, Jean Meslier, Marx, Nietzsche, Freud non sono bastati.

    RispondiElimina
  9. Un bel punto a favore della tesi: la Cultura rende Liberi!

    RispondiElimina
  10. Tutto il discorso del Papa si trova qui.

    E' utile inserire il discorso nel contesto. Non riesco a capire il nesso tra il discorso del Papa e il contenuto del post.
    Nel discorso si fa riferimento alla scelta di imporre corsi sessuali in cui si presenta un'antropologia contraria alla fede.

    RispondiElimina
  11. @Don Mario Aversano: il punto è proprio su quello che tu ripeti: i corsi di informazione sessuale non sono né favorevoli né contrari alla fede. Sono semplicemente corsi che spiegano le cose come stanno dal punto di vista scientifico. Spiegare come si usa un preservativo non è favorevole o contrario alla fede: semplicemente, è. E in quanto è va conosciuto. La fede, mi consenta, dovrebbe occuparsi di una sfera diversa: se invece si spinge a giudicare le nozioni scientifiche distinguendo tra quelle "consentite" e quelle "proibite", allora c'è qualcosina che non va. Conoscere, si deve: poi ciascuno è libero di usare o non usare le cose a seconda della propria fede. Lasciare le persone nell'ignoranza perché conoscere certe cose è contrario alla fede, mi perdoni, fa orrore.

    RispondiElimina
  12. @ Metilparaben
    "Lasciare le persone nell'ignoranza perché conoscere certe cose è contrario alla fede, mi perdoni, fa orrore."

    Perchè mai dovrebbe fare orrore? Alla base di qualsiasi fede religiosa c'è ignoranza e debolezza emotiva.
    Le parole di b4x4 non fanno che confermare l'essenza della fede cattolica (e di qualsiasi altra religione): o si ragiona o si crede. Almeno in questo b4x4 ha il merito di non essere ipocrita come tanti cattolici "moderni".

    RispondiElimina
  13. @Don Mario Aversano: e questo è niente, pensi che c'è chi propone corsi che insegnino certa fisica (non geocentrica), certa biologia (evoluzionista!) e chissà quante altre materie contrarissime alla fede!
    Io dico, dove si finirà? Di questo passo si metteranno in testa di tradurre in volgare le scritture e cominceranno addirittura a stamparle e diffonderle pubblicamente, e presto qualcuno pretenderà di poterle interpretare liberamente!

    RispondiElimina
  14. @ Metilparaben

    Non avverto nelle parole del Papa o nel magistero della Chiesa una polemica verso le nozioni scientifiche. Allo stesso tempo, non è la scienza che guida l'agire dell'uomo, viceversa l'uomo decide che uso fare delle conoscenze acquisite. Quando il Papa fa riferimento all'antropologia si muove su una sfera diversa (filosofica, culurale, sociologica...) e manifesta una preoccupazione educativa (perchè l'esperienza di fede riguarda la persona presa in tutta la sua umanità). Le faccio questo esempio tratto dal Corriere della Sera a proposito della distribuzione a scuola di minipreservativi per ragazzi di 12 anni. Darli vuol dire anche proporre un'idea culturale: puoi fare sesso a 12 anni...è tutto ok..solo stai attento al rischio gravidanza e alle malattie. Ma mi permetto di dire che a 12 anni c'è da insegnare qualcosa di più urgente che l'uso del preservativo e che, soprattutto, il darlo vuol dire proporre un'opzione specifica, non è una questione neutrale. L'articolo del Corriere, che ironizza sul passaggio dall'uso obbligatorio del seggiolino all'uso del profilattico, è qui

    RispondiElimina
  15. Il senso del discorso non è proprio così. Il fatto è che il ragazzo non ha diritto a pensare con la sua testa se non rigettando la fede che, per definizione, è qualcosa che non si deve e non si può spiegare, in tal modo si pone al di fuori della salvezza eterna. Il monito è di non chiamarsi fuori dalla salvezza e rigettare il relativismo delle risposte suadenti e della stupidità scientifica.

    RispondiElimina
  16. per evitare ogni genere di fraintendimento io dico subito che ho lasciato la massima libertà di scelta ai miei figli.
    Gli ho posto davanti un bastone e la bibbia e gli ho detto scegliete. Hanno scelto la bibbia.

    RispondiElimina
  17. @ don mario

    "Allo stesso tempo, non è la scienza che guida l'agire dell'uomo, viceversa l'uomo decide che uso fare delle conoscenze acquisite. "

    è qui casca l'asino, visto che le parole del papa sono contrarie all'acquisizione di quelle conoscenze...

    RispondiElimina
  18. @don mario

    mi permetto di dire che a 12 anni c'è da insegnare qualcosa di più urgente che l'uso del preservativo e che, soprattutto, il darlo vuol dire proporre un'opzione specifica, non è una questione neutrale.

    Lei non prende in esame il fatto che verranno forniti profilattici a dodicenni perché è un dato di fatto che a partire da questa età avvengono frequentemente atti sessuali. IL profilattico dovrebbe servire ad evitare gravidanze indesiderate.
    Si può e si deve fare educazione sessuale ma non si può negare l'importanza del profilattico.
    Peccato che la Chiesa non solo nega questa importanza ma incoraggia a non farne uso anche in quegli ambiti in cui questo uso può salvare vite umane.
    Per esempio in Africa in regioni in cui si muore di aids e in cui nascono bambini che muoiono sotto i 5 anni.
    Al solito la Chiesa è contro la vita non a suo favore, contro il progresso umano, contro l'uomo e contro la moralità.
    Niente di nuovo sotto al sole.

    RispondiElimina
  19. @don Mario Aversano
    Ma lei crede veramente che distribuire profilattici porti i ragazzi a fare sesso? non si rende conto che il sesso essendo una cosa naturale e normale, che viene ovviamente scoperta a partire dalla pubertà, che viene fatto tranquillamente senza approvazioni dall'alto e che la distribuzione dei preservativi e i corsi di educazione sessuale e all'affettività sono l'unica, l'UNICA, soluzione alle gravidanze precoci e alla diffusione delle malattie? corsi di educazione sessuale non significa insegnare il kamasutra!!
    Poco tempo fa una commentatrice del blog "Il corpo delle donne" linkava questo utilissimo cartone animato

    http://www.megavideo.com/?v=PQAIQ0TB

    E' questo che si intende per educazione sessuale e all'affettività.
    Un'occhiatina non farebbe male a nessuno.

    Poi si potrebbero dire molte altre cose.

    RispondiElimina
  20. Pio IX aventino Roma.Lezione sostitutiva di fratel natalino,anno millenovecentottantuno in piena controriforma paolina:sul tema dell'origine dell'uomo si affrontava l'argomento adamo ed eva...
    alla mia domanda come fosse stato possibile che ci fosse discendenza tra due figli maschi il suddetto pedagogo rispose che:"All'epoca non si faceva caso se la copula avvenisse tra madre e figlio" testuali parole impresse da allora nella mia mente,martoriata in età giovanile dai preti.
    APPROPOSITO de pio nono: ma non era quello contrario alla pubblica istruzione e agli ascensori? si si agli ascensori,propro quelli che ti portano dal primo all'ultimo piano?
    Sempre a proposito di pio nono nella chiesa di s. crisogono a trastevere,c'è sulla sinistra un cancello e dietro a quello,un busto di pio IX,
    al quale si può sputare in faccia con estrema semplicitas.Provare per credere!!
    non commento altro perchè potrebbe non bastare il blog per menzionare tutte le porcate che ha fatto il clero da pietro di betsaida fino a papa benedetto decimosesto.
    l'unica cosa che vorrei dire ai cari bigotti:
    studiate la soria della chiesa anche quella di parte,non cambia perchè possono inventrsi cazzate su dio ma quello che hanno fatto i preti
    nel corso della storia se pur celato distorto e inzuccherato,è impossibile negarlo.

    RispondiElimina
  21. " la partecipazione a corsi di educazione sessuale o civile che trasmettono concezioni della persona e della vita presunte neutre"

    Mi sembra abbastanza preciso: si riferisce a quei corsi in cui si trasmettono concezioni...
    Non rendiamo tale discorso la fiera dei luoghi comuni. Nel pieno rispetto delle idee di ciascuno, credo sia giusto che anche i corsi di educazione sessuale non trasmettino concezioni di parte.
    Quindi "Si" all'Informazione, se fatta nel modo giusto e nei tempi giusti. Un monito condivisibile, no?
    E poi lo sapete che in tantissimi centri, l'unica educazione sessuale (intesa come informazione su malattie, contraccettivi, etc etc) verso i ragazzini viene fatta proprio a catechismo...

    PS: interessante discussione!! :D

    RispondiElimina
  22. Demetrio, per la Chiesa trasmettere concezioni di parte equivale a fornire informazioni sull'uso dei contraccettivi. Non prendiamoci in giro. Lo abbiamo capito che cosa voleva dire il Papa.
    Il Papa non vuole che si faccia educazione sessuale nelle scuole. PUNTO.
    Che cosa sia questa antropologia contraria alla fede poi e` tutto da capire, essendo l'antropologia una scienza.

    PS: comunque noto che questo blog e` fatto da persone troppo intelligenti e serie. In altri lidi le frecciatine sarcastiche su certi recenti fatti di cronaca si sarebbero sprecate.

    RispondiElimina
  23. Volevo inoltre sottolineare il fatto che i minipreservativi e l'obbligatorieta` del seggiolino non sono in contraddizione fra di loro.
    Don Aversano, hanno entrambi lo scopo di salvaguardare la VITA delle persone. Quella stessa salvaguardia della VITA di cui voi ecclesiastici tanto vi riempite la bocca.

    RispondiElimina
  24. Mi pare che qui si sbagli nel pensare che non esistano corsi di educazione sessuale di parte, che sono quelli a cui il Papa si riferisce.
    Posso invece dire che secondo me iniziative amene (diverse certo dal tipico corso "tecnico" di educazione sessuale) come quelle dello stato inglese che consiglia ai ragazzini di ottenere almeno 2 orgasmi al giorno o di darsi al sesso orale rientrano appieno nello schema dello Stato che pretende di fornire ai cittadini valori che competerebbero alla famiglia, alla fede e in generale alle convinzioni personali? Come ti dovresti sentire tu genitore che a tuo figlio vuoi insegnare altro e che ti trovi il pargolo che ti può rispondere "No, ma a scuola hanno detto che l'atteggiamento giusto è questo!"? Non si crea automaticamente un conflitto fra le varie "autorità" che ognuno conosce?
    Poi per carità, c'è più da riderci che altro, non è certo il pericolo del millennio, ma infatti anche il Papa gli dedica una riga in un discorso che parla soprattutto di situazioni assai più serie...

    RispondiElimina
  25. Logica piuttosto lineare: qualunque discorso franco sulla realtà così com'è, anziché così come qualcuno vorrebbe che noi credessimo che è, mina alla base il principio su cui si fondano le religioni: tu, popolano, limitati a credere, che a scegliere _cosa_ è giusto credere ci pensa la curia.

    RispondiElimina
  26. Perchè date del "lei" a Don Mario? Facciamo tanto i mangiapreti e poi quando ne arriva uno vero lo trattiamo con deferenza? :)

    Battute a parte, vorrei dire la mia opinione con semplicità, senza arroganza e con tutti i miei dubbi.

    L'educazione dei ragazzi non è formata dal mero accumulare di nozioni scientifiche. L'uomo non è un hard disk da riempire di dati. L'uomo è fatto anche da valori che risentono (in negativo o in positivo) dell'ambiente in cui uno cresce (in particolare quello familiare).

    La famiglia è uno dei luoghi in cui i valori dei "padri" si trasmettono ai propri "figli". Ed ogni padre vuole trasmettere al proprio figlio quelle che sono le proprie intime convinzioni del mondo. Magari da grande il figlio si ribellerà agli insegnamenti del padre, ma il padre non sarebbe veramente interessato al figlio se non lo educasse secondo quello che lui reputa il meglio per lui.

    Ecco, il cristianesimo, a differenza di quello che molti credono, non è un insieme di precetti (prega! non rubare! non trombare!) slegati fra loro. E' una proposta di vita. Propone un ideale di essere umano che la Chiesa tramanda attraverso la famiglia e la comunità. Essendo una proposta di vita abbraccia tutti gli aspetti dell'esistenza, anche la sessualità. Lo sconsigliare di avere rapporti sessuali "liberalizzati" o "protetti" non è perché Dio è cattivo, ma perché fa parte di una proposta di vita che considera l'uomo e il suo corpo in una visione più ampia.

    Nei corsi di educazione sessuale di cui state parlando si considera la sessualità come un accadimento fisiologico (si matura sessualmente, ora il tuo pene e la tua vagina possono procreare, puoi evitarlo con i contraccettivi, che ti evitano anche malattie dovute ai rapporti occasionali) pur ricco di significati affettivi e sociali (si fa l'amore perchè ci si vuole bene) ma non si pongono invece le questioni religiose-morali (ad esempio il rifiuto dei rapporti occasionali).

    Questioni religiose morali che non significano niente per la famiglia laica, ma sono invece molto importanti per la famiglia cristiana, che magari intende affrontare il discorso sessualità non come un argomento separato e "qualsiasi" - come la storia o la biologia o le malattie del corpo - ma come una parte di un percorso nella crescita umana del proprio figlio che coinvolge anche altri aspetti della vita.

    A questo proposito vorrei far notare come, se si legge la dichiarazione originale del Papa, egli non si lamenti di chi "propone" corsi di educazione sessuale: ma con chi li "impone", mettendo in difficoltà le famiglie cristiane.

    Dal mio punto di vista, quindi, la Chiesa dovrebbe invitare genitori e figli a parlarsi di più di questi argomenti...

    Ciao a tutti...e godetevi la vita!

    RispondiElimina
  27. C'è una notizia scandalosa: nelle famiglie ci sono pure le "madri".

    RispondiElimina
  28. Serbilla,

    hai ragione, meglio precisare che quando parlo di "padre e figlio" intendo "genitori e prole"

    Ciao!!

    RispondiElimina
  29. Matteo, non esiste un sottinteso che facciaintendere madre per padre, se parli di padre e figlio non non stai dicendo madri, solo usando la parola madre puoi parlare di essa, essendo che la madre è madre e non padre,

    ciao a te.

    RispondiElimina
  30. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  31. Serbilla,

    credo che tu abbia capito a cosa mi riferivo e credo che sia inutile insistere oltre.. ma provo a spiegarmi con un esempio.

    Quando si dice che qualcosa (ad esempio, una tradizione) si trasmette "di padre in figlio" intendi proprio un padre (maschio) e proprio un figlio (maschio pure lui) oppure intendi qualcosa tipo "si trasmette di generazione in generazione" ?

    Ho trovato molto interessante sia il tuo intervento precedente e anche il video che hai postato.. perché devi essere così prevenuta nei miei confronti?

    RispondiElimina
  32. Non sono prevenuta nei tuoi confronti, è che il linguaggio è un aspetto fondamentale, che crea il mondo e dal mondo è creato, o sbaglio? se dici di padre in figlio intendi qualcosa che esclude le madri e le figlie se dici di generazione in generazione le comprendi, non insisto per polemica, insisto perchè le parole corrispondono a concetti, anche quando siamo in buona fede, anzi soprattutto per chi è in buona fede.

    Non la prendere come una cosa personale, è un discorso più ampio:

    http://ilsessismoneilinguaggi.blogspot.com/

    RispondiElimina
  33. Ma si che sei prevenuta :)

    Hai notato infatti il mio "padre e figlio" e non hai notato che nel post iniziale Metilparaben ha scritto "un ragazzo" invece di "un ragazzo o una ragazza" :D

    Scherzi a parte, il sessismo nel linguaggio è effettivamente derivato da una cultura patriarcale e maschilista. Sono d'accordo, bisogna effettivamente starci attenti in moltissimi casi.

    RispondiElimina
  34. Matté se facessi notare costantemente tutto a tutti mi autobannerei, mò ci sei semplicemente capitato tu di mezzo... =_='

    RispondiElimina
  35. Evidentemente per la chiesa e per il papa i milioni di morti di aids e le baby mamme di 13 e 14 anni e i "padri" di 16 sono una conquista della civiltà, in questo terzo millennio. Possibile che non ci si mai uno che in diretta mondovisione si alzi in piedi e gli dica di smettere di dire stronzate del genere e di parlare di cose che non dovrebbe conoscere?
    E' che un* pensa sempre di aver capito male, guarda i tiggì, legge i giornali e fra se e sé dice che no, non puo' essere possibile che il papa abbia fatto una dichiarazione del genere. E invece come sempre accade la realtà supera la fantasia.

    Un* s'immagina che i problemi che la chiesa deve affrontare siano altri, ingenuamente pensa che prima di tutto si debba occupare delle anime di chi crede, ha fede, nonostante tutto, e invece no, continua ad occuparsi dei corpi anche di chi non crede, se l'interesse dei papi e della chiesa per tutto quel che riguarda il corpo umano dalla vita in giù fosse direttamente proporzionato a quel che avviene anche dalla bocca allo stomaco probabilmente nessuno morirebbe piu' di fame.

    Cio' detto vorrei che l'educazione sessuale non fosse materia da stato vaticano viste le menti deviate che lo popolano.

    RispondiElimina
  36. Matteo, se c'è qualcuno che riduce la sessualità al mero lato fisiologico è proprio la chiesa con il connetterla indissolubilmente alla procreazione. Per la chiesa il sesso deve servire alla procreazione (per lo meno nelle intenzioni, come nel caso di coppie non fertili), altrimenti è peccato. Questa è la meravigliosa proposta di vita della chiesa, altro che affettività - altrimenti mi spieghi perché tanto accanimento contro le coppie gay, che vivono il sesso appunto come affettività e non come strumento di mera riproduzione biologica?

    RispondiElimina
  37. Ale,
    io ho detto che la Chiesa al lato fisiologico (animale) e affettivo (culturale) aggiunge un significato religioso/morale (cristiano).

    RispondiElimina
  38. Matteo,
    il alto affettivo è accessorio per la chiesa: conta solo la riproduzione. Poi si può ordinare di fare figli in nome di dio come della patria, ma ciò non cambia il fatto che quello che conta davvero sia la riproduzione biologica.

    RispondiElimina
  39. Ale,
    direi che il lato affettivo non è accessorio per la Chiesa: anche nel catechismo se ne parla:

    "La sessualità esercita un'influenza su tutti gli aspetti della persona umana, nell'unità del suo corpo e della sua anima. Essa concerne particolarmente l'affettività, la capacità di amare e di procreare, e, in un modo più generale, l'attitudine ad intrecciare rapporti di comunione con altri."

    RispondiElimina
  40. Matteo,
    ma senza l'intento riproduttivo, il sesso non è peccato? Sennò perché la condanna del sesso omosessuale? Quindi vedi che alla fine è la riproduzione quella che conta?

    RispondiElimina
  41. Ale,
    beh credo che lo sia anche se fatto senza affetto.

    RispondiElimina
  42. Matteo,
    scusa la crudezza, ma non conta quello che credi tu, ma quello che dice la chiesa riguardo il sesso a fini non-riproduttivi. Non ho mai sentito un papa bollare il sesso senza affetto come peccato. Puoi darmi una fonte?

    RispondiElimina
  43. Ma chi l'ha detto che il sesso vuole anche e sempre l'amore? Io credo che se non cambia la mentalità anche di tanti giovani non ci si puo' accorgere dell'enormità delle baggianate che diffondono chiesa e affini. Ci sono milioni di situazioni in cui le basi per una buona intesa sessuale sono lontane anni luce dall'idea dell'amore. Chi non ha provato almeno una volta nella vita quanto puo' essere bella, gratificante e appagante una relazione basata SOLO sull'attrazione fisica e sessuale credendo che ci siano cose che si possono fare solo quando si è innamorati davvero non sa cosa si è perso.

    RispondiElimina
  44. Essendo una proposta di vita abbraccia tutti gli aspetti dell'esistenza, anche la sessualità

    In tal senso hai perfettamente ragione. Dove vivo io, anni fa, un parroco si occupò personalmente di educazione sessuale, abbracciando tutti gli aspetti della sessualità.. oltre ovviamente ai bambini del catechismo!!
    I preti( alcuni) sono specializzati nell'educazione sessuale unendo alla teoria la pratica.

    è innegabile

    RispondiElimina
  45. Il problema del ragionamento di Joseph Ratzinger secondo me è questo; non esiste né la fede ne la retta ragione, ma esistono le fedi e le rette ragioni. Joseph Ratzinger pensa che l'unica fede e l'unica retta ragione siano quelle che lui rappresenta; per me sono i suoi insegnamenti ad essere contrari alla mia retta ragione.

    RispondiElimina
  46. "retta ragione" è un termine della filosofia scolastica, credo che Ratzinger lo usi in quell'accezione

    RispondiElimina
  47. Taglio e incollo da un intervento precedente, e scusate se la frase non esprime il pensiero del suo autore, ma etc... , solo che ci sono rimasta di stucco, eccola : "si matura sessualmente, ora il tuo pene e la tua vagina possono procreare, puoi evitarlo con i contraccettivi, che ti evitano anche malattie dovute ai rapporti occasionali". Oddio, ma questa non era la famigerata "genitalizzazione del sesso" di quando ero piccola piccola?? aaargh....

    RispondiElimina
  48. Ariecchece!
    Ma a nessuno viene in mente di dire a questo tedesco che con il track-record della sua organizzazione non e' opportuno che lui si pronunci su argomenti che chiaramente non comprende?
    Dai, su.... Che abbia ragione o torto e' irrilevante. Quello che mi fa venire gli sbocchi di sangue è che ancora parla di sesso, sesso, sesso, sesso, sesso e sesso. Di come si fa, di come si dovrebbe fare, di come e' vissuto, di come dovrebbe essere vissuto, di come ci influenza e di come dovrebbe influenzarci, di chi e' normale e di chi e' anormale.
    Di fondo pero', neanche lui ne sa una cippa dal momento che l'unico sesso a cui e' mai andato vicino (ufficialmente...) e' quello illegale e raccapricciante tra i suoi preti e gli sfortunati bambini di turno.
    Il papa vive nella negazione piu' totale della natura umana, quella non si classifica in due caselle e non si conguaglia con la bibbia.
    Se è vero che, per noi esseri umani, il sesso è un po' come il cibo, e che il nostro rapporto con l'uno è praticamente lo stesso che con l'altro, si potrebbe fare il seguente paragone, a mio avviso.
    La gente morbosamente ossessionata dal cibo appartiene a due categorie: gli anoressici e gli obesi cronici. Questo, in piccolo, descrive il rapporto tra clero e sesso.

    Q

    RispondiElimina
  49. @ Don Mario

    Per essere così disperatamente a favore del diritto naturale rispetto al diritto positivo, la Chiesa mostra una certa ignoranza del mondo naturale e delle sue leggi.

    Primo, è una peculiarità dei primati superiori fare sesso per puro e semplice piacere. Idem per l'autoerotismo.
    E' peccato qualcosa che il vostro dio ha creato o reso possibile, e che non crea nocumento a nessuno?

    Secondo, un essere umano è biologicamente programmato per riprodursi già durante la pubertà, come d'altronde si è fatto per svariati millenni anche a causa dell'aspettativa di vita piuttosto limitata. L'errore del nostro tempo, piuttosto, è non aver insegnato ai ragazzi come gestire degli impulsi che sono perfettamente naturali. Così abbiamo adolescenti sessualmente maturi ma mentalmente ed emotivamente infantili. Poiché l'insegnamento primario agli infanti è la differenza tra bene e male, degli adolescenti con una mentalità infantile hanno più probabilità di commettere del "male", che non è il sesso in quanto tale, quanto la violenza. Cosa che in casa vostra conoscete piuttosto bene, tra parentesi, e sarebbe il caso che cacciaste Satana da casa vostra prima di dire cosa devo fare io a casa mia.

    Terzo, insegnare a qualcuno a portare la macchina non implica che quell'individuo debba guidare. Allo stesso modo, chi non vuole fare sesso per fede, non lo fa anche se sa come si mette un preservativo. La conoscenza di un fenomeno non implica né genera automaticamente l'azione. Poiché però esistono, nonostante voi preti, persone che hanno una morale altra, qualunque essa sia (atea, laica o di diversa religione), compito dello Stato è garantire tutti.
    Stesso dicasi per il matrimonio civile o i PACS: chi vuole sposarsi in chiesa continuerà a farlo. Togliere la possibilità di scelta invece non è né democratico, né cristiano, giacché non mi pare che in alcuna parte del Vangelo Cristo abbia suggerito di imporre la fede. Anzi. Cristo era pure contro il battesimo degli infanti, proprio perché la fede è un atto volontario e responsabile. Non qualcosa che si impone. Avete 2 millenni di stragi in nome di Cristo, sarebbe il caso che aveste la decenza di tacere.

    Quarto, sarà sempre tardi il momento in cui leggerete TUTTO il vangelo, e non solo le parti che vi fanno comodo:

    «Non giudicate, e non sarete giudicati; non condannate, e non sarete condannati; perdonate, e vi sarà perdonato. Date, e vi sarà dato; vi sarà versata in seno buona misura, pigiata, scossa, traboccante; perché con la misura con cui misurate, sarà rimisurato a voi». Lu 6, 37-38

    Ipocriti, i primi bestemmiatori di Cristo siete voi preti.

    RispondiElimina
  50. @Matteo; la retta ragione è un concetto aristotelico molto prima che della filosofia scolastica. ("... è il giusto mezzo che occorre scegliere, e non l’eccesso né il difetto, e giacché il giusto mezzo è come la retta ragione dice, è di questo che dobbiamo trattare.", "Etica a Nicomaco")
    Comunque Joseph Ratzinger ha già chiarito in passato che cosa intende per retta ragione citando nel 2009 Giovanni Scoto Eriugena; "Autorità e retta ragione non possono essere mai in contrasto, in quanto entrambe hanno la stessa fonte, che è la sapienza divina, rivelatasi nelle Sacre Scritture, e per questo non può esservi alcuna comprensione di ciò che Dio ha donato all’uomo senza una rigorosa analisi del testo biblico e senza la disponibilità alla conversione"
    Morale; esiste una sola verità ed una sola autorità. Abbiate pazienza, io non ci credo.

    RispondiElimina
  51. ma in definitiva...

    il problema è la Chiesa che parla

    o la politica che per convenienza si adegua?

    RispondiElimina
  52. Il problema e' la gente che ci crede. Tutta la gente che ci crede e che, di conseguenza, non ci vede, perche' ha scelto la fede ad occhi chiusi piuttosto che la realta' ad occhi aperti. E' piú facile gestire una sola verita', ed adattare il nostro piccolo mondo a questa, rigettando tutto quello che non rientra nei suoi parametri, piuttosto che accettare le molteplici verita' che la vita ci mette di fronte ogni giorno e adattare il nostro modo di pensare a queste. La liberta' e l'informazione comportano uno sforzo troppo grande per chi preferisce vivere nell'ignoranza prefabbricata ( o conoscenza delimitata...) della chiesa.
    Tiratemi tutta la filosofia che volete.
    Per me rimane pur sempre dittatura.

    Q

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post