L'ironia della sorte

Emilio Fede sulle feste ad Arcore:

Nelle cene c’erano 10-15 persone e non solo ragazze di 25-30 anni. Si parla del premier barzellettiere, ma quando mai? Berlusconi parlava molto di politica, raccontava aneddoti dei suoi viaggi, amava cantare.
Fateci caso: lo stesso uomo che ha speso gli ultimi dieci anni della sua vita a comunicare urbi et orbi che alla sua età, con rispetto parlando, è ancora un mandrillone mica da ridere, per difendersi è costretto a fare la figura del vecchio logorroico che invita la gente a cena e attacca a parlare di politica, a snocciolare storie dei tempi andati e alla fine, come se non bastasse, si mette pure a cantare.
Certo che il destino può essere beffardo, eh?

Questo post è stato pubblicato il 24 gennaio 2011 in ,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

4 Responses to “L'ironia della sorte”

  1. Sono convinto che se l'unica prova per scagionarsi da queste rogne fosse AMMETTERE PUBBLICAMENTE LA SUA IMPOTENZA... Berlusca piuttosto andrebbe in carcere dritto filato

    RispondiElimina
  2. "Certo che il destino può essere beffardo, eh? "

    ...oppure Umilio Fido un gran bugiardo???

    RispondiElimina
  3. Mi domando se e quando la gente come Fede "abdicherà"

    RispondiElimina
  4. Da quel che trapela, pare che B sia molto deluso per il comportamento di Fede, il quale, a suo dire, avrebbe pensato più a defilarsi che a difenderlo. E se persino Fede lo 'rinnega'...

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post