C'era corruzione tra gli Apache?


Per la cronaca, sapete chi è l'assessore ai giovani, allo sport e alla promozione delle attività turistiche Pier Gianni Prosperini?

E' quello secondo il quale per i tossicodipendenti

ci vuole il modello Singapore: lo stendi sulla panchetta, ten ten ten, dieci nerbate
l'omosessualità

è una devianza. Quindi niente famiglia e niente adozioni. Il gay dichiarato non può essere né insegnante, né militare, né istruttore sportivo
e i manifestanti contro il Papa alla Sapienza avrebbero dovuto essere garrotati

ma non con la garrota di Francisco Franco. Alla maniera degli Apache: cinghia bagnata legata stretta attorno al cranio. Il sole asciuga il laccio umido, il cuoio si ritira, il cervello scoppia.
Quanto al trattamento repressivo più idoneo per i corrotti, agli incarichi da vietare ai turbatori d'asta e al genere di tribù indiana più appropriata per chi intasca tangenti, il nostro amico non si è mai pronunciato.

Che volete, uno mica può occuparsi di tutto.

Questo post è stato pubblicato il 17 dicembre 2009 in ,,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

4 Responses to “C'era corruzione tra gli Apache?”

  1. Chissà se con i corruttori sarà così inflessibile come lo è con gay ed extracomunitari...
    Anche io ho appena pubblicato un post su di lui con video eloquenti...
    AUGH!

    RispondiElimina
  2. io mi sorprendo sempre che in italia sia concesso dire cose simili impunemente...speriamo lo oscurino per sempre... altro che facebook
    mirko

    RispondiElimina
  3. Che fosse un'idiota lo si deduce dai suoi "splendidi" calendari dove si è fatto fotomontare su muscolosi e prestanti corpi da crociati con tanto di motti di battaglia su "sinistri da spianare" e "no global da sradicare"

    un'altro filo-gandhiano per intenderci

    parola di verifica: culanin

    RispondiElimina
  4. Tengo a precisare che la "garrota degli apache" il crociato de noantri la voleva comminare ai gay, e non ai manifestanti della Sapienza. Poi fu obbligato a chiedere scusa, e disse che "non voleva offendere nessuno". No, certo: ci voleva soltanto frantumare la scatola cranica come una noce della California. Con simpatia, però.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post