Miracolato a quattro zampe


Il cane che vedete nella foto, nel suo piccolo, è stato miracolato anche lui: dubito, tuttavia, che i suoi aguzzini siano in cura presso qualche psichiatra, anche se sono convinto che dovrebbero cercarsene uno.

Possibilmente bravo.

Questo post è stato pubblicato il 14 dicembre 2009 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

10 Responses to “Miracolato a quattro zampe”

  1. ZERO COMMENTI.

    al solito.
    mi piacerebbe sapere perchè questo popolo di attenti,progressisti, buoni ecc.ecc. davanti a cose cosi' fan finta di niente,non esistono,non è vero, sono fotomontaggi


    BRAVI RAGAZZI!!

    RispondiElimina
  2. Immagini da Mondo Cannibale del famigerato Deodato, antesignano dello splatter. Immagini atroci che valgono solo solleticare le menti malate capaci di commettere tali delitti e che provocano immenso dolore. A quando le foto porno per condannare la strumentalizzazione del corpo femminile? Vergognatevi!

    RispondiElimina
  3. ma che minchia dici?
    vergognati tu, le immagini atroci sono purtroppo reali, vuoi vederne altre ,fotografate da me?

    RispondiElimina
  4. ho capito, devi far conoscere il tuo blog nascente...puah!è uno sport molto popolare,ficcarsi in giro a sparare cazzate sperando di fare incuriosire,beh, almeno scrivi chi cazzo sei,cosi' tanto per informare.

    ma che è mondo cannibale? Deodato? ma che film vedi?

    RispondiElimina
  5. Vorrei spammare, posso?
    dico nulla se non autorizzata, sono libri.armi potenti se si ha cuore, zeppe per tavolini zoppi per i pirla

    RispondiElimina
  6. cercatevi con google: annamaria manzoni.
    magari a qualcuno si gli apre la mente, va a sapere, in fondo è natale....
    per quelli che la testa la usano già potrebbe essere una bella bellissima scoperta.

    dai, non è spam ... è info.

    RispondiElimina
  7. la razza umana non manca mai di dimostrare quanto poco merita di condividere la terra con gli altri esseri viventi.

    RispondiElimina
  8. Dai, fizzi, vai con la tua macchinetta a fotografare il dolore, la depravazione e la morte, fotografa il male: più lo fotografi, più lo diffondi, gli dai diritto di cittadinanza, lo rendi accessibile, lo banalizzi, lo inserisci negli stili di vita. Pensaci: non c'è bisogno della tua mediazione perchè ognuno di noi veda intorno a sè la sofferenza e la degradazione, del suo prossimo come degli esseri viventi che lo circondano. Importante è impedire che si diventi indifferenti, e quindi complici. La banalizzazione del male a questo conduce. Le campagne pubbicitarie di Oliviero Toscani con la rappresentazione del dolore non erano denuncia (siamo tutti d'accordo nel respingere la malattia, l'ipocrisia, la fame ecc.) ma tecnica per catturare l'attenzione sfidando convenzioni. In questo modo il suo malato di aids veniva strumentalizzato a fini pubblicitari. Io trovo questo ragionare vergognoso e dico che il povero animale qui rappresentato viene offeso una volta di più perchè il suo dolore viene impudicamente esposto.

    Non ho blog, mi astengo dal fare spam per rispetto verso gli altri

    RispondiElimina
  9. non ho voglia di litigare.mi scuso per le" parolacce" e per lo spam,che spero non abbia offeso a morte nessuno
    Le foto sono necessarie, sono prove,non è che ci faccio i calendari o le pubblicità,scusami tanto ma continui a dire minchiate o mio caro albigin
    e rileggendoti ne dici proprio tantissime,.
    tranquillo ti ho letto solo io.
    ciao

    RispondiElimina
  10. Per Albigin:I calendari erotici e le foto porno non strumentalizzano il dolore di nessuno, chi si fa fotografare nudo o nuda o durante un amplesso mica sta provando dolore. Tatigo

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post