La roulette russa delle carceri italiane


E con questo fanno settanta soltanto nel 2009, cioè più o meno uno ogni cinque giorni.

E' una strage in piena regola che si consuma nell'indifferenza generale: come se il fatto che qualcuno abbia compiuto un reato, e quindi si sia meritato giustamente la galera, autorizzi a pensare che delle sue condizioni di vita ci si possa allegramente disinteressare, anche se sono così disumane da indurlo ad ammazzarsi.

Il che equivale a dire che in Italia c'è la pena di morte, in una forma ancora più grave (se possibile) di quanto avviene nei paesi in cui essa è formalmente in vigore, perché non viene comminata da un giudice sulla scorta della gravità del reato compiuto, ma tocca in sorte ai singoli individui a seconda della loro capacità di sopportare il degrado in cui sono costretti a vivere, a prescindere dal crimine di cui si sono macchiati.

In simili condizioni uno stato depressivo, un momento di debolezza, perfino un attimo di scoramento possono risultare fatali: una vera e propria roulette russa, che il boia rimane a guardare pasciuto e indifferente, limitandosi ad un'indolente conta dei caduti.

Senza nemmeno l'incombenza di affilare l'ascia.

Questo post è stato pubblicato il 23 dicembre 2009 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

2 Responses to “La roulette russa delle carceri italiane”

  1. Su questo, i sedicenti "difensori della vita", che si stracciano le vesti per gli embrioni di pochi giorni e i malati in stato vegetativo, non hanno mai nulla da dire...

    RispondiElimina
  2. Ovvio: per loro la pena di morte è una cosa legittimata da Dio in persona! Figuriamoci se osano contraddire il loro supereroe che sta nei cieli!
    Cattolici di merda!

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post