Una buona occasione per dissipare l'odio


Ecco, adesso sarebbe il caso che quelli della maggioranza di governo accettassero la decisione del CSM con compostezza e serenità, utilizzando toni pacati, evitando di gridare al complotto e astenendosi dall'accusare i giudici di faziosità.

Tanto per dimostrare che quando il momento si fa grave loro sono capaci di dare il buon esempio, iniziando fattivamente a dissipare il clima d'odio che è stato creato ad arte da tutti gli altri.

Staremo a vedere.

Questo post è stato pubblicato il 14 dicembre 2009 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

4 Responses to “Una buona occasione per dissipare l'odio”

  1. Metil, quella del Csm non è una decisione (vincolante) ma un parere; semplicemente, fa comprendere che esistono buone probabilità che una legge così, se approvata, venga poi bocciata dalla Corte costituzionale.

    In verità quella che servirebbe sarebbe un'amnistia vera, chiamata con il suo nome, per i reati dei poveri cristi, molti dei quali legati a tossicodipendenze che andrebbero curate e non punite o al consumo di sostanze proibite che (a differenza dell'alcol)non creano alcuna dipendenza. Seguita da una vera riforma del sistema giudiziario.
    Purtroppo, sull'anticostituzionalità della situazione carceraria né il Csm né la Corte sentono il dovere di esprimersi. I detenuti, per cercare di ottenere giustizia, devono portare le loro denunce in Europa.

    RispondiElimina
  2. cioè,serena,parafrasando quel che dici,ci sarebbe bisogno di Politica vera, non ideologizzata,ma che affronta le questioni per quello che sono davvero.
    Io ho 30 anni,e praticamente ci sono questi politici da sempre x me,e non mi pare di aver mai visto un approccio simile nel nostro paese.
    Mirko

    RispondiElimina
  3. Le parole di un mio amico avvocato quando ho chiesto il suo parere sul processo breve:

    In pratica è come se normalmente tu ci metti 4 ore per andare da roma a milano in 500, ora ci dovresti mettere 2.
    come???

    in pratica fanno una riforma senza riformare nulla e NON dando i mezzi per cambiare quello che non va.

    E' un po' come dire che per combattere i ritardi dei treni si allungano i tempi di percorrenza.
    (cosa x altro fatta negli anni 80 credo)

    RispondiElimina
  4. o come dire che per combattere i ritardi dei treni, il treno si fermi all'orario previsto di arrivo in stazione, ovunque si trovi

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post