Provocazioni platinate


Siccome, a meno di clamorose rivelazioni, mi risulta che Gesù Cristo sia nato in Palestina, mi corre l'obbligo di comunicare al ministro Zaia che rappresentarlo biondo e con gli occhi azzurri come avviene nella maggioranza dei presepi italiani è una provocazione bella e buona.

Tanto quanto raffigurarlo nero come Kunta Kinte.

Questo post è stato pubblicato il 14 dicembre 2009 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

5 Responses to “Provocazioni platinate”

  1. Ho sempre pensato al fatto che questi esagitati e razzisti amanti del crocefisso altro non fanno che idolatrare un extracomunitario.

    RispondiElimina
  2. Questo post ha un vizio. Prende come assunto che la persona "Gesu Cristo da Nazareth", divina o umana, sia realmente esistita.
    Mi dispiace ma non possiamo metterci ad analizzare la razza di un essere immaginario. Per quanto mi riguarda questa discussione ha il livello scientifico dell'oroscopo o di quella del sesso degli angeli.

    RispondiElimina
  3. Bolla: se vedessi un Legolas alto un metro e una lattina e un Quasimodo senza la gobba sono sicuro che le riterresti raffigurazioni incorrette, anche se sono personaggi immaginari.

    Contando che i testi descrivono Gesù come palestinese, nato in palestina, figlio di una palestinese, con padre (adottivo o biologico) palestinese, un Gesù che sembra nato in Finlandia è tecnicamente sbagliato quanto uno nero pece.

    RispondiElimina
  4. vabbè questo mi sembra messo lì giusto per far polemica fine a se stessa ecco...

    RispondiElimina
  5. Quando ci si confronta con dichiarazioni come quella di Tosi e di Zaia, la logica è un intruso.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post