Lo sceriffo e il crocifisso



Stavolta a piazzare un bel crocifisso (alto tre metri) davanti al Municipio è stato lo "sceriffo", Giancarlo Gentilini, del quale mi pregio di riportare qui di seguito alcune notevoli dichiarazioni.

A Gorgo hanno violentato una donna con uno scalpello davanti e didietro. E io dico a Pecoraro Scanio che voglio che succeda la stessa cosa a sua sorella e a sua madre.
Gli extracomunitari? Bisognerebbe vestirli da leprotti per fare pim pim pim col fucile.
Darò immediatamente disposizioni alla mia comandante affinché faccia pulizia etnica dei culattoni: i culattoni devono andare in altri capoluoghi di regione che sono disposti ad accoglierli. Qui a Treviso non c'è nessuna possibilità per culattoni o simili.
Rispediamo gli immigrati a casa in vagoni piombati. I vagoni servirebbero per riportare i negri oltre frontiera.
Voglio la rivoluzione contro i campi dei nomadi e degli zingari: io ne ho distrutti due a Treviso.
Non voglio vedere neri, marroni o grigi che insegnano ai nostri bambini. Cosa insegneranno, la civiltà del deserto?
Non pare anche a voi che a certa gente i cosiddetti valori cristiani interessino soltanto quando c'è da mostrare un paio di bastoncini in croce?

Questo post è stato pubblicato il 10 dicembre 2009 in ,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

9 Responses to “Lo sceriffo e il crocifisso”

  1. impongono con la forza il crocifisso, ma si sollazzano con i riti celtici.
    promuovono odio e violenza contro zingari, stranieri e omosessuali.

    a questo punto, credo che sarebbe più corretto chiamare la lega nord "rifondazione nazista"

    RispondiElimina
  2. E ancora c'è il dubbio sul fatto che la lega rappresenti la parte peggiore dell'italia. Il grado zero della società italiana.

    RispondiElimina
  3. La gente che pensa così mi lascia talmente annichilita da non saper come reagire. Io vivo in un luogo dove l'andazzo, seppur meno estremista, è simile. Cosa possiamo fare?

    RispondiElimina
  4. "Non pare anche a voi che a certa gente i cosiddetti valori cristiani interessino soltanto quando c'è da mostrare un paio di bastoncini in croce?"

    Non c'è nessuna contraddizione. I "valori cristiani" sono sempre stati portati avanti da gente del genere. Mussolini in primis. Gli USA quando vogliono bombardare qua e là devono sempre giustificarsi con il loro God, Hitler (Gott mit uns), che anche lui non sapeva bene se stava con Dio o con Odino, come i leghisti che non sanno se sono celti o cristiani... ma tanto tutto fa brodo.

    RispondiElimina
  5. Gentilini andrebbe processato secondo il codice di Hammurabi

    RispondiElimina
  6. metil, hai la possibilità di citare le fonti delle frasi di questo orango razzista di Treviso?

    grazie,
    luca t.

    RispondiElimina
  7. Ha proprio ragione Lucrezia! I "valori cristiani" sono sempre stati imposti con la violenza a chi ne avrebbe fatto volentieri a meno. Non mi stupisce che la Lega difenda il crocifisso e diffonda odio per i "diversi", gli stranieri, gli "altri": è tutta nel solco dell'oscurantismo intollerante che contraddistinge le religioni.

    RispondiElimina
  8. I leghisti sono morti. E' gente andata a male. Sono morti dentro.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post