No B Day



Salvatore Borsellino.



Alessandro Gilioli.


Qui il suo discorso.

E qui un particolare che mi sembra interessante: c'erano anche gli elettori di Fini.

Questo post è stato pubblicato il 06 dicembre 2009 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

7 Responses to “No B Day”

  1. La voce di Salvatore Borsellino era pure la mia, la nostra.

    RispondiElimina
  2. Ho letto il discorso di Gilioli (e l'ho pure ascoltato, il tono è importante).
    Bello, non roboante, convincente, pacato (senza gli insulti che sentimmo mesi fa) e anche spiritoso. Sui contenuti, è il caso di dirlo ?, non posso che essere d'accordo. Solo una cosa mi lascia freddino: l'enfasi posta sulla rete. Non poteva essere diversamente, ovvio, in una manifestazione nata grazie ai blog (e alle brave persone che si sono sbattute per farla riuscire. Persone che mi danno anche l'idea di essere nuove, fresche), ma non credo che internet sia questa panacea. Magari fosse così...
    Ieri sera una persona, che lavora in centro a Milano -grossa ditta di moda,quindi gente piuttosto giovane- mi diceva che i suoi colleghi, tanti, non si separano mai dai loro PC portatili e votano in massa per B.
    Comunque speriamo bene. La mia, di speranza, dopo questa iniziativa è aumentata.
    Alessandro B.

    RispondiElimina
  3. Postilla al mio commento precedente.
    La mia speranzucola mattutina si è ridimensionata. Era euforia da post sbronza del sabato forse. Ho dato un'occhiata ai giornali: "La Repubblica" cartacea grosso titolo a mezza pagina (e vabbè...); "Il Sole"; "Il Corriere"; "La Stampa" (tutti on line, e non so quanto "aggiornati" alle ore 9) danno la manifestazione come quinta o sesta notizia. Non guardo la TV, ma immagino che alla cosa non si sia dato molto spazio. Il quotidiano della mia provincia, acquistato da tutte le famiglie, mette un occhiello in prima.
    Mi sa che siamo prigionieri. E meno male che non c'è più Previti. Lui, notoriamente, di prigionieri non ne faceva.
    Alessandro B.

    RispondiElimina
  4. Se speravi che i media dessero il giusto spazio alla manifestazione, eri illuso.

    Bisogna continuare a insistere per sfondare questo muro, non arrendersi subito.

    Comunque ieri eravamo davvero un milione. Gia' solo quelli arrivati coi 700 pulman, il traghetto dalla Sardegna, i treni erano ben piu' dei 90000 della Questura

    RispondiElimina
  5. Il discorso di Giglioli mi ha fatto venire le lacrime agli occhi.

    RispondiElimina
  6. stendo un velo pietoso
    il No B day, spacciata per grande novità, in realtà non aggiunge nulla che già non sapessimo riguardo alla politica italiana: l'opposizione si basa sull'antiberlusconismo e spera di eliminare il Cavaliere con l'aiuto delle toghe rosse. E Silvio avrà sempre buon gioco nel mantenere dalla sua la maggioranza del paese

    Spatuzza e il No-B Day : la strana alleanza contro Berlusconi

    RispondiElimina
  7. Interessante. Il mantra principale dei Berluscones è accusare l'opposizione di antiberlusconismo.

    Bisogna proprio avere gli occhi foderati di prosciutto, il cerume nelle orecchie e non saper leggere né intendere.

    Se l'opposizione fosse antiberlusconiana non ci sarebbe bisogno di manifestazioni del genere.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post