6 Presidenti con le palle

Vogliamo fare un po' un quadro dei 6 neoeletti/riconfermati Presidenti delle regioni Pdl/Lega? Dal Nord al Sud, ecco a voi la carrellata:
Roberto Cota, gladiatore della vita (quella nordica, si intende):

Sono per la difesa della vita e penso che la pillola abortiva debba essere somministrata quanto meno in regime di ricovero. [Domanda: "ma quindi quelle pillole che la Bresso aveva ordinato e che sono già arrivate in Piemonte, rimarranno nei magazzini?] Eh sì, per quanto potrò fare io sì.

Roberto Formigoni, l'imperatore eletto illegalmente, la cui storia parla per lui:
L'esperienza di Gioventù studentesca prima e di Comunione e Liberazione poi hanno rappresentato il terreno fertile su cui è germogliata la mia passione per la politica.

Luca Zaia, il pupillo di Bossi e il recordman di queste elezioni:
Mi sarò el Presidente de tuti; e par tuti me darò da far e tuti scoltarò!
[Sarà pure il Presidente di tutti, ma per esserlo la prima regola è farsi capire dalla gente. Si capisce bene, se il Presidente comunica con i suoi cittadini in veneto, chi ne rimane fuori]

La Presidente più discussa su questo blog, Renata Polverini, che mette subito le mani avanti alla maniera destrorsa:
Quando sarò presidente della Regione Lazio non ci saranno né spinelli in vendita nelle farmacie [spinelli nelle farmacie?!], né stupefacenti distribuiti su prescrizione medica.

Stefano Caldoro, inarrivabile per le qualità del suo primo sostenitore, Nicola Cosentino:
Una svolta storica che ci carica di una pesante responsabilità in una regione che fino a poco tempo fa era considerata un feudo rosso e dove era impossibile l’alternanza. Ora tocca mettersi al lavoro.
[Sono solo io, o il "tocca mettersi al lavoro" di Cosentino inquieta alquanto?]

Allora finiamo in bellezza con la Calabria di Giuseppe Scopelliti. Quando dico bellezza, intendo proprio bellezza, quella della sua candidata "velina" Italia Caruso: Ragazzi, non c'è che dire: si apre per le nostre regioni un periodo di progresso e prosperità.
Siamo proprio in buone mani.

Questo post è stato pubblicato il 31 marzo 2010 in ,,,,,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

10 Responses to “6 Presidenti con le palle”

  1. Avere o non avere le palle...siamo messi ancora così....io sono sprecato per questo Paese!

    ps flash dagospia
    flash! ore 22.40: il 'compagno clarinettista' woody Allen chiude con 'bella ciao' il suo concerto e l'auditorium di roma esplode di gioia e applausi...

    RispondiElimina
  2. dal commento della Polverini sugli stupefacenti si deduce che le anestesie nella regione Lazio (uso di stupefacenti con prescrizione medica) sono così terminate.

    RispondiElimina
  3. tutti in veneto parlano veneto e capiscono il veneto, anche i non veneti

    RispondiElimina
  4. Anke quelli di bolzano, ma fanno finta di sapere solo il tedesco.

    RispondiElimina
  5. E adesso quel troglodita di zaia come fatà a non riempirsi più la bocca co la fatidica frase "made in italy" sbandierata in tutte le tv dell'universo?

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Ti sei dimenticata la Puglia...o era solo un discorso a senso unico?

    RispondiElimina
  8. ...fate tre passi indietro, con tanti auguri... e ...subito condannato nuovamente Galileo... un paio di battute di Luttazzi o chi per lui, che in questo periodo (come in altri) mi sembra ci stiiino di molto bene... (ah il mio povero piemonte, a cosa si è ridotto) Sly Cat

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post