Don Luigi Verzè: l'imprenditore

A Silvio rivolgo un mio elogio. Da giovane faceva il cantautore da crociera, poi è diventato un imprenditore affermatissimo, infine solo per amore della Patria, come posso testimoniare, è diventato uno statista di fama mondiale. Don Luigi Verzè, 14 marzo
A quanto pare la longa manus di Don Verzè è sempre tesa.

Questo post è stato pubblicato il 15 marzo 2010 in ,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

6 Responses to “Don Luigi Verzè: l'imprenditore”

  1. al caro don Luigi vorrei solo ricordare quello che Paolo IV non si fece scrupoli di ricordarci: il Diavolo ESISTE! Occhio che all'inferno ci finisci davvero..

    RispondiElimina
  2. Chissà se il prete manager ha una qualche opinione sulle mignotte che popolano la vita dell'uomo che si è buttato in politica per salvare la pellaccia (altro che la Patria)...dubito...troppo occupato ad amministrare danaro...

    RispondiElimina
  3. si scusa.. straparlo.. Paolo VI... volevo dire... SESTOOO!

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Ohè ragassuoli, ma questo qua appare nella sua storia italiana fin dagli albori quando era un palazzinaro brianzolo vestito da gangster, mica è pizza e fichi! Però grazie alla vicinanza con Berlusconi è possibile comprendere appieno lo spirito pastorale e disinteressato della Chiesa: elementi come Don Verzè ed il mai troppo compianto Don Baget Bozzo sono la miglior rappresentazione del volto della Chiesa. Quello umano, eh. Poi c'è quello spirituale che attualmente è sotto i riflettori dei media mondiali.

    P.S. Scusate, àvo fatto erore de sintassi.

    RispondiElimina
  6. chi è costui, un nuovo comico ingaggiato da zelig?

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post