Il magazzino delle coscienze

cota
Da una parte c'è chi non fa in tempo ad vincere e già comincia ad imporre la propria coscienza su quella dei suoi avversari: dall'altra, invece, c'è chi continuerà a battersi per il diritto di tutte le donne, senza distinzione di orientamento politico, a decidere sul proprio corpo e ad abortire soffrendo il meno possibile.
Questa, governatore Cota, è la differenza tra voi e noi: provi a chiuderla in un magazzino, se le riesce.

Questo post è stato pubblicato il 31 marzo 2010 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

24 Responses to “Il magazzino delle coscienze”

  1. Che senso ha svolgere l'attività di politico, se non si ha la benché minima capacità di essere un rappresentante del popolo... di TUTTO il popolo?
    E invece no, molto meglio l'attività da signorotto locale in pieno stile medioevale, giunto a imporre la propria morale a tutti. E' un crociato, la Chiesa lo adorerà. Del resto, oltre alla vicenda legata alla RU486, ha già promesso di revocare il patrocinio al gay pride: http://www.voceditalia.it/articolo.asp?id=48929

    RispondiElimina
  2. Fossi cattivo, ma veramente bastardo dentro, mi verrebbe da sperare che la prima ad aver bisogno della RU486 avesse votato Cota.

    Paolo

    RispondiElimina
  3. Visto che a lui non servono, allora nessuno le può usare. Visto che lui non serve a noi, possiamo metterlo in soffitta?

    RispondiElimina
  4. con un giro di nastro adesivo attorno alle circonferenze e una svaporatina di cloroformio dietro le recchie e nelle narici?
    mi candido subito, mi piace usare il nastro da pacchi..

    RispondiElimina
  5. Come può essere possibile che un uomo decida del corpo di una donna nel 2010? Mi spiegate come? Io non riesco ad accettarlo. Sono una donna e non posso sopportare tutto questo.

    Quello che mi auguro è che al Sig. Cota capiti di dover affrontare la situazione in cui la sua compagna si rifiuti di avere un figlio...voglio vedere come mettiamo poi la cosa....vorrei proprio vedere! Cosa pensa che una donna sia scema? Trova un posto dove può andare...ovunque...che non sia il Piemonte...o l'Italia! Che ipocrisia!

    Non si può decidere per conto di un'altra persona....vogliamo parlare dell'aumento degli aborti clandestini? Vogliamo parlare dello spaccio illegale della pillola del giorno dopo?

    Ma questa gente vive nel mondo reale? A me non sembra!

    RispondiElimina
  6. @ Sleeper....chissà se nel futuro a lui servirà....a volte capita di essere accanto a una donna che non vuole avere figli, altre che il figlio che si è concepito non sia sano, altre che la donna non essendo scema decida di abortire dove come e quando vuole...

    RispondiElimina
  7. o forse l'on Cota è gay? E quindi non avrà mai di questi problemi?

    RispondiElimina
  8. Si infatti è ridicolo, a parte il fatto che sono sempre uomini a voler decidere su queste questioni, non è tutto così semplice e lineare come vogliono far intendere loro

    RispondiElimina
  9. Sleeper ti parlo da donna, anche se queste parole non le accetto...siamo persone prima di tutto. Cmq il fatto che a decidere sia una persona che fisicamente non può avere figli mi fa imbestialire, esattamente come quando sono preti uomini a giudicare e poi scopriamo abusi, crimini agghiaccianti che commettono.
    Una mia cara amica ha dovuto abortire 2 anni fa, con normale procedura...è stata trattata malissimo all'interno dell'ospedale...da infermieri e medici....hannno cercato di farla sentire in colpa....io con tutte le mie forze ho provato a dirle che il corpo e la decisione era la sua ...ma credimi è stata dura.
    Questa gente vuole giudicare, quando poi sono i primi a non pensarci su.

    RispondiElimina
  10. ps
    quello che auguro al Cota è di trovarsi accanto ad una donna che non vorrà soffrire con l'intervento doloroso e pericoloso.
    Ragazzi si tratta sempre di intervento. Vogliono che la donna senta dolore, ma stiamo scherzando...quale uomo che ama veramente la sua compagna si augura questo? Se mai malauguratamente dovesse accadermi cambio regione/paese chiaramente. Ma sono scemi? Ma credono che una donna si fermi perché in regione non sia possibile? Ma sono deliranti.

    RispondiElimina
  11. Io sto diventando patologicamente misantropo perché troppa gente è troppo odiosa e chi vuole insegnare agli altri a vivere è patetico, soprattutto se, come dici tu, poi nel suo privato fa cose peggiori di quelle che critica.

    RispondiElimina
  12. Sleeper sono convinta che questa gente (il Cota) con le proprie compagnie non sia così. Ormai siamo all'ipocrisia pura. Questa gente cavalca l'ignoranza del Paese.

    RispondiElimina
  13. La Ru486 è stata sperimentata anche in Toscana, all'ospedale di Pontedera (Pisa). "In Italia - ha detto Rossi - c'è una legge, la 194, che disciplina il ricorso all'interruzione volontaria di gravidanza. Il farmaco di cui si parla ha ottenuto l'autorizzazione alla distribuzione sul territorio nazionale. Infine, nel nostro Paese è garantita la libertà terapeutica, un ambito che riguarda solo il medico, il paziente e il loro rapporto. Tutto il resto sono chiacchiere inutili".

    Che ci vuole a fare un salto in Toscana dal Piemonte?

    RispondiElimina
  14. Io, visto che Cota ha una figlia femmina mi auguro che resti incinta e voglia bortire....poi vediamo se papino in Regione non fa nulla per la sua cara figlia....questa è l'Italia!

    RispondiElimina
  15. Il problema è che chi vota questi figuri, concorda con la linea.
    E allora, avanti con l'ostruzionismo... chi se ne frega degli altri.

    RispondiElimina
  16. posto che i benestanti e i ricchi in genere con gli aborti non hanno mai avuto grandi problemi,data la loro disponibilita' economica... almeno va riconosciuto che i piemontesi sapevano cosa andavano a votare: la lega almeno non nasconde il proprio volto mostruoso.
    Mirko

    RispondiElimina
  17. Allora i piemontesi sono coglioni, almeno quelli ke hannovotato quel cretino di cota.

    Roby

    RispondiElimina
  18. Ragazzi, io purtroppo ho abortito quando avevo 18 anni. Ora ne ho 30 anni, e ancora mi lecco le ferite. Ovvio, è stata colpa mia (nostra), ovvio che è giusto sentire colpa e dolore per una vita che comunque si interrompe. Ma a 18 anni si può sbagliare, così come a 30 o 45 (perchè conosco anche una donna che ha abortito perchè è rimasta incinta a 45 anni dopo anni in cui pensava di non potere avere figli, e non se l'è sentita).
    E però la maniera in cui sono stata trattata, la solitudine, il disprezzo, la sufficienza e anche la vera e propria incuria medica non me le meritavo comunque. E' stata un'esperienza terribile, ricordo ancora che mentre faceva effetto l'anestesia (anestesia totale! Ne vogliamo parlare?) il chirurgo ha sbuffato a voce alta "ma queste qua oggi si sono presentate tutte? Non potevano starsene a casa a dormire? Ma che palle!". E' il risultato è stato che ha operato con tanta incuria che ho dovuto ripetere l'intervento tre giorni dopo, dopo tanti dolori, un'emorragia e una vista al pronto soccorso in cui mi hanno fatto aspettare 5 ore su una panchina in quello stato!
    Scusate lo sfogo, ma oggi leggere che questo inetto schifoso si permette di giocare al politico su queste cose, mio fa montare una rabbia e un solore insopprimibili. Io sono di Torino e Cota non l'ho votato nè sostenuto con un "voto di protesta", e non è giusto, non è giusto che questo accada!
    G.

    RispondiElimina
  19. Come se non bastasse, giusto per dimostrare che non ha il minimo senso della politica e della civiltà, ha anche detto che toglierà il patrocinio al gay pride di Torino. Un atto fisicamente meno dannoso del blocco della Ru496, ma civilmente altrettanto grave.

    RispondiElimina
  20. Credo anche i laziali, la Polverini non si è ancora espressa ma credo che la linea sia la stessa. Negli ospedali romani il trattamento in caso di aborto è lo stesso purtroppo di ciò che ho letto dal racconto di G.
    Le donne vengono trattate malissimo quando entrano per abortire. Insulti e poca attenzione. Il Papa oggi dichiara che è per l'obiezione, certo fa il suo lavoro e le pecore italiane che seguono....complimenti! Intanto voglio vdere se sarà chiamato a testimoniare per aver nascosto preti pedofili. Da che pulpito viene il giudizio!

    RispondiElimina
  21. spero che la prima donna che avrà bisogno di questa pillola abbia votato grillo

    RispondiElimina
  22. Anonimo 21:22 scrive "Vogliono che la donna senta dolore", è vero. E' una tipica tecnica di sottomissione. E' come pigliare a pugni la compagna e a bastonate il gatto. Perché non puoi farlo col capo bastardo che lo fa a te perché non può farlo col suo capo..

    Tenere le donne in condizione di inferiorità serve a mantenere il potere.
    Poter abortire sarebbe "concedere" un potere decisionale alle donne: o lo levano o infieriscono psicologicamente sulla donna che di sicuro non si sta divertendo in una situazione del genere. Mi dispiace per G. e per tutte le donne che sono state umiliate in quei modi osceni da chi teneva il bisturi in mano. E' ancora più facile del bastonare il gatto di cui sopra, almeno quello ha la possibilità di sfoderare gli artigli.
    No, non bisogna augurare neanche alla figlia di Cota una cosa così tremenda come un aborto.

    Trovo le giustificazioni antiabortiste generalmente ridicole. Generalmente provenienti da uomini. Generalmente ignoranti. Ricordate il servizio delle Iene di qualche anno fa dove alcuni onorevoli non sapevano neanche la durata della gravidanza umana? uno ha risposto qualcosa tipo 30 mesi..e 'sti ebeti decidono per noi..
    Per fortuna non vanno in giro ad ammazzare i medici che praticano aborti, come è successo negli Stati Uniti. Se sei un esponente di un movimento per la vita è coerente andare a uccidere, no?

    Il papa è contro l'aborto perché hanno bisogno di taaanti bambini. Così scelgono i più carini.

    Slotin

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post