Meglio così

Se vivessimo in un paese come quello che avrebbe voluto lui, nel quale i più deboli vengono dileggiati, insultati e umiliati, Pier Gianni Prosperini avrebbe trovato sotto l'ospedale una folla incarognita pronta a sputargli in faccia e a prenderlo per il culo, magari invitandolo sguaiatamente a "ciapa' su la lametta e andarsene al cimitero".
Per fortuna non è così: nonostante Prosperini e i suoi sodali, e con tutte le sue (gravissime) imperfezioni, questo continua ad essere un paese garantista, anche quando i diritti che si devono garantire sono quelli di chi fino al giorno prima faceva il giustizialista gradasso con i ladri di polli.
Io continuo a trovare rassicurante l'idea di vivere in un paese così: lui ringrazi il cielo di non essere riuscito a farlo diventare come voleva.
Oggi, che il più debole è lui, se la vedrebbe brutta assai.

Questo post è stato pubblicato il 25 marzo 2010 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

3 Responses to “Meglio così”

  1. Così, a gradire:
    http://www.youtube.com/watch?v=rBqos2hvIYQ

    RispondiElimina
  2. Quando il gioco si fa duro i duri iniziano a giocare :-))
    E questo qua, per quanto abbia fatto il gradasso, non è che una mozzarellina.
    Paolo

    RispondiElimina
  3. Ogni volta che leggo o ascolto la valanga di improperi, insulti e aggettivi di varia natura, che questi signori usano con grande disinvoltura, penso sempre che stiano parlando di sè come dallo psicoanalista.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post