E Padova dove la mettiamo?

Dopo Roma e Milano tocca a Padova: stavolta il trascurabile problema è che le liste sarebbero state firmate anche da tre morti, e la Procura di Padova (burocrati disfattisti) non ha trovato niente di meglio da fare che aprire un'inchiesta.

Che palle 'sto formalismo, eh?

Questo post è stato pubblicato il 01 marzo 2010 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

15 Responses to “E Padova dove la mettiamo?”

  1. Quando uno dice che l'Italia è il regno dell'irregolarità e dell'illegalità, ci si riferisce proprio a questo.
    Se uno va ad analizzare al di là del colore politico (anche se i pdllini dominanti sono più arraffini visto che comandano...), ad ogni livello l' "amicizia" o il "ma si tanto chi controlla" è diffusissimo.

    RispondiElimina
  2. Tanto finirà tutto a tarallucci e vino, sia qui che in Lombardia e Lazio. Figuratevi se il PD perderà una così ghiotta occasione per fare un favore al Berlusca...

    RispondiElimina
  3. Vi segnalo un commento da piovono rane:

    Catia scrive:
    1 marzo 2010 alle 15:52

    Lo so che non si spara sulla croce rossa, però…
    Ho mandato un commento sul sito della Polverini. Un commento educato, quasi affettuoso, un po’ falso perché temendo che non me lo avrebbero fatto passare ho provato a indorato la pillola. Testuale:

    Signora Polverini,
    per favore, lei stessa non crede alla buffonata che “nel momento della presentazione formale delle liste è stato fisicamente impedito ai nostri delegati di ultimare la consegna del materiale necessario”. Mi stava anche simpatica, fossi stata nel Lazio l’avrei pure votata, ma si ricordi è lei che ci mette la faccia, non se la bruci in questa farsa solo per fare il lavaggio del cervello alla gente, non sono tutti stupidi e di memoria corta, le elezioni passano e si possono pure perdere, ma questo è un cazzotto definitivo alla sua credibilità.

    Nonostante il mio lecchinaggio, il moderatore lo ha cassato.
    Io però volevo esserci in quel meraviglioso sito, e soprattutto ci tenevo a dire una cosa ben precisa alla Polverini. E allora ho cambiato nome, ho cambiato email, ho cambiato proxy, e ho ritentato e… ce l’ho fatta! E così

    ranocchia scrive:
    1 marzo 2010 alle 15:17

    Brava,parole chiare ci vogliono!!!!Una sinistra come questa,violenta e sleale,deve essere fermata.Fagli vedere che sei la migliore.Forza,e anche questo ostacolo sarà superato!!!Ovviamente voterò per te,so che non mi deluderai.Non arrenderti mai.Ale.

    Ne ho concluso che lo staff della Polverini non solo non conosce i proxy,
    ma soprattutto… non conosce gli acrostici ;)

    Saluti da “ale” la “ranocchia”!

    RispondiElimina
  4. ma non era il nano che ha fatto ricontare le schede di una passata elezione,strillando ai brogli della sinistra? mi sa che i brogli li fanno loro e neanche tanto bene,andiamo indietro e facciamo ricontare i voti di quando ha vinto lui e vediamo quanti brogli avrà organizzato?
    IL RE E' NUDO E TUTTI LO STIAMO VEDENDO E HA IL PISELLO PICCOLO!!!!!!

    RispondiElimina
  5. state tranquilli, faranno un decreto su misura, figurarsi se sono disposti a perdere il lazio o peggio ancora la lombardia!

    RispondiElimina
  6. Come se il PD fosse al di sopra della legge...Stavolta, inciuciare è difficile...E comunque se si esce da 'sta situazione è per forza con l'imbroglio...

    RispondiElimina
  7. OT per necessità:non trovo più il post dedicato (scrivete troppo,troppooooo)
    Ora la grafica è ok.grazie.

    RispondiElimina
  8. il Pd ,all'epoca Margherita,coi morti ci gonfiava il numero dei tesserati.

    RispondiElimina
  9. Caro Metilparaben, ti rivolgo un quesito.

    Sono convinto che buona parte delle firme di presentazione delle liste alle elezioni siano FALSE. Vedi il caso in Veneto dove risultano firmatari 3 morti. O vedi il consistente numero di firme doppie.
    Ci sono diversi modi di carpire dati personali quali il numero di carta d'identità ed è inutile che stiamo qui a enumerarli.
    Ora mi chiedo: un cittadino può sapere se risulta essere sostenitore di una qualsiasi lista?
    A chi potrebbe rivolgersi?

    RispondiElimina
  10. forse un rosso un filino più…spento?
    ok, ok, dicevo cosi'..
    mica son l'unica che dice cose a cazzo,in fondo.

    RispondiElimina
  11. Questo è solo l'inizio. Ora faranno un decreto su misura "ad listam" magari con il voto del PD.

    RispondiElimina
  12. Trucco copiato da Telespalla Bob dei Simpson...fa votare i morti per diventare sindaco...d'altronde i diritti su quel cartone li ha Mediaset...

    RispondiElimina
  13. Aspettate qualche giorno e saprete anche se sono stati fatti illeciti nelle Marche... abbiamo depositato oggi la richiesta di accesso agli atti in tutte le province. Dai prossimi giorni l'esercito radicale marchigiano entrerà in tutti i tribunali a scremare le liste illegali!

    RispondiElimina
  14. Aspettate qualche giorno e saprete anche se sono stati fatti illeciti nelle Marche... abbiamo depositato oggi la richiesta di accesso agli atti in tutte le province. Dai prossimi giorni l'esercito radicale marchigiano entrerà in tutti i tribunali a scremare le liste illegali!

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post