Il muro di silenzio

Toh, adesso qualcuno (occhio, non un blogger qualsiasi, ma nientepopodimeno che il Ministro della Giustizia tedesco) si è accorto che il Vaticano ostacola le indagini sui preti pedofili, attenendosi al documento "De delictis gravioribus", scritto nel 2001 dall'allora cardinale Joseph Ratzinger.

Avete capito bene: si tratta della stessa persona che oggi sostiene di condannare la pedofilia nella Chiesa.

Che coincidenza, eh?

---
Grazie a Valerio Colicchia per la segnalazione.

Questo post è stato pubblicato il 08 marzo 2010 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

11 Responses to “Il muro di silenzio”

  1. guarda dire che mi viene schifo è dire poco!

    RispondiElimina
  2. No dai, che sennò poi dicono che sei un radicale mangiapreti! :-)

    RispondiElimina
  3. Sentire b4x4 dire che intende fare chiarezza sui preti pedofili equivale a sentire il nano che dice di voler combattere la mafia e la corruzione.

    RispondiElimina
  4. quoto giovanna....cazzate propagandistiche in entrambi i casi...

    RispondiElimina
  5. Visto che siete tanto scandalizzati, mi spiegate esattamente come il De Delictis Gravioribus Ostacolerebbe la giustizia?

    Perchè è un'immane cavolata.

    RispondiElimina
  6. Perchè in quel modo lavano tutti i panni sporchi in casa, i pedofili accertati, vengono spostati da una chiesa all' altra, come è stato accertato quando le indagini le ha fatte la polizia del posto, non ricevono nessuna condanna e le vittime vengono sistematicamente ignorate.

    RispondiElimina
  7. E visto che stiamo in tema, per i più forti di stomaco c'è questo filmato...

    http://laici.forumcommunity.net/?t=22798786

    RispondiElimina
  8. Quale modo, Anonimo?

    Comunque, sai chi era ad insabbiare tutto e limitarsi a spostare i colpevoli, almeno secondo il rapporto della Commissione Cattolica che ha studiato i casi negli USA? I loro vescovi. Per questo i delitti più gravi il De Delictis vengono avocati alla Congregazione per la dottrina della fede, proprio per evitare che il vescovo locale faccia come gli pare. Guardate infatti i commenti di Repubblica ai tempi:
    http://paparatzinger3-blograffaella.blogspot.com/2010/03/nel-2001-il-documento-de-delictis.html

    Ad ogni modo, non troverai da nessuna parte che i reati devono essere nascosti alla giustizia degli stati. Semplicemente perchè il documento tratta di diritto canonico, un'entità universale che, trattando di cose legate alla fede (per esempio quando un sacramento debba essere considerato nullo, o quando un sacerdote debba essere rimesso allo stato laicale), prescinde dalla presenza e dall'ordinamento degli Stati. La necessità del cattolico di collaborare con le Istituzioni per l'adempimento della Giustizia sta sul Catechismo della Chiesa Cattolica.

    RispondiElimina
  9. Allora avete capito che il De Delictis non c'entra?

    Anche perchè nello scandalo tedesco si parla di crimini di fino a 60 anni fa, cosa ci combinerebbe un documento del 2001???

    RispondiElimina
  10. Ehi, allora qualcuno ha dato un'occhiata a cosa sia il De Delictis???

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post