Niente mimosa, grazie

Uomini e donne, ragazzi e ragazze, devono essere educati sui diritti umani delle donne ed edotti circa la responsabilità che tutti hanno di rispettare i diritti altrui. Ciò dovrebbe includere il riconoscimento del diritto delle donne di gestire il proprio corpo e la propria sessualità.
Così Navi Pillay, alto commissario della Nazioni Unite per i diritti umani.
E qui è dove andrò io a festeggiare l'8 marzo.
Perché in Italia la vera emergenza donna non è tanto la scarsa rappresentanza in politica o le discriminazioni sul lavoro. E' quello che chi detiene i poteri nel nostro paese vuole imporre sul corpo della donna.
Oggi vieni anche tu. E' molto meglio che regalarci una mimosa.

Questo post è stato pubblicato il 08 marzo 2010 in ,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

5 Responses to “Niente mimosa, grazie”

  1. sarò tradizionalista ma a mia mamma che ancora ci tiene io la mimosa la regalo... farò male?

    RispondiElimina
  2. ciao

    a parte i complimenti per il blog che seguo a tempo e che trovo ironico ed interessante avevo una domanda:

    il layout lo hai creato con iweb? (emplice curiosità)

    ciao

    RispondiElimina
  3. L'ho scaricato così com'è e ho fatto qualche piccola modifica.

    RispondiElimina
  4. La dichiarazione di Navi Pillay ci chiama tutti alla responsabilità di adulti nei confronti dei più giovani.
    La società può essere migliorata a partire da fatti concreti come questi.
    Aspettare di seguire altri, che prendono posizione al nostro posto, si è già rivelato un errore.

    RispondiElimina
  5. Mi trovo d'accordo.

    Questa festa è uno schifoso modo per lavare la propria coscienza di tutte le violenze e le discriminazioni contro le donne che avvengono ogni giorno in questo paese.

    Si vuole cancellare con un fiore la memoria di tutte le volte che in quest'ultimo anno si è stati in silenzio per quieto vivere...

    quando una ragazza deve scendere dall'autobus perchè qualcuno la palpeggia e nessuno si prodiga ad aiutarla
    quando si alza la tv mentre la vicina urla
    quando si riduce al silenzio la denuncia di pedofilia di una bambina e a volte la si accusa anche di mentire.
    quando il rispettabile italiano,magari padre di famiglia va a puttane alimentando il traffico della prostituzione.
    quando la vittima dello stupro di turno viene additata come "un po' zoccola".
    quando una ragazza viene obbligata a firmare le dimissioni in bianco per quando rimane incinta.
    [potrei continuare ma mi fermo qui]

    per questo ho rifiutato ogni ramo di mimosa offertomi oggi, perchè accettarlo vorrebbe dire rendersi complici di questa omertà.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post