Bricolage amministrativo


Fino a pochi giorni fa, se eri uno sconosciuto amministratore locale e volevi guadagnarti quattro righe su un giornale ti toccava fare qualcosa di minimamente significativo: chessò io, protestare contro il passaggio della TAV, inventare delle misure innovative in sostegno dei poveri, o per assurdo farti arrestare per aver intascato un paio di bustarelle.

Oggi, a quanto pare, basta armarsi di chiodi e martello, appendere in giro qualche crocifisso e il gioco è fatto: impiegando una decina di minuti scarsi ti becchi un bel titolo sul giornale, con tanto di nome e cognome.

Lo vedi che alla fine torna utile, saper fare i lavoretti in casa?

Questo post è stato pubblicato il 21 novembre 2009 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

17 Responses to “Bricolage amministrativo”

  1. Soltanto se dovessero pagarli di tasca loro applicherebbero l'euro-sentenza.

    Speriamo che a qualcuno sfugga il martello.

    RispondiElimina
  2. @ Jinocchio

    Giustissimo, se la religione cattolica se la pagassero i credenti sarebbe scomparsa da un pezzo.

    RispondiElimina
  3. che bello tutti a volere il crocefisso per forza!!!
    Da una paio di settimane a questa parte prima se ne sbattevano tutti le OO!
    Tra un po' che ci sarà???

    Ogni tanto mi domando se queste mode mediatiche (perchè qua non si sta parlando di fede, qua è solo e solamente UNA MODA!!!) sia messe su ad arte per distrarre l'attenzione pubblica da altre cose, che so, la privatizzazione dell'acqua o i processi brevi (che non è che hanno fatto in modo o hanno dato i mezzi per riuscire ad accorciare i processi, cosa che poteva essere alquanto utile, no hanno semplicemente detto "Ao, voiartri dovete mettece du anni pe ogni grado de giudizio. Se un ci riuscite 'avoli vostri si va tutti a 'asa!)

    RispondiElimina
  4. Il crocifisso, grazie alla sentenza imbecille della Corte Europea, non rappresenta piu' il Cristo sulla Croce, ma e' diventato il simbolo di un'identita' che il multiculturalismo idiota che oggi va di moda vuole gradualmente cancellare.
    Ovvie le reazioni di qualcuno: reazioni polemiche a scopo di sfida verso la cretinaggine europea.
    Io il Cristo non me lo sono mai cagato, e cosi tutta la gente "cattolica" che conosco: pero' se lo vogliono togliere mentre l'Europa, dappertutto, viene invasa da nuove identita' religiose e culturali che non collaborano per niente con le tradizioni "laiche" europee e impongono addirittura le leggi religiose della Sharia, vestono le loro donne come suore di clausura, praticano la mutilazione genitale e poi, in segno di scherno, si mettono a pregare il loro Dio sollevando il culo in Piazza Duomo, quasi a scoreggiare sul naso del Cristo Cristiano...beh, allora il Crocefisso mi diventa simpatico e lo metterei anche al Bar dello Sport.
    Il crocifisso come identita' dell'Occidente.

    RispondiElimina
  5. Il crocifisso come identità dei poveri di spirito.

    RispondiElimina
  6. Tu, anonimo, sarai riccho di spirito, pero' intanto il crocifisso sta al suo posto a rappresentare in ogni luogo, pubblico e privato, che qui siamo nell' Occidente capitalistico, corrotto, depravato, laico, confessionale, libero, lurido, pieno di froci e di puttane per strada: un postaccio dove tutto il resto del mondo vorrebbe, se potesse, venire a vivere. Perche' i Cristiani, credenti o non credenti, crocefisso a parte, hanno fatto meglio del resto del mondo: fino a prova contraria.
    Quindi, come segno di comune identita' e di una comune cultura che ha avuto, inquestionabilmente, molto, ma molto piu' successo di quelle del resto del mondo, e i cristiani credenti, anche loro, hanno fatto la loro parte, io, che credente non sono, ma non posso non sentirmi "cristiano", metterei il crocifisso anche all'ingresso delle discoteche, degli stadi e dei vespasiani. Cosi quelli che vengono da fuori capiscono che sono in Terra Straniera. E non se lo dimenticano.
    E poi quello che sta inchiodato sulla Croce, sara' anche stato un po' bigotto, ma non ha mai detto che i froci bisogna impiccarli. Almeno questo glielo dobbiamo riconoscere: o no?

    RispondiElimina
  7. ma di la verità anonimo tua moglie/marito si è trombata/o un/una musulmana/o

    RispondiElimina
  8. "E poi quello che sta inchiodato sulla Croce, sara' anche stato un po' bigotto, ma non ha mai detto che i froci bisogna impiccarli."

    Direi che fra le varie "tradizioni" ed "identità religiose" nel mondo... E' una bella gara a chi fa più schifo. Ma quella del crocifisso non sfigura. Basta guardare alla storia.

    p.s. Se l'"occidente" sulla questione dei diritti umani è più avanti rispetto al resto del mondo, lo è non grazie alla tradizione cattolica, ma a quella illuministica che era in opposizione radicale alla prima. Ora che ci penso ma non è stata la corte dei diritti umani a pronunciarsi contro il crocifisso... oibò!

    RispondiElimina
  9. dovrebbe essere messo proprio male l'occidente per aver bisogno come simbolo della figura mitologica di un masochista figlio di NN...

    non scherziamo nemmeno.

    come simbolo quello lo lasciamo alle persone orgogliose di aver avuto come leader spirituale un tizio che ci godeva a frustarsi... altro che s&m.....

    http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/cronache/200911articoli/49603girata.asp

    RispondiElimina
  10. Ma che confusione ! Provo (immodestamente) a rimettere un po' d'ordine. Intanto la famosa sentenza della Corte di Giustizia Europea, se qualcuno ha voglia di leggerla, dice solo che non si può rendere OBBLIGATORIO il crocifisso e non si azzarda minimamente a chiedere di rimuoverlo.
    Vi ricordo poi che l'Occidente ed i cristiani non sono affatto un corpo unico e che si sono sbudellati per secoli (fino al 1945) anche per decidere quale delle sottomarche del cristianesimo fosse la migliore.
    Chiudo ricordando a tutti che il primo comandamento VIETA ESPLICITAMENTE a tutti i credenti in dio di adorare qualsiasi oggetto, e che non è mai stata approvata una deroga per i crocifissi. Hanno quindi ragione i Testimoni di Geova e tutti coloro che tacciano di idolatria i cattolici. A scanso di equivoci; io sono ateo, ed anche sbattezzato.

    RispondiElimina
  11. Io con la mia compagna (in attesa del rinnovo del permesso di soggiorno, di cui lo stato è mesi in ritardo) ci siamo fatti il culo a strisce ad aggiustare una tapparella larga 2 metri e mezzo. Siamo proprio stati rincoglioniti, ci bastava dipingere una croce tra i due spezzoni che sarebbero piombati centinaia di volontari a fare il lavoro per noi......ma ho ancora una tenda da aggiustare....chissà che.....
    A parte le storie, l'abbiamo capita. Magari cambiamo argomento con i post? Se veramente la gente vuole dimostrare qualcosa contro la Chiesa può sbattezzarsi e/o può evitare di iscrivere i propri figli all'ora di religione. Se preferisce il contrario vuol dire che le sta bene anche tutto il contorno...sapete democrazia, stato di diritto, concordato, costituzione, una montagna di merda scritta comunque......

    RispondiElimina
  12. Ridaje Forza Nuova, croce abbinata a tricolore e scritta "Dio, Patria e Famiglia".
    http://www.bergamonews.it/politica/articolo.php?id=18533

    È vero, 'ste notizie finiscono per annoiare. Ma il fatto che gli episodi si moltiplichino e talvolta siano pure ben accolti da un'opinione pubblica belluina non può non preoccupare.

    RispondiElimina
  13. @12 Serena: Si, gli episodi si moltiplicano; si, la ripetizione annoia. Eh si, in teoria potrebbe preoccupare, senonchè.......come hai suggerito e come ti correggo sono SPESSO ben accolti dall'opinione pubblica! Per il resto mia personalissima opinione: se tutto ciò che serve l'UE è delle "pronunce" del 'menga' potevamo stare dove stavamo. Preferivo che intervenisse SERIAMENTE su ben altri argomenti della realtà italiana. Esempi? MAFIA e POLITICA (permettete? non è plausibile infettare il parlamento europeo con i nostri virus), POLITICA e CHIESA (e non per quel che riguarda il crocifisso...ma ben altro: sovvenzioni a scuole, ospedali, esenzioni, etc,etc...con tutto quel che ne consegue), CHIESA e MAFIA (chissenefrega?.....senonchè, dal primo collegamento.......bè, meglio interessarsene). Tutto sommato, sebbene mi fa sorridere di approvazione la pronunzia dell'UE, mi viene da dire.....ma.......TUTTO QUA? Un crocifisso? Ma chissenefrega? Ma lo appendo al contrario se proprio! Io vorrei che il colpo d'accetta avvenga alle radici! Siamo nell'UE....ma siamo comunque indipendenti, per fortuna. Come avrebbe voluto dire Gaber, siamo nella merda.

    RispondiElimina
  14. L'Italia ha sottoscritto una Convenzione sui diritti dell'uomo, che ha il dovere di rispettare. A questo punto il governo scelga, se preferire la Convenzione, la Corte Europea e la Costituzione italiana, oppure se preferire il rapporto privilegiato per la Chiesa Cattolica. Se preferisce mantenere la Convenzione, sia coerente, e fermi il proliferare di stravaganze ad opera dei suoi amministratori. Se invece il governo preferisce le grazie della Chiesa, sia coerente, stracci la Convenzione, stracci la Costituzione e la riscriva specificando la confessionalità dello Stato Italiano.

    RispondiElimina
  15. @ Ozymandias:
    • La pronuncia sul crocefisso non è di un organo UE, ma della Corte europea dei diritti dell'uomo , che fa capo al Consiglio d'Europa (dentro gli Stati europei ci sono tutti, salvo la Bielorussia e, guarda un po', il Vaticano).

    • La Corte non sceglie i problemi da affrontare, si esprime solo su ricorsi di uno Stato o di singoli cittadini che,in precedenza, devono aver tentato tutte le vie possibili del diritto nel proprio Paese, senza ottenere l'accoglimento dell'istanza . Vista la lentezza del sistema giudiziario italiano, gli anni passano.

    Ci vuole molta determinazione per arrivarci; onore, quindi, alla cittadina italiana che ha avuto la costanza di contestare la presenza del crocifisso nelle aule delle scuole frequentate dai suoi figli, portando la questione fino a Strasburgo.

    RispondiElimina
  16. Gli occidentali hanno fatto peggio di tutti gli altri popoli messi insieme.
    Tant'è vero che gli occidentali sono infelici anche con tutto il benessere materiale che hanno accumulato rapinando il resto del mondo e le generazioni future.
    Tutto questo non ci ha liberato dal dover lavorare 30-40 ore a settimana, a cui vanno aggiunte le ore per i trasforti e per la trasformazione del denaro in cibo.
    I boscimani lavorano 2-3 ore al giorno (e significa che ottengono il cibo in 2-3 ore al giorno): il resto cantano, ballano e suonano; senza la moderna medicina hanno un'aspettativa di vita di 60 anni.
    Noi ne abbiamo 80, ma lavoriamo molto più, dobbiamo perdere tempo nei negozi (perchè il nostro lavoro non ci da direttamente cibo, ma denaro da convertire) e nel traffico (più mille altre faccende noiose), mangiamo per lo più cibo di merda,il poco tempo libero lo sprechiamo per lo più in shopping e televisione.
    Questa è la civiltà che abbiamo allestito rapinando miliardi di persone.
    Come se non bastasse ci abbiamo caricato sopra il cristianesimo, per dire una csoa e farne un'altra.
    Ecco: noi abbiamo fatto meglio di loro.
    Di loro chi?

    RispondiElimina
  17. @ Jinocchio:

    In pratica hai trovato la formula della felicità: zappare la terra e mangiarne i frutti. Ottimo davvero.
    Giusto per curiosità, che ci fai su internet?

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post