Mancano solo i locali per scambisti


aosta

Questo post è stato pubblicato il 23 novembre 2009 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

13 Responses to “Mancano solo i locali per scambisti”

  1. Spero che non si dimentichino di metterlo nelle toilette, laddove Gesù, a volte, risulta essere più che mai necessario.

    RispondiElimina
  2. Vedrai che aggiungeranno l'obbligo di esporlo nelle moschee e nei luoghi di culto di altre religioni (satanismo incluso) che si trovano sul territorio italiano.

    La nostra classe politica è di una deficienza che supera ogni immaginazione. Si comportano come bambini capricciosi.

    RispondiElimina
  3. Beh Abbiamo un presidente del consiglio che si comporta esattamente come un bambino capriccioso! basta vederlo coem reagisce quando un gironalista gli fa una domanda scomoda!

    RispondiElimina
  4. Dai, è chiaramente una bouta(na)de...

    RispondiElimina
  5. "I politici hanno una loro etica. Tutta loro. Ed è una tacca sotto quella di un maniaco sessuale"(W.Allen)

    Berlusconi possiamo dire che è alla tacca sopra

    RispondiElimina
  6. E' chiaro come questo sia un tentativo per riavvicinare i giovani all'ambiente della religione, nella speranza che essi confondano discoteca e chiesa, finendo per organizzare rave e afterhours tra navate, absidi e cripte.

    Per l'occasione si è pensato anche di ridurre la dimensione delle ostie - più simili a pastiglie - e a invertire i colori del clergyman per un look più staying-alive-like.

    RispondiElimina
  7. Io farei una cosa: ti incazzi xchè non c'è il crocefisso? corcefisso obbligatorio? OK... ma allora mi devi dimostrare che da bravo cattolico vai a messa tutte le domeniche, ti confessi e fai la comunione ok?

    RispondiElimina
  8. Da buon cattolico non dovrebbe aver bisogno di confessarsi! Ma...sono una massa di ipocriti beghini!

    RispondiElimina
  9. Se fossero buoni cattolici non avrebbero bisogno di confessarsi! Ma lo sappiamo sono quasi tutti dei grandi ipocriti!

    RispondiElimina
  10. mmm
    se nel locale c'e' una zona s&m non ci starebbe nemmeno male...

    anzi meglio ancora...potrebbero organizzare delle crocifissioni live per far la vece del crocifisso....

    RispondiElimina
  11. Mi piacerebbe sapere quale percentuale dei discotecari che di sabato si sfiniscono di musica techno, di superalcolici, di amori occasionali e di aiutini chimici...

    ...poi la domenica mattina se ne stanno lieti e composti a Messa :)

    Lisa

    RispondiElimina
  12. Direi che è il caso di piazzarlo sopra le cubiste; e poi a fine serata chiamare i giornali e mostrare il miracolo del Cristo Crocefisso Con La Fava Ritta. Sai i pellegrinaggi invece delle ricette di Viagra. Tanto più che dài, con 'ste madonne che piangono hanno stufato.

    RispondiElimina
  13. Positivi riflessi sull'economia e l'occupazione: il settore che produce articoli religiosi si trova di fronte a un'impennata della domanda.

    Sempre che, come per i giocattoli e i capi di vestiario in cotone, chi vende crocefissi non preferisca rifornirsi vantaggiosamente in Cina, dove il commercio è il commercio (anche se la libertà religiosa non è affatto garantita).

    A Boston, la cattedrale di St Patrick e la chiesa della Trinità acquistavano crocefissi da una fabbrica del Guandong: per le operaie, fino a 90 ore di lavoro settimanale a 26 centesimi di dollaro all'ora. Crocefissi acquistati a un dollaeo e 40 rivenduti a 17 dollari e 95.
    Un guadagno eccessivo, compiuto sulla pelle delle lavoratrici asiatiche? Beh, bisognava pur riassestare le finanze della diocesi di Boston, andate in malora dopo aver pagato alle numerose vittime della pedofilia ecclesiastica i risarcimenti stabiliti dalla giustizia americana.

    http://www.nlcnet.org/article.php?id=479
    http://www.nlcnet.org/article.php?id=482
    http://www.nlcnet.org/reports.php?id=489

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post