Che sia andata così?



Gli agenti penitenziari e i carabinieri continuano a negare categoricamente di aver toccato Stefano Cucchi: eppure aveva i lividi in faccia, zoppicava, insomma qualcuno dovrà pur averlo picchiato.

A questo punto mi meraviglia che nessuno abbia ancora suggerito una versione dei fatti simile a quella del video qua sopra, che metterebbe tutto a tacere salvando ingegnosamente capra e cavoli.

Allora, gente, che altro aspettate? Fatto trenta, fate trentuno, e provate a sostenere che sia andata proprio così.

La faccia tosta per farlo, a quanto pare, non vi manca.

Questo post è stato pubblicato il 12 novembre 2009 in ,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

6 Responses to “Che sia andata così?”

  1. In effetti ci avevo pensato anch'io che sarebbe finita in una maniera simile!
    Magari ha sbattuto la testa e la faccia violentemente contro il muro!
    Oppure no... è cmq colpa sua... essendo drogato non è stato abbastanza svelto da evitare i pugni e di calci!
    (Giovanardata!)

    RispondiElimina
  2. mi pare di scoprire l'acqua calda dicendo che c'è una precisa volontà della "gente che conta" di proteggere i responsabili... questa vicenda è assurda

    RispondiElimina
  3. non c' è giustificazione dietro l' odio che si scatena di certa gente, ora, con la testimonianza del detenuti, la storia pubblicata di quando è arrivato dove e come, solo un cieco potrebbe negare che non siano state guardie penitenziarie, e forse, anche carabinieri. L' odio manifestato da queste persone è intollerabile a parte di qualsiasi persona civile, solo l' odio può spingere esseri umani a maltrattare fino a certi stati dei suoi simili. Resta da vedere chi gonfia d' odio questi sbirri.

    RispondiElimina
  4. Complimenti per il tuo Blog.. ti andrebbe di fare uno scambio di link con il mio www.francescogreco.splinder.com ?

    Grazie
    Francesco
    Il Blog | Attualità | Psicologia

    RispondiElimina
  5. Io aspetto che giochino la carte 'alieni'

    RispondiElimina
  6. Ecco la proverbiale sensibilità dei lettore de "Il Giornale":


    un tossico in meno da mantenere economicamente in galera e/o in ospedale a spese nostre (e mie), per me va bene che sia finita così... con buona pace dei famigliari. amen.


    Eh sì: mettiamoci una croce sopra. Possibilmente sul muro, bene in vista.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post