Purché sia una vita di merda


Quando un malato di SLA decide di morire, i nostri amici crociati si fanno in quattro per impedirglielo.

Quando un malato di SLA decide di vivere, però, non gli danno l'assistenza che gli servirebbe per andare avanti decentemente.

Sinteticamente: difendono il diritto alla vita, purché sia una vita di merda.

Questo post è stato pubblicato il 10 novembre 2009 in ,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

8 Responses to “Purché sia una vita di merda”

  1. Tutto va bene purché non faccia incazzare il Santo Padre, non sia mai che debba alzare il telefono per dare una tirata di orecchie a qualche politico fervente religioso e ossequioso dei dettami vaticani

    RispondiElimina
  2. Embè? Ma certo.
    L'uomo ha da soffrire così come Gesù il Cristo Redentore ha sofferto per noi sulla croce.

    RispondiElimina
  3. sintetico come sempre, ma grande post

    RispondiElimina
  4. Oramai questo è uno dei miei siti preferiti di controinformazione, senza i quali notizie come questa me le sognerei.
    Grazie Metil
    zadigx

    RispondiElimina
  5. ringrazio Dio e quella specie di prete suo ministro e quegli altri suoi sottopreti, di farci dono di vivere questa vita di merda.

    RispondiElimina
  6. Un'Anima non soffre se prende un pugno, non gli puoi sparare, fare male. Si potrebbe quasi dire che non c'è, ma c'è! Dove? non è in quest'organo ne in quello. Ma è legata a noi e noi siamo anche carne.
    Perché ce l'hanno legata addosso? Come se dovesse vivere la vita insieme a noi, gioie e dolori. Cosa accade all'anima di chi è caduto nel buio, nel silenzio, immobile. Può forse vedere il dolore del prossimo per comprendere la pietà? o la gioia di chi si aiuta per imparare ad amare? Sentire i pianti o le risate?
    Se può fare questo perché ci hanno dato questo fragile involucro? e se non può, se come il corpo venisse condannata alla solitudine giorno per giorno, per anni, cosa può imparare se non a maledire il Dio che permette questo?
    Nessuno può uccidere un anima e la vita è importante sopra tutto, ma come si può essere così materialisti da non capire che questo... è un sequestro, di Anima. L'unico modo per fargli del male.
    Luca

    RispondiElimina
  7. Luca, magari prima bisognerebbe provare l'esistenza dell'anima...

    RispondiElimina
  8. in realtà nella scienza le cose si possono solo confutare con certezza mai provare.
    Poi se non esistesse l'anima, ti rendi conto di quale inutile insensatezza sarebbe mantenere in vita... che cosa? Sessanta chili di carne buona a nulla?
    I grandi sostenitori di mantenere in vita anche il più sfortunato degli sfortunati non sostengono mai che siamo solo carne. Chi sarebbe così pazzo da accettare di aspettare nel "limbo" una cura che ipoteticamente può arrivare fra 20? 50? anni, se la trovano?
    C'è anche chi è malato di sclerosi multipla,importante medico, ed è convinto di difendere la vita fino alle estreme conseguenze... non è ateo, anzi... comunque lui peggiora ma non molla, bisogna dargliene atto. Però lui ha il grande scopo di battere la malattia, quello che può fare parlando è importante quanto quello che poteva fare con le mani, viaggia fa congressi, ha assistenti, reparti di medicina da guidare, non è proprio come potrebbe capitare a uno qualsiasi di noi; ma il tempo passa anche per lui, le cose sono sempre più difficili, un giorno avrà solo la fede (che per esempio io non ho)a dividerlo dalla pazzia. Sono molti in meno quelli che vogliono sopravvivere ad ogni costo senza una qualche speranza mistica, sia atei che credenti dovrebbero scegliere da soli cosa fare, certo per Berlusconi dovrai essere in ogni caso idratato artificialmente così quando ti si fermeranno i reni prima di morire (e si fermeranno) l'acqua potrà comodamente invaderti i polmoni (provando comunque una gran sete perchè le mucose resteranno secche), comunque sarebbe bello potesse essere una scelta personale.
    Approfondendo, quello che volevo dire anche parlando dell'anima, e che in molti non accettano la morte, personalmente non mi farei tanti problemi e mi piacerebbe essere ficcato sotto a un campo così il prima possibile potrei tornare alla natura. Nella vita che vedo nel mondo vedo le persone che ho perso, si è vero che proprio la vita di "quella" specifica farfalla non è dovuta alla morte di "quella" specifica persona, ma è la ruota del mondo, ama il mondo amerai i tuoi cari.
    Magari resta al mondo anche qualcosa in più, forse siamo solo noi che non abbiamo gli occhi giusti per vedere.
    Non si può provare, mistici e sensitivi non sono sufficienti, ma non si può negare (correggetemi se sbaglio) ed è questo che alla scienza importa, perchè sa che puoi avere le prove anche di cose false! L'unica differenza dalle vere è che le false le puoi confutare, mentre le vere, se esistono, non puoi provare che non sono vere.
    Luca

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post