Cristianesimo passivo


Pare che dalle parti di Padova e di Grosseto convenga farsi una bella svampa in classe (275 euro, male che vada) piuttosto che azzardarsi a tirare via il crocifisso dal muro (500 euro, quasi il doppio).

Dite, non è che state un tantino esagerando?

Questo post è stato pubblicato il 06 novembre 2009 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

10 Responses to “Cristianesimo passivo”

  1. L'obbligo del crocifisso è palesemente una minchiata incostituzionale, che dimostra, ancora una volta, l'idiozia e l'assenza di senso dello Stato dei vari politicanti.

    RispondiElimina
  2. ..e se uno si fuma il crocifisso?

    RispondiElimina
  3. Helena, mi hai battuto sul tempo..

    RispondiElimina
  4. Beh, Helena e Bleek, si può provare a ridurre il danno fumandosi il crocifisso senza staccarlo....

    RispondiElimina
  5. ricorrendo fino alla corte europea non si beccheranno 5k eur a testa, come disse gilioli? resta conveniente staccarlo...

    RispondiElimina
  6. Haha.. ottimo consiglio Allegra!

    RispondiElimina
  7. concordo con le battute xD ma faccio notare che al momento non possiamo, purtroppo, togliere il crocefisso. La sua presenza è sancita dal concordato, che è protetto dalla costituzione, e può quindi essere modificato solo con la "mutua volontà" di chiesa e stato... e ce li vediamo proprio Ratzi che dice "zi zi togliete pure i crocifizi, non vogliamo ezzere ingombranti..." xD

    RispondiElimina
  8. Anonimo dell'1:46 ho una buona notizia per te. Non è il concordato ad obbligare l'esposizione del crocifisso. Anzi, di fatto, oltre a un decreto regio del '22, non esiste nessun'altra legge che obbliga. Tranne qualche regolamento, che comunque non ha forza di legge. Tutto è spiegato chiarissimamente nella sentenza della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. Puoi trovare una traduzione qui: http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2009/11/04/la-signora-lautsi-contro-il-governo-italiano/

    RispondiElimina
  9. Fanno presto questi amministratori, tanto poi loro ci guadagnano e lo Stato paga, cioè noi cittadini italiani dobbiamo pagare le loro bravate. Mi spiego. Un tale rimuove il crocifisso: si becca € 500 di multa dal sindaco che fa incassare le casse del Comune. Il tizio ricorre alla Corte europea: lo Stato viene obbligato a risarcire cinquemila euro al vessato. È sempre confortante sapere che siamo amministrati nei nostri interessi...

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post