Chi è che allarma la clientela?

Secondo voi la clientela del ristorante di un centro commerciale dovrebbe "allarmarsi" per la presenza di una bimba autistica che mangia imboccata dalla sua pedagogista, oppure per il fatto che a sorvegliare quel posto ci sia una guardia giurata che ha l'alzata d'ingegno di cacciarla perché è disabile?

---
Grazie a Marco e Alessandro per la segnalazione.

Questo post è stato pubblicato il 22 giugno 2010 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

17 Responses to “Chi è che allarma la clientela?”

  1. non riesco proprio a commentare! ringrazio per la pubblicazione della notizia perchè è chiaro per noi tutti che non si puo' rimanere indifferenti davanti a queste manifestazioni di malvagia stupidità. Reagire diventa obbligatorio.
    Milena

    RispondiElimina
  2. Parlare di "malvagia stupidità" è poco. Povera bimba, e povera la sua pedagogista, sottoposte a questa violenza! Non ho parole.....

    RispondiElimina
  3. La cosa grave non è l'imbecillità o la mancanza di sensibilità di una guardia giurata, è una clientela che si spaventa dinnanzi ad una bambina disabile.

    La guardia giurata è solo la mano di un corpo in putrefazione.

    Che tristezza di mondo.

    RispondiElimina
  4. probabile che sia solo ignoranza. La stessa che poi porta la gente al family day, a sostenere la legge 40 o a urlare contro gli Englaro.
    Ma c'è poco da rallegrarsi, l'ignoranza non è poi così diversa dalla [mala]fede.

    RispondiElimina
  5. Il diverso fa paura. Ai coglioni, soprattutto. O chi non vive sulla propria pelle cosa può significare essere diversamente abili ma molto più abili di certe menti bacate in diverso modo.

    RispondiElimina
  6. Il diverso più che far paura da fastidio! E questo deriva dalla cattiva educazione che ha ricevuto la maggior parte della gente. Non è capace a guardarlo negli occhi facendogli capire che è uguale a lui, piuttosto gli occhi li abbassa o li gira da un'altra parte, E' un fastidio e i gestori ritenendo primario che il cliente sia a proprio agio, agisce di conseguenza anche contro i fondamentali principi della civiltà, Il suo interesse,il suo maggior profitto ha la precedenza su tutto.

    RispondiElimina
  7. io vorrei solo sapere il nome del centro commerciale.....ci sarà pure stato un direttore incapace di dire alla guardia giurata dove sarebbe stato utile che andasse ......

    RispondiElimina
  8. Disgustorama. Hanno cacciato il disabile sbagliato, di quelli presenti nella esposizione dei fatti.

    RispondiElimina
  9. io ho letto di un'altra versione: pare che la guardia giurata abbia raccontato che la donna maltrattava la bimba che non voleva mangiare e che dopo i suoi richiami lei se ne è andata di sua spontanea volontà.
    La donna ha negato e la famiglia crede nella sua professionalità.
    Dov'è la verità?

    RispondiElimina
  10. sono senza parole, siamo diventati una repubblica delle banane :(

    RispondiElimina
  11. Qui un reportage più completo:

    http://gazzettadireggio.gelocal.it/dettaglio/reggio-emilia-bambina-autistica-allontanata-dal-centro-commerciale-non-puo-mangiare-qui-allarma-la-clientela/2107605

    RispondiElimina
  12. Io non me ne sarei andata, chiamavo i carabinieri e me ne restavo lì! Sono la mamma di un bimbo autistico e se mi dovesse mai accadere una cosa del genere neanche con la forza riuscirebbero ad allontanarmi. Mio figlio ha tutto il diritto di stare in un centro commerciale come tutti gli altri bambini e non fa male a nessuno; se a qualcuno da fastidio prende su e se ne va lui.

    RispondiElimina
  13. no, non ci sto.
    E' normale vedere disabili a vario livello passeggiare nei centri commerciali: è un ambiente sicuro, chiuso e vigilato, facilita la vita a chi li accompagna e li "sorveglia" durante queste uscite. Loro, i protagonisti, li vedo solitamente contenti aggirarsi in questi posti.
    la gente si rende conto benissimo di queste circostanze, così come gli addetti ai lavori (educatori e personale commerciale).
    Siccome queste cose le vedo da molti anni non posso credere alla tesi del vigilante rozzo o del direttore cinico, o cose di questo tipo...

    Provate a sedervi a tavola a imboccare una bambina di dieci anni mentre le tenete ferme le mani ( non voleva mangiare? qualcuno la sta alimentando a forza?), questo era il contesto di fronte al quale si è trovato il vigilante: temo che in pochi minuti l'equivoco sia garantito, e se così è il vigilante in questione non può che chiedere conto di questo atteggiamento e fermare tutto..

    UN EQUIVOCO?

    RispondiElimina
  14. Mi sa che non è la prima volta che succede una cosa simile... Sinceramente è una cosa talmente assurda che non riesco a capire i motivi di un gesto simile... Bah.

    RispondiElimina
  15. Ho letto anche il resoconto più completo, con le due versioni dei fatti.
    Ho fatto la Guardia Giurata, giuro, e so che non è facile agire in modo sempre corretto.
    MA : uno : " Fermava le mani "... wow, mai visto le madri essere bruschi? ( quindi, anche se fosse non mi pare fosse in atto coercizione eccessiva..)
    Due : Ho dei dubbi? contatto il responsabile del locale, la Centrale, ed eventualmente il 113, mentre cerco di capire se posso aiutare...
    Tre: i clienti sono disturbati da una BAMBINA con difficoltà? Beh... Ne parlano con me.....
    Mi spiace, (ex) collega ... mica affrontavi una mandria di scippatori... forse stanchezza, so cosa sia...ma non dire " tanto non hai testimoni"...uno almeno c'è : il tuo essere umano....
    Piero

    RispondiElimina
  16. E per fortuna non era una guardia padana...

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post