Un singolare concetto di aiuto

A giudicare da quanto dice la Gazzetta del Mezzogiorno pare che la vicenda sia andata più o meno così:

  • un sacerdote ha una relazione amorosa con una donna;
  • dopo un po' la lascia -si sa, l'uomo è cacciatore...- per un'altra, che ha il vantaggio di essere più giovane della prima;
  • la seconda preda del latin lover -dai e dai- finisce per rimanere incinta;
  • la malcapitata, comprensibilmente contrariata, va direttamente dal vescovo e gli spiffera tutto;
  • il vescovo "convince" il prete ad allontanarsi per un "anno sabbatico".
Ora, ammesso che la vicenda venga confermata così come la racconta il giornale, e premesso che non ho la minima intenzione di fare il bacchettone, non suona un po' strano anche a voi che questa gente teorizzi dalla mattina alla sera la necessità di scongiurare gli aborti aiutando in ogni modo le donne in attesa di un bambino, e poi, quando il "fattaccio" capita in casa sua, proponga al padre di darsela a gambe?

Questo post è stato pubblicato il 14 giugno 2010 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

13 Responses to “Un singolare concetto di aiuto”

  1. Eh, ma la donna invece che sposarsi e avere figli nel matrimonio li ha fatti fuori, quindi è una prostituta e ora che ha aperto le gambe si deve arrangiare da sola a mantenerlo, e guai se abortisce perchè la vita è sacra(quella dell'agglomerato di cellule, non la sua 'ché è una bagascia)... loro, poverini, devono pensare a coprire il tutto: certe cose si fanno ma non si dicono....
    Oltre che di aiuto questi "signori" hanno anche un ben strano concetto di coerenza...
    Se solo sapessero cos'è la vergogna direi che dovrebbero vergognarsi, purtroppo sono 1700 anni che predicano male e razzolano peggio e quindi penso che ne siano mal forniti.... CHE SCHIFO!!

    RispondiElimina
  2. Mai sentito parlare di Abelardo ed Eloisa? Storia vecchia. (oddio, spero che il "povero" prete non faccia la stessa fine)

    RispondiElimina
  3. I bacarozzi non cambieranno mai.Loro fot...no in ogni buco a portata di c...zo tanto mamma poi li protegge. Che c.zo vogliono, appunto,sti frosci e ste bagasce?Ringrazziassero per aver goduto con un rappresentante del Lui.

    RispondiElimina
  4. Possano crepare tutti i preti e quelli che gli vanno appresso.

    RispondiElimina
  5. non mi sembra per nulla strano. anzi.
    si parla di preti, non di normali cittadini e cittadine.
    per loro c'è l'immunità.

    alberto tadini

    RispondiElimina
  6. ma perchè non usano il preservativo?

    RispondiElimina
  7. xche' qualche deficiente assassino ha ribadito loro che il preservativo non si usa...

    RispondiElimina
  8. certo che non si usa! "favorisce" il contagio dell'AIDS!

    RispondiElimina
  9. Qualcuni disse: "L'uomo non è di legno" poi ha aggiunto " e neanche la donna". Ognuno trovi la soluzione...certo chi ci rimette è quella povera creatura che dovrà nascere.

    RispondiElimina
  10. Viva la coerenza. Come per molti altri aspetti della Chiesa, d'altronde.

    RispondiElimina
  11. Certo che non bisogna essere delle cime per andare con un prete(essendo consenzienti) e poi lamentarsi quando questo non si prende le responsabilità, è come se io mangio 2 mesi di fila da mcdonald e dopo essere diventato il doppio gli faccio causa, chi è causa del proprio male pianga se stesso.

    Ferma la condanna su abusi sessuali.

    RispondiElimina
  12. Alla chiesa importiamo solo quando siamo embrioni o feti, poi se ne frega...a meno cche non andiamo in coma o in stato vegetativo permanente.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post