Italia-Nuova Zelanda 1-1

Dopo la partita Lippi ha detto due cose: primo, non siamo stati fortunati; secondo, potevamo fare di più.
Ora, io non so quale sia il concetto di fortuna a cui faceva riferimento il nostro CT: palo a parte, però (un palo è un po' pochino, a onor del vero, se giochi contro una squadra con una velocità media di tre chilometri orari), a me pare che siamo stati fortunatissimi, perché se a una decina di minuti dalla fine il ragazzone con le guance rosse avesse tirato qualche centimetro più a sinistra saremmo fuori dal mondiale senza manco poter recriminare chissà cosa.
Quanto al fatto che si dovesse fare di più, invece, sono d'accordo: si poteva provare a giocare a calcio, tanto per fare un esempio (avete presenti quelle cose tipo smarcarsi, sovrapporsi ai compagni, tenere la palla per terra, triangolare?), invece di limitarsi a buttarla nel mezzo dalla trequarti sperando di prenderla di testa in mezzo a un nugolo di energumeni con altezza minima di un metro e ottantacinque.
Montolivo è l'unico che abbia provato a ragionare: il resto è stato un guazzabuglio inguardabile di rimpalli, rimbalzi e iniziative più o meno estemporanee senza né capo né coda.
Poche idee ma confuse, insomma, a cominciare da quelle di Lippi, che deve aver pensato di risolvere una situazione in cui alle punte non arrivava un solo pallone giocabile mettendo dentro un attaccante dopo l'altro, come se il problema non fosse lo zero che succedeva qualche decina di metri più dietro: niente movimento senza palla, niente superiorità numerica e niente idee: in sintesi, niente calcio.
Se giochi così finisce per diventare un problema perfino la Nuova Zelanda.

Questo post è stato pubblicato il 20 giugno 2010. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

9 Responses to “Italia-Nuova Zelanda 1-1”

  1. Non ho visto la partita ed hai perfettamente ragione.

    RispondiElimina
  2. Concordo. A onor del vero, in conferenza stampa Lippi ha spiegato di aver tolto Pepe perché non faceva quello che gli chiedeva (presumibilmente: saltare l'uomo) e di aver messo Di Natale e Camoranesi per far proprio quello, cioè creare superiorità numerica. Camoranesi, decisamente sottotono, ha fatto almeno un paio di tiri da fuori e uno o due dribbling, Di Natale invece è privo di ogni personalità. Insomma, a sentire Lippi in conferenza stampa lui pare aver detto ai giocatori di far tutto tranne cross in mezzo, e in effetti si son visti 800 cross. Il reparto avanzato, Montolivo a parte, non brilla per intelligenza tattica, pare

    RispondiElimina
  3. E la cosa incredibile: i fantomatici giornalisti RAI continuano a invocare Pirlo. Che andrebbe a sostituire l'unico nazionale che gioca al pallone e non alla pelota basca, Montolivo per l'appunto.
    Loro prendono soldi per saperne di calcio, io di calcio non ci capisco una fava.

    RispondiElimina
  4. Spero di sbagliarmi, ma on credo ci siano molte soluzioni. L'errore è stato fatto a monte, nelle convocazioni.
    Una squadra senza giocatori di qualità, che saltino l'uomo o inventino soluzioni estemporanee è una sqaudra destinata al fallimento.
    Gli unici due giocatori che avevano queste caratteristiche (Cassano e Balotelli) sono stati ignorati (ci sarebbe stato anche Miccoli, ma era infortunato).
    Inoltre la squadra ha alcuni uomini logori: due sono infortunati (e non è la prima volta questa stagione), altri sono in netto declino e non da oggi (Cannavaro, Camoranesi - che pur è uno dei pochi che esprima un minimo di qualità), altri hanno già fallito a livello internazionale (Di Natale) o non paiono avere un dimensione internazionale (Pepe).
    I giovani (Marchisio, Criscito) non mi pare siano dei top players.
    In definitiva gli unici giocatori di qualità indiscutibile e di fisicità accettabile della nostra selezione sono Montolivo, De Rossi e Chiellini (a cui si potrebbe anche aggiungere, un po' a sospresa, Zambrotta). Un po' poco per l'Italia.
    E' ancora possibile che riusciamo ad approdare agli ottavi, ma non credo possiamo andare oltre.

    RispondiElimina
  5. D'accordo con Ale...E aggiungo che se Lippi si ostinerà a far giocare gentaglia come Marchisio o Gilardino, andremo a picco presto...
    Ma avete visto quanto è diventato indecente Cannavaro?

    RispondiElimina
  6. D'accordo con l'Esorciccio su... C'erano delle emerite puzze in campo, confermate dopo la prima prova del piffero.

    RispondiElimina
  7. •PARTITA
    “Dove andiamo a parare”
    Tragedia in due battute di V.S. Gaudio

    Personaggi:
    IL COMMISSARIO TECNICO

    IL COMMISSARIO TECNICO
    al primo colpo di testa avversario: Maddai, un po’ di serietà, se cominciamo con i colpi di testa, dove andiamo a parare?

    (Sipario)




    •PARTITA 2
    “Il tiro al piattello fumato”
    Tragedia in due battute di V.S. Gaudio

    Personaggi:
    IL COMMISSARIO TECNICO


    IL COMMISSARIO TECNICO
    al primo tiro in porta avversario, fumando di nascosto il sigaro
    Maddai, stiamo scherzando? Se cominciano a tirare in porta, noi che facciamo, il tiro al piattello fumato?



    (Sipario)

    RispondiElimina
  8. Analisi perfetta. Se lasci a casa gli unici giocatori che possono fare un assist anziché quei suicidi lanci a scavalcare - ma scavalcare che? Se sono tutti, tutti, più alti del povero Gila, di almeno 15 cm (circa 6 pollici)?
    Giocare palla a terra, smarcare e fare gol su azione? No eh? Troppo scontato, troppo, tipo, Portogallo o Spagna...

    RispondiElimina
  9. Purtroppo stavolta siamo d'accordo. Una pena e una pietà.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post