La RAI e i mondiali: questione di scelte

Mi piacerebbe sapere se i costi complessivi sostenuti dalla RAI per realizzare trasmissioni del tenore di "Peccati", "L'ultima parola", "Porta a porta" ed altri simili capolavori siano inferiori o superiori a quanto sarebbe stato necessario per acquistare i diritti completi del primo mondiale africano della storia invece di doversi limitare a trasmetterne una partita al giorno. No, perché -indipendentemente dal fatto che a uno piaccia o non piaccia il calcio- mi pare che per un'azienda televisiva che si rispetti sia un tantino più importante seguire come si deve un evento del genere, piuttosto che investire quattrini per consentirci di sapere come la pensa Monica Setta sulla trasgressione. Con tutto il rispetto per la trasgressione.

Questo post è stato pubblicato il 19 giugno 2010 in ,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

13 Responses to “La RAI e i mondiali: questione di scelte”

  1. oh mio dio monica setta no... per favore potreste evitare di nominarla? è altamente fastidioso pensare a quella specie di essere umano

    RispondiElimina
  2. Fino a 5 minuti fa stavo 'zappando' in cerca di una qualche partita sulla RAI. E invece mi becco sempre 'ste boiate dove si parlano delle mutande degli azzurri. Meglio Jessica Fletcher a 'sto punto.

    RispondiElimina
  3. Meglio le tette della Setta dei palloni mondiali che sembrano prendere traiettorie stranissime e sono stati bollati come "indecorosi" dai calciatori stessi...

    W la Rai! :D

    (se non si fosse capito sono ironico eh...)

    RispondiElimina
  4. Non so chi sia Monica Setta... devo preoccuparmi?

    RispondiElimina
  5. @Agente Smith:

    berlusconi molto merda

    RispondiElimina
  6. Certo la Setta e' insopportabile, ma anche voi 'co 'sti cosi qua...come si chiamano...co sta roba...insomma...a si, i mondiali, avete scassato proprio le palle.

    @dark0
    molta merda a Berlusconi

    RispondiElimina
  7. Citando un cittadino di Adro(Bs)dirò: "Non è tutto dovuto..." Vuoi vedere le partite? Devi pagare...

    RispondiElimina
  8. mi hai costretto ad andarmi a cercare chicazzoe' monica setta... :)

    RispondiElimina
  9. Come al solito la Rai dimostra tutta la sua vocazione al martirio: rigetta tutto ciò che le farebbe guadagnare (l'acquisto delle partite e Annozero, per esempio) per promuovere queste trasmissioni che fan ridere i polli e non guarda nessuno... e lo dico da spettatrice dell'ultima parola :)
    Il fatto che il pardone di Mediaset controlli la RAI vorrà dire qualcosa?

    PS: per chi non sa chi è Monica Setta, stia tranquillo, non si perde nulla... :)

    RispondiElimina
  10. Aldo Grasso su Sette del Corsera di questa settimana ha commentato le dichiarazioni della Serracchiani (PD) e di Colaninno (PD) ***a sostegno*** della Setta in previsione della chiusura del suo programma pomeridiano sulla Rai.

    Qual'è stato il commento? Provate a indovinare*!

    Trovate le dichiarazioni dei due su:
    http://tuttofamedia.splinder.com/post/22825583/il-fatto-del-giorno-di-monica-setta-e-un-programma-brillante-e-mordace-parola-di-matteo-colaninno-del-pd

    (*: "il PD è senza speranza")

    RispondiElimina
  11. Comunque molto meglio la Setta che la scipita Innocenzi

    RispondiElimina
  12. De gustibus.....

    Puo' sembrare incredibile, ma a qualcuno puo' piacere la Setta (che, personalmente, non so chi sia) e a qualcuno no.

    A qualcuno possono piacere i mondiali di calcio e ritenere che quelli in Africa siano un evento per l'umanita' ed ad altri no (io, personalmente, non seguo piu' il calcio da calciopoli, essendo un disilluso).

    De gustibus....

    Il punto e' che, a quanto pare, se spendono piu' soldi per altre trasmissioni rispetto ai mondiali vuol dire (se il direttivo rai e' competente) che hanno fatto i loro conti.... e quindi c'e' piu' gente che guarda quelle trasmissioni.

    Non stupitevi se gli altri la pensano diversamente da voi (c'e' anche chi considera Berlusconi un dio), stupitevi del fatto che voi vi stupite che gli altri la pensino diversamente da voi: ritenere di essere nel giusto e' solo il primo passo per diventare giudici, giuria e carnefici.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post