Tu quoque, Obama!

A parte il fatto (ne parlavo giusto ieri sera con un amico) che la cosa mi pare di difficile (se non impossibile) realizzazione pratica, la notizia è di per sé piuttosto sconcertante: chi dovrebbe essere a stabilire i motivi per cui è opportuno premere il pulsante capace di "spegnere" internet in tutti gli Stati Uniti d'America?
Il Presidente, of course.
E allora, scusatemi, chi potrà mai assicurare agli americani che un eventuale oscuramento non sia in effetti motivato dall'esigenza di impedire a qualcuno (un giornalista? un blogger? uno qualsiasi che ha trovato un pezzo di carta per terra?) di rivelare notizie sgradite al governo per motivi diversi dalla dichiarata "emergenza nazionale"?
Meraviglia e imbarazza, per la verità, che un'alzata d'ingegno simile (ancorché, lo ripeto, a occhio e croce irrealizzabile) venga alla luce proprio durante la presidenza di Barack Obama, che sulla rete (e sulla libertà di espressione che la caratterizza) ha fondato il successo della propria campagna elettorale.
Non sarà che quando gli outsider diventano potenti le opportunità si trasformano ipso facto in pericoli?

Questo post è stato pubblicato il 30 giugno 2010 in ,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

12 Responses to “Tu quoque, Obama!”

  1. Completamente off-topic: ma del meraviglioso banner di Scientology che compare nel tuo feed rss in questi giorni ne vogliamo parlare? ;)

    RispondiElimina
  2. Se esci da Internet sai che anche i tuoi rimpiazzi usciranno da Internet; non possiamo fidarci di chi esce da Internet.
    Occhio alla Serracchiani.

    RispondiElimina
  3. @Pasquale: non l'ho mai visto, se mi dai il link a cui punta lo escludo da AdSense.

    RispondiElimina
  4. Anche io completamente OT: Frattini vuole introdurre il made in Italy "Halal"
    http://www.esteri.it/MAE/IT/Sala_Stampa/ArchivioNotizie/Approfondimenti/2010/06/20100630_Made_in_Italy_Halal.htm

    Che ne pensi?

    Nino

    RispondiElimina
  5. In effetti ho visto che compare anche sul sito in questo momento.
    A me personalmente non dispiace: pensare che il mio click sul banner scientology ha portato qualche spicciolo nelle tue tasche mi mette di buon umore.

    Scherzi a parte non so se mettere qui il link, non vorrei fare più pubblicità di quella che meritano.
    Se ti serve dimmelo che te lo mando per email.

    RispondiElimina
  6. Onestamente il Pulsantone e' uno scandalo molto mediatica, o quantomeno distorto.

    In sostanza si parla della possibiilta' di bloccare l'accesso a internet nel territorio americano in caso di attacco di hacker che metta a repentaglio informazioni o servizi sensibili. (es. traffico aereo, password, carte di credito, posizione di obiettivi sensibili...)

    Lo si puo' considerare di difficile realizzazione (soprattutto per quel che riguarda i limiti geografici), ma non c'e' dietro nessuna ambizione censoria.

    RispondiElimina
  7. Ma lasciateli parlare, fatta la legge, trovato l'inganno...

    RispondiElimina
  8. Due considerazioni:
    - la prima, assolutamente qualitativa, riguarda il fatto che internet si sta(rebbe) guadagnano un proprio pulsante a fianco di quelli dei codici atomici nella valigetta del presidente USA... Al di là delle opinioni, fa riflettere.
    - La seconda, più circostanziata, è che uno stato di emergenza nazionale non si dichiara alla leggere. Al di là della fattibilità pratica, lo spegnimento di internet avrebbe conseguenze economiche, sociali, mediatiche e politiche enormi. Questo fatto fa ricadere sul presidente USA responsabilità altrettanto enormi: direi che mi preoccupano molto di più piccole leggine immerse qua e là nelle varie normative che consentono di oscurare siti specifici, ti tolgono pizzichi di libertà, abbastanza piccoli perché qualcuno se ne accorga e/o provi a protestare...

    RispondiElimina
  9. L' anno scorso i cinesi hanno mandato in tilt l'infrastruttura elettrica del brasile lasciando senza corrente alcune citta` per diversi giorni.
    I giornali naturalmente non hanno scritto niente, si parlo` di semplice blackout.
    Forse non tutti si rendono conto di quali danni puo` fare un attacco mirato all'infrastruttura telematica di un paese.
    Quanti miliardi di danni ha fatto il vulcano?
    Pensate che succederebbe se si dovesse interrompere il circuito bancario.

    RispondiElimina
  10. Ahimè sono con Stefano... Credo non ci siano grandi misteri sotto questa opinabile e poco fattibile proposta di Obama.

    RispondiElimina
  11. fuori post...
    una domanda: perché non realizzate anche una lista delle donne uccise dagli ex mariti/ragazzi dall'inizio dell'anno?

    http://www.repubblica.it/cronaca/2010/06/30/news/killer_due_donne-5287679/

    RispondiElimina
  12. a nessun altro è venuta in mente quella fantastica puntata di south park in cui "internet" non funzionava più? :)
    http://www.southparkstudios.com/clips/166192

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post