E Torquemada, le è passato di mente?

Tarcisio Bertone, Segretario di Stato Vaticano, commenta così le perquisizioni e gli interrogatori della polizia belga nei confronti dei vescovi di Bruxelles:

È un fatto inaudito. Non ci sono precedenti, nemmeno nei regimi comunisti.
Per la verità non sarei in grado di operare un confronto tra i metodi di indagine della polizia comunista e quelli degli inquirenti belgi, anche se a lume di naso sarei propenso a considerare i primi assai più invasivi dei secondi: quello che so per certo, però, è che i sistemi usati dall'Inquisizione erano assai più cruenti di entrambi.
Sapete com'è, a volte mettersi a citare i "precedenti" può risultare decisamente controproducente.

Questo post è stato pubblicato il 26 giugno 2010 in ,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

11 Responses to “E Torquemada, le è passato di mente?”

  1. Senza dover necessariamente andare così indietro nel tempo (che se no poi capaci che si "giustificano" dicendo che erano altri tempi), basti citare il Cile di Pinochet; e insieme (hai visto mai che sostengano di non aver avuto rapporti col soggetto in questione) cercare "Pinochet" e "Papa" su GoogleImages: ne usciranno un mucchio di foto (poco) edificanti.
    http://it.wikipedia.org/wiki/Augusto_Pinochet#I_rapporti_con_il_Vaticano

    RispondiElimina
  2. Corsi e ricorsi storici... Il Cardinale ha esagerato, ma credo che ci sia stato un intervento molto molto scenografico delle forze dell'ordine, che non aveva grosse motivazioni.

    RispondiElimina
  3. bè.. diciamo che non ci sono precedenti, forse, per sequestri polizieschi di 9 ore, senza bere e mangiare ecc.. operati su vescovi, ma operati su poveracci direi che ce ne sono a bizzeffe, tutti i momenti e in tutti i tipi di paesi; chissà che qualcuno non se ne renda conto.
    Riguardo alla polizia belga.. ha ben poco da sbandierare la sua inflessibilità contro i pedofili, dato che da Marcinelle in avanti ha dato numerose prove di insabbiare un grosso traffico sull'argomento, i cui retroscena restano impenetrabili.

    RispondiElimina
  4. Peccato che chi eseguiva le torture e le condanne fosse laico, altrimenti nominare l'inquisizione sarebbe centrato qualcosa...

    RispondiElimina
  5. dicono dicono...ma alla fine non ce vonno stà !!

    approfitto andando fuori tema ma non troppo, per linkare questo video, per chi ha Voglia di approfondire certe tematiche ( si parla di RU486 ma c'è tanto ma tanto altro..)
    http://www.ustream.tv/recorded/7908572

    RispondiElimina
  6. @Anonimo: fai bene a non firmarti. Apri bocca e dai fiato senza sapere quello che dici.

    Tomás de Torquemada (Valladolid, 1420 – Ávila, 16 settembre 1498) è stato un religioso spagnolo, primo Grande inquisitore dell'Inquisizione spagnola, priore del convento domenicano della Santa Cruz di Segovia e confessore dei Re Cattolici (Isabella di Castiglia e Ferdinando II d'Aragona).

    Ma a parte questo, ti prego, risparmia questi giochini di parole da secchioncello per i contesti a cui sei abituato. Grazie.

    RispondiElimina
  7. E bravo er monnezza.. con tre giorni di ritardo rispetto alla notizia originale .. ma alla fine mezzo post .. e' riuscito a produrlo...

    bravo

    RispondiElimina
  8. Ci vorrebbe la polizia belga per capire come mai la curia autorizzò l'insolita sepoltura di De Pedis, uno dei capi della "banda della Magliana", scoperta nel 1997 nella cripta della basilica di ant'Apollinare a Roma, struttura di proprietà dell'Opus Dei.
    Altro che Bertone e la sua propaganda.

    RispondiElimina
  9. @--->Anonimo che ha scritto questo:
    "Peccato che chi eseguiva le torture e le condanne fosse laico, altrimenti nominare l'inquisizione sarebbe centrato qualcosa"
    Peccato che tu stia citando a discolpa uno dei più grandi capolavori d'ipocrisia di cui sia mai stata capace Santa madre Chiesa. La condanna veniva pronunciata dal Sant'Uffizio, la pena veniva eseguita dal braccio secolare: probabilmente la storiellina di Pilato era solo un abbozzo di direttiva che i cristicoli avrebbero dovuto seguire in futuro nei loro comportamenti (tipo la "crimen sollicitationis" per intenderci), più che la narrazione d'una improbabile vicenda accaduta.

    RispondiElimina
  10. Nel mio odio inveterato contro la Chiesa e nel mio generale apprezzamento nei confronti di questo blog, trovo che andare a ripescare Torquemada per parlare della situazione presente sia fuorviante e poco pertinente.

    Di argomenti a favore del comportamento della polizia belga ce ne sono nella legislazione corrente oltre che nello sviluppo del pensiero laico e razionale a partire dall'illuminismo e dal giurisdizionalismo, senza bisogno di tornare alle calende greche, non trovi?

    Un saluto,
    Gloria

    RispondiElimina
  11. unnemicoalgiorno,
    intendi dire che ci sono ottimi argormenti per scoperchiare tombe alla ricerca di dossier sulla pedofilia?
    Auguri...

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post