Paradossi calcistici

Il ministro per la semplificazione Roberto Calderoli:

Questa prematura eliminazione non è altro che il risultato di una demenziale politica sportiva, che ha portato alla cancellazione dei nostri vivai e che ha fatto sì che a vincere il campionato e la coppa Italia, oltre che la Champions League, sia una squadra che di nostrano non ha neppure l'allenatore [l'Inter].
Che Calderoli stia inconsciamente spingendo per allargare il "nostrano" italico, magari ammodernizzando i criteri per ottenere la cittadinanza nel nostro paese?
Potrebbe dare una bella spinta a quelli che Calderoli ha chiamato "bambini viziati" e ai loro "capricci".
Un fatto è certo: la "Padania" non avrebbe fatto un granché meglio.

Questo post è stato pubblicato il 25 giugno 2010 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

8 Responses to “Paradossi calcistici”

  1. L'Italia è scarsa perchè l'Inter ha troppi stranieri? Oppure l'Inter ha tanti stranieri perchè gli italiani sono scarsi?
    Qualcuno potrebbe chiederlo al poco onorevole...

    RispondiElimina
  2. L'Italia è scarsa perchè tutte le squadre vogliono gli stranieri che all'inizio gli costan poco, a quanto dicono. Di conseguenza pochi italiani hanno esperienze in campo internazionale e si possono prendere pochi blocchi di giocatori da una squadra. Tante cose insieme, che si riassumono sotto la voce: "in Italia gli italiani dovrebbero giocare".

    RispondiElimina
  3. infatti purtroppo tocca dar ragione a calderoli :-(

    RispondiElimina
  4. Nel 2006 quando abbiamo vinto i mondiali nessuno ha parlato della situazione degli italiani, eppure sempre nell'Inter gli unici italiani erano Materazzi e Favalli (e Grosso acquistato proprio prima dei mondiali). Il problema è che sono i Presidenti per primi (quelli delle squadre che contano) a volere risultati nell'immediato, tutto a scapito ovviamente dei giovani che non maturano o non hanno la fiducia e la poca pressione che meriterebbero, vedi Giovinco (bruciato).

    RispondiElimina
  5. calderoli ha detto la solita stronzata.

    la germania ha vinto gli scorsi europei under 21 (e moltissimi di quei giocatori sono stati promossi nella nazionale maggiore che giochera' gli ottavi con l'inghilterra; l'eta' media della nazionale tedesca e' tra le piu' basse del torneo) schierando figli di immigrati di prima, seconda e terza generazione provenienti da turchia, russia, marocco, polonia, tunisia, nigeria, ghana, bosnia.

    non ho voglia di cercarle, ma ricordo di aver letto piu' volte dichiarazioni di eminenti rappresentanti della lega nord affermare che lo scopo della loro politica era quello di scoraggiare gli stranieri dal venire a vivere in italia, aggiungendo che avrebbero fatto di tutto per impedire ai loro figli di diventare cittadini italiani come tutti gli altri.

    questo solo per quanto riguarda le solite idiozie del solito leghista.

    per il resto, una politica a livello federale di sostegno alla formazione dei vivai richiede scelte, tempo, risorse e coerenza nel portare avanti quelle scelte.

    tutte cose che non pagano elettoralmente se l'orizzonte temporale e' fissato sulle prossime elezioni circoscrizionali di carugate.

    RispondiElimina
  6. ho dimenticato di menzionare che l'appartenenza all'UE impedisce di discriminare i calciatori professionisti provenienti da altri Paesi dell'UE stessa.

    ma insomma, una volta riconosciuta ad occhio nudo una cazzata non c'e' bisogno di aggiungere molto di piu'...

    RispondiElimina
  7. Qualcuno potrebbe pure semplificare i connotati a Calderoli però... E che palle... Ne spara troppe ogni giorno... E' insopportabile.

    RispondiElimina
  8. E' il caldo. O forse c'è in segreto una gara a chi ne spara di più prima delle vacanze, viste le continue esternazioni (ormai quasi quotidiane) da parte degli esponenti della Lega.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post