Punirne cento per educarne uno

Siamo alle solite: per colpa di quattro imbecilli che si prendono a coltellate, a tutti gli altri verrà impedito di andarsene in giro al fresco e bersi una birra con gli amici alle tre di notte; è esattamente lo stesso meccanismo dello stadio, nel quale a decine di migliaia di persone viene proibito di portarsi dietro un succo di frutta nel brick perché tre scemi potrebbero avere l'alzata d'ingegno di lanciarlo sulla testa del guardalinee.
Si tratta, nei fatti, di un curioso principio di responsabilità collettiva, in base al quale un numero indefinito di persone viene chiamato a pagare per gli sbagli di pochi idioti: un po' come succede a scuola, quando la maestra non ha la minima voglia di star lì ad indagare su chi siano i responsabili del casino che si sente da fuori e allora mette in castigo tutta la classe, così risolve il problema alla radice e non ci pensa più.
Io, che non mi sono mai sognato di accoltellare nessuno, continuo a pensare che starmene fino all'alba a chiacchierare in mezzo alla strada con una birra in mano sia un mio diritto, nella misura in cui qualcuno abbia voglia di tenere aperto il bar fino a quell'ora per vendermela: e che punire tutti per educare quattro scemi sia davvero troppo facile.
Metteteli dentro, e lasciate in pace chi si gode la città senza rompere i coglioni a nessuno.

Questo post è stato pubblicato il 07 giugno 2010 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

7 Responses to “Punirne cento per educarne uno”

  1. Purtroppo l'omertà si paga così. La prossima volta che andate allo stadio premuratevi di segnalare i quattro idioti piuttosto che coprirli con il silenzio

    RispondiElimina
  2. per lo stesso principio si potrebbe impedire a tutta la classe politica, dato che alcuni di loro rubano, di maneggiare soldi pubblici.

    RispondiElimina
  3. A me risulta che ci sia il divieto a San Lorenzo di MILANO, non di Roma. Non trovo alcuna notizia su alcun divieto a San Lorenzo a Roma. Alessandro, sei sicuro?

    RispondiElimina
  4. Tra le altre cose, non ho ben compreso l'uso del termine "MAXIRISSA" riferito a 3 persone.
    Mah.

    RispondiElimina
  5. "Tra le altre cose, non ho ben compreso l'uso del termine "MAXIRISSA" riferito a 3 persone."

    ...i soliti calcoli della Questura: in realtà erano moooolti di più! :-)

    RispondiElimina
  6. Triste che il degrado venga superficialmente chiamato stupidità. :/

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post