Letti per voi /2

Sull'Unità, insieme a Francesca Fornario, una rassegna stampa video tutta dedicata a Berlusconi, che come ormai sapete tutti è meglio dei gay.
Buona visione.

P.S. Domani porterò anch'io il mio contributo di cinque minuti agli amici di "Prossima fermata Italia". Per chi fosse nei paraggi, ci si vede là.

Questo post è stato pubblicato il 05 novembre 2010 in ,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

17 Responses to “Letti per voi /2”

  1. Chiudete per un attimo gli occhi e immaginatevi l'Italia senza Berlusconi:

    L'UNITA' chiude;
    Il MANIFESTO pure;
    LA REPUBBLICA anche;

    Si salva il CORRIERE dopo aver dato un calcio nelle palle al democristiano di sinistra di nome Beppino Pizzaiolo Bigotto Severgnini che non vuole invecchiare come il Berluska. (Ma chi glielo ha chiesto?)

    E poi rimane il deserto di quella blogosfera che sul Berluska ha campato.
    Disoccupazione di massa!

    E tanta, tanta tristezza: come se fosse morto un Padre della Patria.

    E poi tutti a ripartire esattamente dal punto dove aveva lasciato Berlusconi.

    Eh Eh Eh

    RispondiElimina
  2. Carissimi Alessandro e Francesca,

    Ma che bella rassegna stampa, complimenti, elegante, sobria ma ben focalizzata e diretta al punto. Proprio bravi entrambi.

    So che non c'entra coi contenuti, ma anche l'ambientazione per il video era molto piacevole con le cornici dorate sul fondo.

    Per un momento mi sembrava un po' lo studio della televendita con quel critico d'arte che commentava i quadri sulla tv commerciale di cui faceva anche l'imitazione Guzzanti .

    http://www.youtube.com/watch?v=ZXkS-W8bbRg

    Comunque bravi ambedue ! ;)

    RispondiElimina
  3. Uffa che palle !!

    Ma sempre de' Berlusconi state a parla'?

    Mamma mia me fate veni' du paia de cojoni !!!

    RispondiElimina
  4. Anonimo ma che due palle...

    Ma sempre a rompere i cojoni su sto blog ??

    Mamma tua .. ma vai sul blog EmilioFido...
    o anche su quello di minzolingua.. qui stai a soffrire.. chi te lo fa fare !

    Attivate subito il vostro ChiamaSilvio Beghelli.
    Con ChiamaSilvio Beghelli ogni problema è risolvibile in meno di due ore,
    in modo semplice ed efficiente. Una volta attivato il vostro ChiamaSilvio
    Beghelli, il Premier in persona chiama l'ufficio pubblico che vi sta
    creando dei problemi (Questure, Agenzia delle Entrate, Vigili Urbani,
    Poste, Ferrovie...) assicurando al funzionario di turno che siete la
    biscugina di Roosevelt, la zia di Lukashenko, la nipotina di Mubarak, la
    pronipote di Greta Garbo.

    Contemporaneamente, un funzionario pagato dai cittadini, magari addirittura
    un Consigliere Regionale della Lombardia, tipo Nicole Minetti, viene a
    togliervi dai guai.

    Chi ha usato ChiamaSilvio Beghelli ha risolto ogni problema, basta guardare
    i numerosi testimonials.

    • M. C. era una soubrette di seconda fila costretta a
    farsi fotografare seminuda: ha azionato il ChiamaSilvio Beghelli ed è
    diventata Ministro.
    • M. B. era una venditrice di salmone, ha attivato il
    suo ChiamaSilvio Beghelli ed è diventata ministro pure lei.
    • N. L. era una ragazzina di Caserta, ha attivato il
    ChiamaSilvio Beghelli ed è diventata una reginetta del jet-set.

    Visto?
    Procuratevi subito il vostro ChiamaSilvio Beghelli, l'alternativa sicura al
    welfare state.

    ChiamaSilvio Beghelli è facile, rapido intuitivo.
    1. Digitare 1 per interventi sulle forze dell'ordine.
    2. Digitate 2 per partecipare alle feste di Arcore.
    3. Digitate 3 per farvi regalate un Rolex e settemila euro.

    ChiamaSilvio Beghelli, un'alternativa semplice e funzionale al
    dissolvimento dello Stato e della decenza.

    Avvertenze:
    • Leggere attentamente le istruzioni all'interno del tanga di piume
    di struzzo.
    • Non funziona contro le valanghe o le frane, per quello c'è
    l'efficiente ChiamaBertolaso Beghelli, che può anche crearvi una discarica
    in salotto in meno di mezz'ora.

    RispondiElimina
  5. Caro Bertoldo, rassegnati, i giornali preesistevano a Berlusconi, e continueranno a esistere nel bene e nel male.
    Quanto alla blogosfera non campa su berlusconi ma sul libero pensiero e sulla lucida analisi dell'esistente. Quindi, lo si voglia o no, al momento con berlusconi bisogna fare i conti.
    Finito lui, se ne prende atto e si va avanti.

    RispondiElimina
  6. Ma come metil... Software libero di qua, Linux di là e poi ti presenti alla rassegna stampa con un mac? O i tuoi interventi precedenti erano solo dei vorrei ma non posso (con quello che ho pagato il mac nuovo)? Almeno copri il logo, ti prego!!
    Con stima
    Daniele

    RispondiElimina
  7. Caro Bertoldo,credo che la sinistra tutta debba ringraziare Silvio Berlusconi. Egli infatti rappresenta il capro espiatorio (vedasi l' ottimo libro dello Girard), soggeto a cui attribuire tutta la responsabilità di malefatte, errori o eventi negativi. Tutto ciò ha effetti eminentemente consolanti su persone frustrate e affini.

    Goffredo

    RispondiElimina
  8. >Quanto alla blogosfera non campa su berlusconi ma sul libero pensiero e sulla lucida analisi dell'esistente.

    Prrrrrrrrrrrrrr!

    RispondiElimina
  9. Goffredo,

    hai visto come e' semplice ... basta una semplice frase "merdusconi e' un capro espiatorio".. ed anche un miserabile fallito come te si sente meglio..

    RispondiElimina
  10. @Goffredo

    Berlusconi non è il problema. Il problema sono le persone lobotomizzate che lo votano. Se vuoi è questo è il vero obiettivo della critica. Non è berlusconi è il berlusconismo.

    RispondiElimina
  11. I miei complimenti !!!!
    ahhh GRAZIE :)

    RispondiElimina
  12. Bello bello e per fortuna stavolta vi siete contenuti (nei tempi): 18 minuti vanno benone!
    Il primo era davvero lunghissimo!
    Bravo Alessandro e brava Francesca

    RispondiElimina
  13. Giornata di lutto per i Comunisti nell'Italia fascista del governo Berlusconi.

    I ROM, pur essendo cittadini europei, se non fanno un cazzo, devono tornare in Romania dove non faranno un cazzo lo stesso.
    Ma quello che il nostro governo fascista finge di ignorare e' che da quelle parti li menano e mandare la gente a casa sua a farsi menare perche' non fa un cazzo dalla mattina alla sera, e' contrario ai loro diritti umani.

    Anche in Francia, se non fanno un cazzo, se ne devono tornare in Romania.

    Le forze fasciste della reazione hanno dunque diciso di applicare con una eccezione del tutto discriminatoria il principio fondatore della Comunita' Europea: libera circolazione di tutti e tutto fra Stati Membri.

    I Comunisti sono incazzati neri perche' quando si dice "tutti" si deve intendere "tutti": cioe' anche i parassiti, i criminali e i delinquenti: perche' non si devono fare discriminazione.

    Tutti infatti possono fare il cazzo che vogliono perche', come diceva Giorgio Gaber, la liberta' e' partecipazione (ai profitti di chi lavora). Quindi se non fai un cazzo, e se sei un uomo libero devi essere anche libero di non fare un cazzo, hai il dirtto di mangiare nel piatto degli altri perche' se ti tolgono questo diritto naturale ti discriminano.

    E siccome anche il nonno di Obama una volta e' stato discriminato, non e' giusto che si vada avanti con la discriminazione per il colore della pelle, per gli orientamenti sessuali e per l'inclinazione al lavoro. Se uno nasce senza inclinazione al lavoro e' come se nascesse nero o frocio: non e' colpa sua e non lo si puo' mica discriminare.

    Purtroppo questa ferrea logica comunista oggi e' stata umiliata da un' altra riforma fascista del regime.
    Se uno nasce Rom che colpa ne ha? Non bisogna mai discriminare con nessuno, ma questo governo fascista lo fa. E l'Europa tace.

    Quindi diciamo chiaro e forte al governo fascista che ci governa e all'Europa tutta:

    "No, al genocidio culturale dei ROM!"

    RispondiElimina
  14. Grande Francesca al minuto 5:06

    ... igienista mentale di Berlusconi ...

    ah ah ah
    una consigliera regionale testa vuota a soccorso di un vecchio pervertito pedofilo.

    azzeccato!!!

    RispondiElimina
  15. Obama dimostra che un nero può sbagliare, può essere un asino, ed è una lezione di civiltà, rispetto a quando si pensava che un nero non sapesse fare un tubo per essenza innata.

    Lo stesso non si può dire in Italia, quando si crede che i "comunisti" non sappiano governare per principio, quando è invece un fattore contingente, e cioé QUESTI "comunisti" sono delle mezze calzette, e sono giustamente puniti dal loro elettorato.

    Noto però che a destra sono troppo, ma troppo, ma troppo indulgenti con i loro capi, per dirla pulita.

    Per dirla in Bertoldese, invece, i primi ad essere Bunga-bungati sono proprio gli elettori di B., che le la sono letteralmente cercata. Ed è a loro che evidentemente piace, visto che entusiasticamente continuano a votarlo ed acclamarlo. Questo è davvero notevole!

    Paolo

    RispondiElimina
  16. Ma come metil... Software libero di qua, Linux di là e poi ti presenti alla rassegna stampa con un mac?
    --------------

    So what? Uno non se lo puo' comprare un mac e magari tenere Linux su un altro PC?

    RispondiElimina
  17. Quanto alla blogosfera non campa su berlusconi ma sul libero pensiero e sulla lucida analisi dell'esistente.
    -----------------------

    AHAHAHAHAHAHHAHAHA! Bella questa!

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post