E' più di sinistra il cacciabombardiere F 35 Lightning II o l'Eurofighter?

L'inchiesta di Altraecononomia sugli sprechi e i privilegi nel settore della difesa dal titolo intelligente di "Il caro armato", ci racconta che il Governo (quello di Berlusconi) sta partecipando al progetto internazionale per lo sviluppo del cacciabombardiere d'attacco F-35 Lightning II che, da qui al 2026 ci farà spendere 13 miliardi di euro (quelli nostri).
Tre-di-ci-mi-li-ar-di-di-euro-nos-tri!
Mentre ci muoiono la scuola, la sanità, la cultura...
A Tremonti che dice che la cultura non si mangia, forse potremmo chiedere se nei prossimi anni dovremo mangiarci qualche proiettile all'uranio impoverito.
Ai nostri, con i quali - ammettiamolo - ci divertiamo sempre molto di più, potremmo chiedere in termini di "realdalempolitik" e citando Gaber: è più di sinistra il cacciabombardiere F35 Lightning II (made in USA) o l'Eurofighter (made in UE)?
Resta in ogni caso il solito dubbio: non sarà che con queste spese militari giustificate dalle sempre più dolorose guerre al terrore vere e presunte, stiamo ancora una volta trainando il rilancio dell'economia USA?
(grazie a G.Z.)

Questo post è stato pubblicato il 18 novembre 2010 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

5 Responses to “E' più di sinistra il cacciabombardiere F 35 Lightning II o l'Eurofighter?”

  1. 13 miliardi di euro in 16 anni dovrebbero "trainare il rilancio dell'economia USA"? Quando ne spendono più di 500 ogni anno? E quando, per lo stesso cacciabombardiere, hanno speso, solo nel 2009, 6.7miliardi?

    Va bene giocare a "trova il complotto", ma qui faccio fatica a vederne uno...

    RispondiElimina
  2. 13 miliardi in 16 anni non sono una spesa ma un ottimo investimento, perchè i soldi resteranno in Italia: gli aerei per la nostra aeronautica e per gli alleati NATO verranno prodotti da noi, creando migliaia di posti di lavoro di qualità per decine di anni: avremo inoltre ritorni molto importanti dal punto di vista della ricerca scientifica, perchè le industrie italiane partecipano allo sviluppo di quello che sarà l'oggetto tecnologico più avanzato quando entrerà in servizio. L'italia partecipa infatti al progetto F-22 da 8 anni, ed il contratto è stato firmato nel 2006. perchè ve ne accorgete solo adesso?

    RispondiElimina
  3. Esatto marco! F35 è fondamentale per l'industria e la ricerca italiana, essendo il nostro stabilimento l'unico fuori dagli USA.. rinunciare a questi aerei porterebbe solo nuova disoccupazione ed un ulteriore impoverimento dell'Italia, e renderebbe inutile la portaerei Cavour (una portaerei senza aerei a che serve?)!

    RispondiElimina
  4. Il commento di Marco e' stravomitevole. E anche Luca non e' da meno. MIgliaia di posti di lavoro? Ma che bugia indegna. Sempre a pensare a fare soldi,non importa in che modo,basta che mezzi uomini senza scrupoli come voi due si arricchiscano (Luca,sei davvero disoccupato? ma trovati un mestiere serio allora). Sempre a ragionare con la vista corta, quando con 13 miliardi di euro si devono risanare i conti pubblici e arginare il degrado sociale. Siete lo spechcio di questa nazione ,siete deprimenti, e probabilmente malati in testa.

    RispondiElimina
  5. Questo è il prezzo delle visitine di Berlusconi al Ranch di Bush.

    Il bello è che il progetto dell'F-35B (quello che abbiamo ordinato noi per intenderci) è in bilico da diverso tempo adddirittura negli USA!
    Troppi problemi, troppo poco adatto alle attuali esigenze belliche americane (le risorse in questi anni si sono spostate verso la fanteria) e soprattutto, troppo costoso.
    Sarebbe poi interessante sapere cose ce ne facciamo di un aereo stealth in un paese che ha dovuto restituire i Tornado ADV e gli F-16 (velivoli decisamente più adatti alle nostre esigenze e soprattutto al nostro budget), entrambi presi in leasing.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post