Prima abrogatela da voi, poi parlate quanto volete


Dalla lettura della notizia, per la verità, si evince in modo piuttosto chiaro che la Casa Bianca non ha condannato tanto le impiccagioni in sé, quanto il fatto che esse siano state eseguite da un regime contro i suoi oppositori politici.

Però, abbiate pazienza, leggere ex abrupto sul titolo che gli americani hanno stigmatizzato delle condanne a morte mi ha procurato un fastidioso fremito di disgusto.

Non sarebbe meglio, presidente Obama, mettersi nella condizione di poterle condannare tutte, senza alcuna distinzione?

Questo post è stato pubblicato il 28 gennaio 2010 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

4 Responses to “Prima abrogatela da voi, poi parlate quanto volete”

  1. non ti pare di chiedere troppo a Obama?

    RispondiElimina
  2. Sarebbe meglio, certo, sì.

    Il che non toglie che il presidente degli USA – di un Paese dove la Corte costituzionale ha giudicato il pubblico rogo della bandiera a stelle e strisce una legittima espressione, garantita dalla libertà di pensiero – possa prendersela con un altro Paese, dove la manifestazione di opinioni diverse da quelle del regime, la semplice richiesta di elezioni non truccate sono considerate reati; e dove, per di più, tali reati di opinione sono spesso puniti con la condanna a morte.

    RispondiElimina
  3. Se ci fosse stato scritto "Iran, casa Bianca condanna ergastoli" il fuoco del messaggio sarebbe stato chiaro, mi sembra.
    La società americana ha grandi contraddizioni. Ma per loro la libertà di espressione e la pena capitale sono due faccende radicalmente disgiunte l'una dall'altra, come spiega Serena. Per loro è lecito condannare a morte un assassino, ma totalmente inaccettabile fare anche cinque minuti di anticamera di penitenziario per una propria opinione.

    RispondiElimina
  4. Paolo sappiamo tutto questo. Concordo con te. Senza che dobbiamo ogni volta citare De Toqueville e la sua feroce critica alla dittatura della maggioranza. Provati a dichiarare comunista,cosi' per gioco, ti acchiappa al volo l'FBI. Negli USA dichiararsi esplicitamente comunisti e' un reato d'opinione.E come se non bastasse la gente ti guarda alla stregua di un malato mentale fuori dal manicomio. Certo, nei licei soprattutto dei quartieri piu' problematici ci sono i metaldetector perche' gli ammericani hanno una certa dimestichezza con le armi. E mentre i papa' italici portano i figlioletti alla partita loro li portano al poligono. Sono il popolo che pesa di piu' a livello di impatto ambientale, fanno macelli nel mondo, rovesciano i governi di paesi altrui (11 Settembre 1973.......cosa vi ricorda?), si inventano auto attentati per avere delle scuse per attaccare briga, sono intervenuti nella Seconda Guerra Mondiale solo dopo che videro di poter avere ottime occasioni commerciali in Europa, quando ci vengono ad aiutare rasano al suolo interi quartieri di Palermo (i rosanero stanno ancora ringraziando), ci tengono sotto scacco godendo di immunita' al di fuori del consentito ( ad Aviano sono odiatissimi perche' fanno sempre sistematicamente quello che vogliono senza che nessuno possa dire niente perche' godono di immunita' militari). Insomma, quanto basta per diffidare anche dal nipote dei Kennedy. Si,sto parlando di Obama. E poi ci vengono ad insegnare il diritto a noi che abbiamo il diritto romano....

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post