Le parole pacate degli uomini di chiesa


Monsignor Giacomo Babini, Vescovo emerito di Grosseto:

  • L' Islam é una giusta punizione del Signore davanti alla nostra ignavia di cristiani.
  • Maometto era un predone, ma anche un mercante senza scrupoli. Aveva del talento, altrimenti non avrebbe fatto quel che ha realizzato, ma con violenza, come violento é il Corano.
  • Siamo in tempo ancora a fermare la pericolosa espansione islamica che difficilmente si arresta. Vedo un pericolo grave di islamizzazione.
  • Sull'omosessualità la chiesa chiede delicatezza e misericordia e sono in sintonia. Ma rimango dell'idea, tolte rare eccezioni, che sia figlia del vizio e della depravazione.
Come si dice: quando i tempi si fanno difficili, qualche parolina di distensione dalla Santa Sede è proprio quello che ci vuole.

Questo post è stato pubblicato il 11 gennaio 2010 in ,,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

14 Responses to “Le parole pacate degli uomini di chiesa”

  1. Sulla pericolosità dell'Islam fondamentalista, purtroppo, ha ragione.
    Ma perchè registrare le opinioni sballate dei vecchiardi in tonaca?

    RispondiElimina
  2. Perché pretendono di avere il monopolio della carità, criticano, puntano il dito e si pongono sempre come esempio per gli altri. Salvo poi fare peggio di loro.

    RispondiElimina
  3. L'islam fondamentalista e' pericoloso tanto quanto il cristianesimo fondamentalista. Come sempre hanno perso una buona occasione per stare zitti!

    RispondiElimina
  4. non mi stupirei se questo rimbambito con il cappellino rosso in testa, dentro l'oratorio, s'inculasse qualche chirichetto...

    RispondiElimina
  5. "Si sa che la gente dà buoni consigli se non può più dare il cattivo esempio"
    Cito Faber, mi pare appropriato per vari motivi.

    RispondiElimina
  6. Maometto era un violento mentre l'evangelizzazione delle Americhe è avvenuta chiedendo "per favore, potreste convertirvi?"

    RispondiElimina
  7. Se l'islam è 'una giusta punizione del Signore davanti alla nostra ignavia di cristiani' allora abbassiamo i pantaloni e prendiamocela tutta questa punizione,perché se te la manda Dio, è il suo gesto di amore e redenzione nei nostri confronti.
    Ergo: chi intende 'fermare la pericolosa espansione islamica che difficilmente si arresta' è un miscredente, un peccatore impenitente che merita di ardere all'inferno.

    Se Dio vuole punirci ha tutto il diritto di farlo, e non sta a noi sindacare i suoi metodi.
    Dimmi tu se Dio deve essere messo in imbarazzo da questa gente.

    RispondiElimina
  8. vuole prendere il posto di vittorio feltri?

    RispondiElimina
  9. Saccente di' ai tuoi amichetti di darsi una calmata e di passare in farmacia per ampie scorte di tranquillanti e barbiturici. Tu che sei del ramo avvisa loro di abbassare i toni. Sono degli irresponsabili e incivili e andrebbero perseguitati a norma di legge per incitamento all'odio razziale. Ti rammento velocemente l'articolo di legge modificato"

    LEGGE 13 OTTOBRE 1975, n. 654
    CONVENZIONE INTERNAZIONALE SULLA ELIMINAZIONE DI TUTTE LE FORME DI DISCRIMINAZIONE RAZZIALE

    ART.3.

    SALVO CHE IL FATTO COSTITUISCA PIÙ GRAVE REATO,AI FINI DELL'ATTUAZIONE DELLA DISPOSIZIONE DELL'ARTICOLO 4 DELLA CONVENZIONE È PUNITO CON LA RECLUSIONE DA UNO A QUATTRO ANNI:

    a) con la reclusione fino ad un anno e sei mesi o con la multa fino a 6.000 euro chi propaganda idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico, ovvero istiga a commettere o commette atti di discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi;

    b) CHI ISTIGA IN QUALSIASI MODO ALLA DISCRIMINAZIONE,O INCITA A COMMETTERE O COMMETTE ATTI DI VIOLENZA O DI PROVOCAZIONE ALLA VIOLENZA,NEI CONFRONTI DI PERSONE PERCHÉ APPARTENENTI AD UN GRUPPO NAZIONALE,ETNICO O RAZZIALE.

    Non potete celarvi dietro al fatto ceh siete uno stato straniero solo quando vi fa comodo. Dovete rispondere delle vostre azioni,visto ceh le interviste le rilasciate in Italia.

    RispondiElimina
  10. Niente da dire... è peroprio un Emerito...

    RispondiElimina
  11. sono d'accordo che non tutto quello che esce dalla bocca di un cardinale, vescovo, prete sia da prendere sul serio ma che abbia detto cose fuori dalla realtà proprio non mi pare.
    E se qualcuno non sa distinguere tra le opinioni personali (p.es che l'Islam è una punizione ecc, e che l'omosessualità è spesso un vizio) è un problema tutto suo.

    Gurzo

    RispondiElimina
  12. Gurzo,ma stai scherzando o sei serio? Un alto prelato che rilascia dichiarazini del genere parlerebbe solo di "opinioni personali"? Certo, perché le alte cariche ecclesiastiche sono universalmente note per la loro libera espressione e per come dissemino costantemente i media italiani con "opinioni personali". Come direbbe Totò: ma mi facci il piacere!
    Quando sono posizioni accttabili, sono la dottrina e lo spirito della Chiesa, quando sono posizioni indifendibili (e peraltro costantemente ribadite da tutte le alte cariche vaticane), allora diventano opinioni personali...
    Non so se invitarvi a vergognarvi o se vergognarmi io per voi.

    RispondiElimina
  13. Gurzo, un'uomo, soprattutto se di fede, dovrebbe avere una dignità morale parimerita alla carica che ricopre.

    RispondiElimina
  14. Nel 2010 che l'omosessualità *è spesso un vizio* non si può proprio sentire. Come ti sentiresti tu se ti dicessi che l'amore che provi per la tua donna è equiparabile ad una sigaretta o al mangiarsi le unghie?

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post