Ci si viene a creare un problema

A quanto pare le scuole private, sempre pronte a rivendicare il diritto all'uguaglianza di trattamento quando si tratta di chiedere fondi allo stato, lo dimenticano improvvisamente nel momento in cui si trovano a dover valutare (e respingere) le domande di iscrizione dei ragazzi disabili.

Il tanto sbandierato diritto alla libertà di educazione, insomma, si deve considerare inalienabile solo quando fa comodo a loro: appena si prospetta qualche problemino in più, invece, la patata bollente passa senza colpo ferire alla scuola pubblica.

Bel modo di intendere il concetto di parità, eh?

Questo post è stato pubblicato il 26 febbraio 2010 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

Scrivi un commento

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post