La Polverini ha capito per chi si candida?


Ricapitoliamo: a quanto pare la Polverini è favorevole a riconoscere i diritti delle coppie di fatto, considera gli immigrati come una risorsa per il paese ed è pure contraria al nucleare.

Qualcuno, per l'amor di Dio, dica a chi le scrive i discorsi per quale coalizione si sta candidando.

Questo post è stato pubblicato il 12 febbraio 2010 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

14 Responses to “La Polverini ha capito per chi si candida?”

  1. Ah ah.
    Dai Alessandro. Rileggi i post precedenti.


    Se lo confronti con questo direi chè è perfettamente il linea cone la politica di partito.

    E come diceva il fu George Carlin
    "It's the old American double standard, you know, say one thing, do something different".

    Ciao.

    RispondiElimina
  2. Lo diceva bene Stefano Draghi, analista elettorale del PCI e delle sue seguenti incarnazioni: "quando ti sposti dalle tue posizioni e ti avvicini a quelle del tuo avversario, l'unica cosa che capiscono gli elettori è che il tuo avversario aveva ragione".

    Evidentemente, siamo così abituati ad avere i candidati del centrosinistra avvicinarsi maldestramente alle posizioni della destra che non riusciamo a capacitarci che di fronte a un candidato con posizioni nette e radicali (pardon the pun) il candidato della destra ci caschi e finisca per fare lo stesso... con suo grave danno. Nessuno compra le copie, se può avere gli originali.

    RispondiElimina
  3. Ha comunque detto "Pertanto ritengo che nel Lazio non ci sia bisogno di istallare nuove centrali nucleari.".

    Cioè LEI ritiene. Ma che succede se il governo glielo imporrà? (O se semplicemente "cambia idea"?)

    In altre parole: non ha detto le fatidiche parole "sono contraria all'installazione di centrali nucleari o di siti di stoccaggio nel Lazio".

    RispondiElimina
  4. La campagna elettorale è partita con la Poverini Rossa ideata da Velardi. Simbolo rosso, manifesti rossi.

    Dopo qualche settimana numeri e sondaggi iniziano a non essere proprio tranquilli e allora è partita la fase due: Polverini Azzurra. Manifesti Berlusconi (gigantesco) per Polverini (piccino), azzurro PDL.

    Polverini come tu la vuoi.

    Quale sarà la prossima mossa?

    RispondiElimina
  5. Ne vedremo delle belle nel Lazio...tra questa simpatico giullare e le trovate della Bonino, rispediranno nel caos i rispettivi partiti...

    RispondiElimina
  6. E comunque, sul nucleare, ha detto, come tutti, che nel proprio cortile non vuole vedere gente che armeggia con l'atomo...
    Facciano attenzione le regioni piccole...con 'sta storia del nucleare lo prenderanno in quel posto (penso ad esempio a Molise,Basilicata e Umbria)

    RispondiElimina
  7. Per quanto riguarda le centrali nucleari non è sola... anche Palese in Puglia e Formigoni in Lombardia sono "contro" il governo!
    Roba da matti...

    RispondiElimina
  8. Centrali nucleari italiane in Albania: Berlusconi ha trovato la quadratura del cerchio.
    Spero che anche gli albanesi, come la maggioranza degli italiani, abbiano in proposito qualcosa da obiettare.

    RispondiElimina
  9. Sta storia del NO al nucleare è assolutamente fonte di un sentimento che si era creato per la paura Post-Chernobyl. Dai ragazzi,oggettivi. Centrali nucleari ci sono in francia,slovenia,germania.
    Secondo voi se ne zompa una,le radiazioni rispetteranno le dogane? I confini? I passaggi di frontiera? Guardate che molte centrali in giro per il mondo le hanno costruite aziende italiane. Quindi siamo capaci a farle. Tanto vale pagar di meno la bolletta ed aumentare le quotazioni della nostra industria tecnologica,invece di fare i fessi e pagare fior di quattrini comprando energia da paesi stranieri che la producono con centrali comunque nostre.

    RispondiElimina
  10. ore 8.40 di sabato mattina.
    su la7 c'è la binetti che sta facendo campagna elettorale CONTRO la Bonino,i radicali e il proprio partito d'appartenenza.

    la confusione sull'appartenenza è piu generalizzata di quel che si crede

    RispondiElimina
  11. @Shaadow
    Il tuo discorso, in linea di principio, è ragionevole.
    Peccato che in questa italietta mafiosa e corrotta io non costruirei manco un pagliaio, figurarsi delle centrali nucleari.
    Ma tu hai visto cosa sono in grado di combinare con il ciclo dei rifiuti?E vogliamo mettere in mano a questa gentaglia il ciclo di processamento del combustibile nucleare? Non ci penso nemmeno lontanamente.

    E comunque sul "pagare meno la bolletta" ci sarebbero da dire due cosette.
    1)Partendo praticamente da zero, le centrali e gli annessi, ci costeranno un occhio della testa.
    L'affare l'ha fatto la Francia che ci vende tecnologia (vecchia) e i paesi che hanno uranio (dipenderemmo comunque da loro...)
    Il treno del nucleare l'abbiamo perso da idioti. Ma sarebbe ancora più idiota spendere altri denari per tentare vanamente di raggiungerlo.

    RispondiElimina
  12. il nucleare non è vantaggioso e non crea economie di scala come invece accade con le energie alternative quali microeolico e solare.
    la differenza sostanziale sta nel fatto che il nucleare è una soluzione centralista che crea una rendita allo stato,lo sviluppo delle altre invece è maggiormente di tipo decentrato e "anarchico".
    Non escluderei pure che il megalomane sogni di costruirsi qualche bella bomba nucleare,l'unico motivo che peraltro ha reso economicamente accettabile le centrali francesi.
    Mirko

    RispondiElimina
  13. x shadow:

    Sta storia del NO al nucleare è assolutamente fonte di un sentimento che si era creato per la paura Post-Chernobyl.

    Si e' creata una coscienza collettiva rispetto ad un reale problema.

    Centrali nucleari ci sono in francia,slovenia,germania.
    Secondo voi se ne zompa una,le radiazioni rispetteranno le dogane? I confini? I passaggi di frontiera?

    Proprio per questo motivo noi certi errori dobbiamo evitarli. Di quale regione sei? Saresti contento se in ABruzzo estraessero il petrolio e l'idrogeno solforato derivante dalla raffinazione ricadrebbe da te?

    Guardate che molte centrali in giro per il mondo le hanno costruite aziende italiane. Quindi siamo capaci a farle.

    DI centrali anche di IV generazione, nei paesi con una forte cittadinanza attiva non se ne fanno piu' . GIusto nei paesi da sfruttare dell'Est li possono fare,laddove non ci sono coscienze ecologiche.

    Tanto vale pagar di meno la bolletta ed aumentare le quotazioni della nostra industria tecnologica,invece di fare i fessi e pagare fior di quattrini comprando energia da paesi stranieri che la producono con centrali comunque nostre.

    AHaha,buona questa. Non e' affatto vero ceh si pagehrebbe di meno la bolletta. Semmai potrebbe addirittura aumentare per i costi esorbitanti di produzione. L'ENEL specula sull'energia ricomprata a un terzo la notte dalla Francia.

    COpia e incolla questo link: sono gli incidenti solamente riferiti al solo 2009:

    http://baseverde.org/2009/rapporto-d%E2%80%99incidenti-in-centrali-ed-impianti-nucleari-nel-mondo-nel-2009/

    RispondiElimina
  14. @Shaadow: oilà, stavo giusto aspettando il coscienzioso cittadino che si fa mettere un deposito di stoccaggio delle scorie vicino casa per risparmiare 10 euro di bolletta.
    Ti siamo tutti molto grati per l'abnegazione in nome del progresso.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post