Credito razzista



A quanto pare se sei cittadino italiano ma Rom non puoi aprire un conto corrente bancario, anche se al posto di richiedere denaro lo devi solo versare.

Questo post è stato pubblicato il 16 febbraio 2010 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

9 Responses to “Credito razzista”

  1. Questo perchè qualche mese fa si parlava di "etica" per le banche...eh già.

    RispondiElimina
  2. per cosa, permettergli di depositare quello che rubano????

    RispondiElimina
  3. Il solito anonimo cazzone.
    Fabio.

    RispondiElimina
  4. A regà...che gli zingari rubino è assodato.
    Non tutti forse, ma parecchi.
    E' un cazzone che non ammette sta cosa.

    RispondiElimina
  5. A regà...che gli italiani rubino è assodato.
    Non tutti forse, ma parecchi.
    E' un cazzone che non ammette sta cosa.

    RispondiElimina
  6. Beh questa volta in realtà va detta una cosa: l'uomo è in carcere, le banche non credo abbiano fatto distinzione sulla razza quanto più sul suo stato sociale che ovviamente lo classificherà come "cliente indesiderato". Solo che dire che l'hanno fatto perché è rom fa più notizia...
    Ciao,
    Emanuele
    PS: poi ovviamente possiamo discutere se sia giusto o meno garantire un c/c ad un delinquente ma è un altro discorso.

    RispondiElimina
  7. Se un uomo è obbligato ad avere un conto corrente per poter ricevere del denaro, allora lo stato deve obbligare qualcuno a dargli un conto corrente, indipendentemente dal suo status sociale.

    RispondiElimina
  8. @Emanuele: discutiamone pure. Però discutiamo anche sul fatto che quando in carcere ci va un mafioso a me non pare che le banche facciano a gara a liberarsi dei conti correnti che costui intrattiene con loro.

    RispondiElimina
  9. quoto Metilparaben. Niente di nuovo sotto il sole.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post