Sanremo: droga per droga, perché Morgan no e Clinton (coi nostri soldi) sì?


I senatori radicali Marco Perduca e Donatella Poretti pongono un'interessante domandina al ministro Tremonti:

Abbiamo presentato oggi un'interrogazione parlamentare al Ministro Tremonti per sapere a quanto ammontano i compensi per gli ospiti stranieri del festival di Sanremo. Sui giornali impazzano inutili polemiche sul nulla, ma nessuno si interroga sul letterale spreco di danaro pubblico per accompagnare qualche ora con canzoni sul servizio pubblico. Tra le ultime trovate del direttore del festival ci sarebbe anche il possibile ingaggio all'ex Presidente Clinton che, a noi risulta, abbia delle altissime parcelle per le sue apparizioni pubbliche. Tenendo presente il momento di crisi economica generale e le condizioni letteralmente fuorilegge della RAI, occorre inoltre ricordare che Bill Clinton, proprio come John Kerry e Barak Obama, ha più volte reso noto il fatto di aver fumato spinelli in gioventù; lo sanno gli organizzatori del festival? Gli imporranno il test prima di fargli firmare il contratto? E comunque a quanto ammonta l'ingaggio?

Questo post è stato pubblicato il 08 febbraio 2010 in ,,,,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

9 Responses to “Sanremo: droga per droga, perché Morgan no e Clinton (coi nostri soldi) sì?”

  1. La lezione è molto efficace. Le giovani menti italiane impareranno che non tutte le droghe sono uguali: la cocaina ti fa perdere sanremo, gli spinelli ti portano prima alla Casa Bianca e poi addirittura Sanremo.
    Insomma, mai sottovalutare l'eterogenesi dei fini

    RispondiElimina
  2. vediamo forse perchè clinton non ha recentemente detto quanto sia bello fumare?

    RispondiElimina
  3. quindi bisogna bannare Clinton perché si faceva gli spinelli?
    sei diventato più probizionista dei proibizionisti?

    RispondiElimina
  4. "sei diventato più probizionista dei proibizionisti?"

    Secondo me non hai capito il senso del post...

    RispondiElimina
  5. La risposta ai costi? rientro pubblicitario.
    domanda standard, risposta standard.
    volete altri disoccupati nell'indotto dei consigli per gli acquisti?eh no,no.
    La controrisposta ideale sarebbe quella di boicottare,ma sul serio,il festival,o meglio
    appena scatta la pubblicità si azzera l'audio o si cambia canale,si può fare,no?.

    RispondiElimina
  6. ma clinton ha detto di non aver aspirato ;-)!

    RispondiElimina
  7. Monica invece ha detto di avere aspirato.

    RispondiElimina
  8. @Fizzi: di fare si può fare, ma se i boicottatori non hanno la macchinetta dell'auditel non serve a nulla

    RispondiElimina
  9. Andrea lo so che ci vuole la macchinetta, MA se lo si dice che la pubblicità cade nel vuoto,vuoi che non ne tengano conto? o che non gli faccia un minimo paura,disagio tipo pulce nell'orecchio?
    E dirlo si può fare no? ma porca miseria hai visto che gruppi deliziosi ci sono su fb?

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post