Rispetto a senso unico


La notizia è questa: la Conferenza Episcopale dell'India sta valutando l'ipotesi di un'azione legale contro la casa editrice che ha pubblicato in alcuni testi scolastici l'immagine qua sopra; essa, ha dichiarato il portavoce della CEI Babu Joseph, "è inaccettabile e va contro ogni principio di rispetto e di dialogo".

Già che ci siamo, mi corre l'obbligo di domandare se sia accettabile e/o conforme agli obblighi di rispetto e di dialogo la circostanza che nel nostro paese non una singola casa editrice, ma una nutrita schiera di vescovi, politici ed esponenti del mondo della cultura abbiano recentemente definito Maometto un poco di buono, un affarista isterico, un guerrafondaio, un furbacchione peccatore, un inviato del Maligno, un mercante senza scrupoli, un predone che ne ha combinate di tutti i colori, un impostore privo di senso etico, un pedofilo.

Siamo proprio sicuri di avere qualcosa da insegnare, in tema di rispetto?

Questo post è stato pubblicato il 22 febbraio 2010 in ,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

10 Responses to “Rispetto a senso unico”

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. "D'altra parte, secondo la normativa vigente, non vi è nulla di blasfemo dato che Gesù non è una divinità (anche se le varie confessioni cristiane non sono tutte concordi ed anche i vangeli non sono coerenti tra loro)."

    Per la fretta non ho letto che si trattava della CEIndia.

    PS: non c'è un modo per editre i commenti?

    RispondiElimina
  3. L'unica cosa blasfema è che muoiano persone per stronzate simili. Sai quante sigarette e birre ci siamo fatti insieme io e Cristo in certe sere che non c'era "neanche un prete per chiacchierar"?

    RispondiElimina
  4. Ciao
    Scusate, ma a me sembra che l'autore di questo post sia caduto nel tranello di prendere troppo sul serio gli articoli di un sito di fanatici e integralisti...anche se io per primo penso che l'Islam sia una religione violenta.

    RispondiElimina
  5. @Giuseppe: non so se hai notato, ma più che un sito di integralisti qualsiasi si tratta di un sito in cui intervistano dei vescovi. Se dici che neanche loro, bisogna prendere sul serio...

    RispondiElimina
  6. @Metil

    Infatti mi sembrano interviste poco credibili!

    Io personalmente posso pensare tutto il male possibile delle gerarchie ecclesiastiche, ma di una cosa bisogna dargli atto: sanno contare sino a 10 prima di parlare, figuriamoci se sproloquiano con tanta facilità contro Maometto e company.

    Non hai notato che il sito c'ha la fissa paranoica dei gay e dei musulmani?

    Le care "gerarchie", ahinoi, son molto più furbe e sottili di qualche rozzo bizzoco che ciarla su internet.

    RispondiElimina
  7. Fammi capire: stai sostenendo che sarebbero interviste false?

    RispondiElimina
  8. False, tagliate, decontestualizzate, volutamente travisate, esagerate e colorate...ma non lo leggi mai IlGiornale tu???

    Cmq no problem, a me il sito sembra stupidotto...e certi cattolici mi fanno più paura quando parlano sul serio!

    RispondiElimina
  9. Mentre proseguono queste spassose guerre di religione, c'è pure chi invita a guardarsi invece dalla minaccia dei pericolosi atei violenti (???):
    http://www.youtube.com/watch?v=gQmqPqN5VYk

    RispondiElimina
  10. Il Pierangelo delle 18.42 non sono io.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post