Detto da un laziale

Daniele De Rossi sulla "tessera del tifoso":

Sono contrario, non mi piacciono le schedature. In alcuni casi viste le ultime vicende forse servirebbe anche la tessera del poliziotto.
Detto da un laziale: magari ce ne fossero, come questo.

Questo post è stato pubblicato il 26 maggio 2010 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

25 Responses to “Detto da un laziale”

  1. Detto da un cittadino, ce ne vorrebbero di piu'... pero' la federcalcio che fa? Lo obbliga a ritrattare.

    RispondiElimina
  2. mh, va da dire però che all'interno degli stadi riescono a riprodurre fedelmente una battaglia medievale degna di Riccardo Cuor di Leone durante le crociate.

    RispondiElimina
  3. Le misure prese per combattere la delinquenza negli stadi sono ridicole, visto che ledono i diritti della gente per bene che non ha mai fatto nulla in vita sua, ma purtroppo io penso che sia meglio la tessera del tifoso che il nulla cosmico... In parole povere, per un Italia allo sbando accontentiamoci del "meno peggio".

    RispondiElimina
  4. E quando si ammazzano a 100 metri fuori dallo stadio (o a 100 km, tipo negli autogrill)?
    Non sono cero un simpatizzante della Roma nè di De Rossi, ma 10 e lode per la frase!

    RispondiElimina
  5. Al ragazzo hanno già consigliato di fare retromarcia, prontamente eseguita...
    http://www.tuttosport.com/3/5/36/2010/05/26-70146/De+Rossi+contro+tessera+del+tifoso%2C+bufera+e+scuse

    RispondiElimina
  6. De Rossi è nel giusto.
    Ma con l'ambientino che gira in certi anfratti della "tifoseria" forse farei attenzione a dare addosso ai poliziotti. Perchè è un tantino pericoloso.
    E in ogni caso la violenza negli stadi è un problema che si potrebbe risolvere nel giro di un annetto. Solo che le soluzioni da adottare non piaccino ai club. E quindi non si fa...

    RispondiElimina
  7. ha detto una bella stronzata.
    Ma nell'ambiente del calcio sono abituati, ci vivono di stronzate.

    RispondiElimina
  8. mah, chi ha visto con i suoi occhi il famoso filmato su youtube del ragazzino pestato non pensa che derossi abbia detto una stronzata.

    che ci siano tanti poliziotti per bene e' un fatto, che ce ne siano molti anche per male (vedi pure genova 2001) e' un altro.

    sfortunatamente la P.S. si comporta con i propro "casi isolati" esattamente come hanno fatto la grande meringa e i piccoli porporati fin quando non li hanno beccati con tanti sorci in bocca: hanno fatto/fanno finta di niente sperando che la tempesta passi presto.

    e se qualcuno si becca una manganellata di troppo, come si dice a Roma, a chi tocca nun se 'ngrugna...

    RispondiElimina
  9. daccordo con De Rossi
    resta che i tifosi violenti sono una gran massa di sfigati che sperano di passare per vittime del sistema mentre sono solo dei poveri stronzi che sfogano le loro rabbie distruggendo e devastando
    non sono migliori dei poliziotti che li controllano
    (scusate la sboccataggine, ma su certi argomenti è bene essere chiari)

    RispondiElimina
  10. de rossi che avrebbe detto di male? la pensiamo tutti come lui.....secondo me non doveva ritrattare, non ha detto niente di male...anzi ha detto la verità

    RispondiElimina
  11. @gianni, generalizzazioni. Non è questione di casi isolati o meno, il poliziotto la tessera l'ha già e probabilmente, se fosse stata istituita una procedura d'identificazione dei tifosi (se ne parla da anni) al ragazzo con la maglietta rossa non sarebbe successo nulla.
    Personalmente non amo il calcio, quindi non faccio testo, ma ho osservato la polizia presidiare gli autogrill, o garantire l'ingresso ad un treno o ancora, proteggere i residenti delle vicinanze degli stadi e sono rimasto piuttosto colpito dalla violenza di certi "tifosi" sui quali sì, il calciatore ha ragione, non stanno bene.
    Questo non vuole assolutamente giustificare in alcun modo l'intollerabile violenza di cui il corpo di polizia si è reso responsabile.

    RispondiElimina
  12. Skunk famose a capirsi: De Rossi ha voluto intendere semplicemente che anche gli sbirri se devono dare una calmata e non credere di avere una sorta di impunita' garantitagli dal fatto di avere le spale coperte dai superiori compiacenti. Vai a vedere su google e scrivi Spaccarotella. CHe ci hai trovato? TI sembra ormale sparare da una parte all'altra di un'autostrada? Sempre rimanendo nell'ambito calcistico,in realta' queste misure hanno un unico grande scopo latente: quello di indurre le persone ad abbandonare gli stadi e cercare la visione dlle partite con Mediaset PRemium e Sky. E infatti se andiamo a vedere in questi ultimi ani, la crescita e' stata vertiginosa. Seguite questo link e rifletteteci sopra:

    http://www.tgcom.mediaset.it/economia/articoli/articolo466344.shtml

    Inoltre i decoder che dovranno servire per vedere la stronzata del digitale terrestre sono prodotti dai soliti amici del piduista nano portatore di democrazia:

    http://www.repubblica.it/2005/l/sezioni/economia/confliber/confliber/confliber.html

    PEr la precisione il fratello, ma diamine,e' roba che sappiamo da anni!!!!

    RispondiElimina
  13. @ skunk:

    il poliziotto la tessera l'avra' quando sara' riconoscibile da tutti durante il servizio pubblico, per esempio attraverso un codice alfanumerico chiaramente visibile.

    fino a quando non sara' cosi' ogni poliziotto che abbia voglia di sfogarsi col primo che passa potra' farlo impunemente perche' sapra' di poter contare sull'omerta' dei colleghi e di quei politici che -dopo una sentenza come quella di pochi giorni fa- anziche' spostare a incarichi di minore responsabilita' chi e' stato condannato (non ancora a sentenza definitiva) ne ha rivendicato la promozione.

    Sul fatto che la tifoseria organizzata in italia sia costituita per la gran parte da animali siamo entrambi decisamente d'accordo.

    ma mi chiedo perche' l'inghilterra abbia risolto questo problema in meno di 10 anni mentre in italia ne sono passati 30 dal primo omicidio avvenuto allo stadio (paparelli) e da allora ad oggi tutti i luoghi vicini ad uno stadio, alla domenica, continuano ad essere terra di nessuno.

    RispondiElimina
  14. e bravi, facciamo a capirci
    facciamo allora che, siccome tanto polizia e tifoserie sono al pari ricettacolo di violenti e sopraffattori, la prossima volta che un tifoso mi rompe il parabrezza dell'auto, io sparo?
    facciamo così?
    ma vi siete bevuti il cervello?
    In un paese civile, per una affermazione simile, de rossi andrebbe squalificato a vita

    RispondiElimina
  15. pio se tu che non capisci. o lo fai apposta,scegli tu.
    QUi stiamo cercando di affermare che De Rossi ha deto una cosa che tutti sappiamo ma che nell'ipocrita Mondo Calcio si guardano bene dal dire.

    RispondiElimina
  16. no-no, De Rossi (che manco sò chi sia) ha detto qualcosa di più, ha messo sullo stesso piano le forze dell'ordine e i quattro sfigati che da decenni fanno il loro porco comodo negli stadi, nei treni, sulle strade, in occasione delle più becere e violente rappresentazioni di uno scontro tribale.
    In Inghilterra hanno risolto tutto applicando le regole, invadi il campo? Partita persa a tavolino, squalifiche, arresto, interdizione dagli stadi, identificazione.
    Ma qui in itaglia, può cadere un governo, fermarsi l'economia, esplodere un testata atomica senza che il campionario di calcio si arresti.
    Gianni, il codice alfanumerico? Forse non ci rendiamo bene conto di cosa stiamo dicendo. Un poliziotto non è una cassiera, per almeno un milione di motivi ovvi che per rispetto non sto nemmeno a spiegarti.
    Pio, ti sbagli, in un paese civile De Rossi non farebbe conferenza stampa, o al massimo finirebbe sul giornaletto locale a tiratura 200 copie, con tutto il rispetto per la stampa locale.
    Ripeto, questo non giustifica le violenze della polizia, in alcun modo.

    RispondiElimina
  17. Skunk si vede che appunto il calcio non lo mastichi. TI smonto tutte le tesi:

    1- Innanzitutto sei tu che falsamente vuoi intendere altro, De Rossi ha semplicemente detto che gli sbirri pure loro si devono dar euna calmata. E non mi dire che non e' cosi' perche' durante ROma-MAnchester di CHampions LEague di qualche anno fa un poliziotto rubo',si , rubo', avete letto bene, una machina fotografica ad una "attempata Pericolosissima Ultras" cinquantenne.
    2- In inghilterra non hanno risolto niente. Non ci sei mai entrato in uno stadio inglese e non sai,stai zitto per piacere. La si e' tutto evoluto spontaneamente e il fenomeno degli hooligans si e' semplicenete spostato con incontri fissati. Informati meglio,salame.
    3- De Rossi fa le conferenze come Kaka' in Spagna ,Grfite in Brasile, Ballack in GErmania, Rooney in Inghilterra e via discorrendo, ma in quale mondo di fantasia vivi?

    Astenersi, su questi agomenti, chi il calcio non lo mastica. FInti saputelli.

    RispondiElimina
  18. a giacì, è vero, il calcio non lo mastico, i boli mi danno il voltastomaco.
    Ma tu non hai smontato nulla, hai solo sparato le solite generalizzazioni da bar sport.
    Mi spiace per te, ma il resto della popolazione, quella porcata che qualcuno ancora chiama sport, la subisce.
    Quando non ci sarà bisogno del pastore per governare i "tifosi", i treni speciali e 2000 poliziotti per giocare un derby, allora mi asterrò.

    Però c'è un messaggio di speranza, se in inghilterra gli hooligans si sono evoluti spontamentamente (come i sapiens), ci sono speranze anche per i nostri.
    Spero di non dover attendere qualche milione di anni.

    RispondiElimina
  19. cioè, ma veramente c'è qualcuno che crede all'utilità della tessera del tifoso nell'arginare la violenza negli stadi? O_O

    per quanto riguarda gli hooligans, non si sono evoluti, si sono spostati: nelle metropolitane, nei parchi ecc.. meglio, no?

    secondo me, al di là di de rossi, che in teoria dovrebbe avere il diritto ad un'opinione, andrebbe fatto un ragionamento serio sulla reale utilità, su quali altre misure si intendono adottare, su come si intende proteggere la stragrande maggioranza dei tifosi che non sono dei delinquenti, ma che vengono trattati come tali, su dove si pensa di trovare i soldi per rifare tutti i tornelli di accesso dello stadio, le corsie preferenziali ecc..

    RispondiElimina
  20. @ un po' tutti, visto che la discussione s'e' allargata:

    - sul codice alfanumerico: la responsabilita' di cio' che si fa e' e dev'essere individuale, e tanto di piu' per chi rappresenta la forza PUBBLICA.

    Tifosi e PS non possono stare sullo stesso piano perche' i tifosi, quando commettono violenze, sono appunto solo e soltanto dei violenti cui si dovrebbero applicare le regole (se esistono), punto e basta.

    I poliziotti rappresentano tutti noi e necessitano di una legittimazione.
    Se io sono sul mio motorino e mi faccio gli affari miei e un poliziotto mi da' una manganellata "a prescindere" io devo poterlo identificare e denunciare come merita.

    Se non posso (come adesso) perche non so neppure chi e' non c'e' gran differenza tra lui e un tifoso scalmanato: nessuno dei due e' personalmente identificabile e nessuno dei due e' responsabile di nulla proprio per questo; e la conclusione e' che per questo motivo tifosi violenti e PS possono essere visti come non diversi l'un dall'altro: non un gran risultato di legittimazione, per la PS.

    ti prego skunk, dimmi perche' l'identificazione personale delle forze di PS (con un codice alfanumerico che sia visibile da tutti durante il servizio, non con nome e cognome) non va bene perche' non lo capisco.

    - sull'inghilterra e i tifosi violenti: io vivo in inghilterra e vado regolarmente allo stadio, a vedere sia le partite di premiership che di championship (serie B).

    ci si sta piu' che tranquilli e ci vanno le famiglie, cosa che in italia non esiste piu', e la partita e' uno spettacolo, ed il prima ed il dopo (il ritorno a casa) pure.

    se gli hooligans si danno appuntamento a mezzanotte dietro il cortile delle carmelitane per sfasciarsi me ne posso dispiacere assai, ma se vogliono costituire un fight club personale a me la cosa non e' che interessi piu' di tanto.

    se qualcuno dei lettori di questo blog pensa di voler eliminare la violenza dalla faccia della terra puo' provare, ma e' un compito piuttosto arduo.

    di buono c'e' che, ripeto, chi vuole andare allo stadio in inghilterra a godersi una bella partita puo' farlo e portarsi i figli senza il timore di pensare che possa succedere chissa' che.

    sono capitati episodi sporadici anche di recente (un anno fa in west ham vs. millwall, dato che quest'ultimo club ha i tifosi piu' violenti dell'inghilterra), ma il problema si e' trasformato da endemico in episodico.

    e' bastata la volonta' di risolverlo, che in italia non mi sembra sia presente.

    RispondiElimina
  21. il calcio non è uno sport, è un affare miliardario, e definire sportivi i tifosi è solo da decerebrati.
    ciò detto, perchè ingenti forze dell'ordine devono ogni settimana essere impiegate per garantire l'ordine publico per partite di calcio?
    perchè l'intera viabilità della mia zona deve essere sovvertita ogni volta che in città c'è una partita?
    perchè devo spostare l'auto da sotto casa perchè è sul tragitto dei tifosi?
    ma andate a farvi fottere, coglioni!

    RispondiElimina
  22. sarebbe sufficiente addossare alle squadre di calcio anche solo una quota-parte delle spese necessarie al mantenimento dell'ordine pubblico e alla riparazione dei danni a treni e arredi urbani.

    sfortunatamente chi avrebbe potere per deciderlo e' presidente di una importante squadra di calcio...

    RispondiElimina
  23. @Gianni, i poliziotti si occupano di sicurezza, non possono essere "riconoscibili", spesso vengono aggregati in operazioni dove la copertura è fondamentale, pensa che non possono avere tatuaggi (sì vabbè, poi qualcuno ce l'ha, ma ci siamo capiti).
    Per la natura del loro servizio, sono soggetti a ritorsioni, minacce, intimidazioni, pressioni, agguati, diamogli anche il badge.
    Nel caso ci siano problemi nel loro comportamento, la "tessera" è garantita, c'è un ordine di servizio per ogni volta che si muovono.

    poi non mi fate fare la parte di quello che difende la polizia, che non mi sta simpatica, ma senza la quale non vorrei stare. Suvvia.
    Come più o meno diceva Gaber.

    io non odio il calcio, ma non sopporto quello che è diventato, quindi di certo non faccio testo, ma quando sento un decelenterato comparare bestie violente (non i tifosi) con le forze dell'ordine, m'incazzo. E il discorso sull'argomento è troppo lungo.
    Nemmeno a me piacciono le schedature, ma vista la situazione, credo che sia inevitabile, putroppo per colpa di pochi, ma è la consuetudine della violenza.

    RispondiElimina
  24. io sono consapevole dei problemi in questione che stai riassumendo, ma e' per questo che il codice di cui parlo dovrebbe essere alfanumerico; ad ogni poliziotto dovrebbe essere assegnato uno ed un solo codice, e il nominativo richiesto sarebbe rilasciato solo su ordine del magistrato competente in caso di inchiesta.

    mi rendo conto delle piu' che comprensibili esigenze di riservatezza, ma mi sembra che questa proposta realizzi un accettabile compromesso con l'esigenza di chi subisce un abuso di potersi rivalere in sede giudiziaria puntando subito il dito su un responsabile con un'identita' certa (identita', come ripeto, mediata dal controllo del magistrato, cosi' da tutelare l'interesse della PS ad evitare vendette).

    RispondiElimina
  25. ..perchè poi, tra tanti bravi agenti si da modo a chi è un po' più fumantino di nascondersi..
    http://www.forzaroma.info/rassegna-stampa-as-roma/20251-quello-che-de-rossi-voleva-dire.html

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post