Guardi che chiamo i vigili

di Benedetta Jasmine Guetta
---
Il venerdì a Milano, in piazza Quinto Alpini, c'è il mercato: da brava foodblogger, vado sempre lì in bicicletta a rifornirmi di frutta e verdura.
Ogni venerdì mi scandalizzo per la situazione del parcheggio in zona: macchine parcheggiate in doppia/tripla fila, sulla sede stradale, sui passi carrabili, sulla pista ciclabile, sulle discesine per portatori di handicap... non c'è striscia pedonale, gialla o di altro colore che tenga.
Così tutti i venerdì, da cittadina insopportabile quale certamente sono, chiamo i vigili perchè venga fatta giustizia, e una pronta vendetta si abbatta sui suv delle milanesi annoiate che frequentano la zona.
Oggi però ero seriamente in dubbio: che fare in una situazione come quella che vedete nella foto qua sopra?
E' tutto così meta-reale (mi si passi il neologismo)! Insomma, dovevo chiamare i vigili per dire che un'automobile della... polizia(!) parcheggiata contromano mi impediva il passaggio sulla pista ciclabile?
Alla fine, ho risolto di non telefonare, e proseguire sul mio insidioso percorso tra automobili, pavè e rotaie del tram. Tuttavia, a voi dovevo proprio raccontarla, questa storia!

P.S. se avete simili avventure da raccontare sarei felice di leggerle nei commenti: si sa che "mal comune mezzo gaudio"...

Questo post è stato pubblicato il 28 maggio 2010 in ,,,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

18 Responses to “Guardi che chiamo i vigili”

  1. un annetto fa mi capito', mentre passeggiavo per una via di una cittadina di mare, di vedere un vigile comminare una multa ad uno che aveva parcheggiato 30 cm fuori dagli spazi delimitati.
    il bello è che dirimpetto c'era una macchina dei carabinieri nella medesima condizione...

    RispondiElimina
  2. Non vi dico cosa si vede ogni mattina quanto vado a scuola... altro che tripla fila... e i vigili non sono da meno.

    RispondiElimina
  3. Vieni nella mia città (PD): abbiamo 130 Km di pista ciclabile!
    Peccato che siano suddivisi in 130 tratti da 1 Km, non connessi tra di loro, con la pavimentazione in "comune" con marciapiedi, parcheggi, aiuole, rotaie del tram etc.
    La settimana scorsa mi è capitato di vedere due poveri cicloturisti Olandesi che, avendo trovato la fine di uno dei tratti, cercavano inutilmente di capire dove cominciasse il successivo... :-)

    RispondiElimina
  4. mi permetto di suggerire la costa teatina. Si stanno costruendo tutta una serie di piste.

    RispondiElimina
  5. Tempo fa ho sorpreso un'auto "in borghese" munita di autovelox, parcheggiata su una pista ciclabile.
    Indignata ho telefonato in questura; il poliziotto che mi ha risposto, dopo varie imprecazioni che vi risparmio, ha affermato che si trattava di un'auto dei vigili urbani e che non ne erano stati avvisati.
    In seguito non si sono più verificati episodi simili e mi illudo che la mia telefonata sia servita.

    RispondiElimina
  6. Abito in una via del centro storico di Torino, talmente stretta che non ci sono neppure i marciapiedi, ma solo dei paletti che dividono lo spazio per i pedoni da quello per il passaggio delle auto. I paletti naturalmente si interrompono davanti ai portoni e siccome è divieto di sosta lungo tutta la via è lì che vengono posteggiate le auto, fregandosene se qualcuno deve entrare o uscire da uno dei carrai... avrò chiamato i vigili decine di volte e non sono mai intervenuti perché nella via NON CI PASSA IL CARRO ATTREZZI! Quindi se sto rientrando mi tocca cercare parcheggio da qualche parte perché non posso entrare in cortile, e se sto uscendo non mi resta che chiamare un taxi (e menomale che il 90% delle volte mi muovo a piedi o in bici: la macchina la uso solo se devo trasportare qualcosa!)
    Un giorno ho aperto il portone per uscire e ho trovato l'ennesima macchina posteggiata davanti....sì, ma era quella DEI VIGILI!

    RispondiElimina
  7. Comunque io i vigili li avrei chiamati lo stesso.

    RispondiElimina
  8. Invece devo segnalare un ispettore della ASL RMB che (mi pare nel lontano 1998 o giù di li) era diventato famoso per avere multato il direttore generale della ASl RMB (il suo datore di Lavoro) per violazione della 626.
    quando ti volevano rompere le scatole mandavano lui.....

    RispondiElimina
  9. "Insomma, dovevo chiamare i vigili per dire che un'automobile della... polizia(!) parcheggiata contromano mi impediva il passaggio sulla pista ciclabile?"

    Sì. :)

    RispondiElimina
  10. Napoli - Piazza Garibaldi, il vigile che chiama per nome il parcheggiatore abusivo chiedendogli gentilmente di far spostare una macchina che gli impediva di accedere all'ingresso della stazione della Circumvesuviana penso possa bastare no? :D Mal comune schifo totale direi...

    RispondiElimina
  11. Per costoro ci vorrebbe la tessera del poliziotto...[cit]

    RispondiElimina
  12. In effetti nella mia zona sono abbastanza nota per essere la rompina che chiama i vigili. A mia difesa dico solo che dietro casa mia c'è una sede Luiss con il conseguente codazzo di Mini e Tigra parcheggiate un po' ovunque. Un giorno sale la mamma e mi dice:"Dimmi che non mi hai fatto metter tu le ganasce alla macchina!" Non ho avuto il coraggio di confessare! :-P
    Un bacio
    Eva

    RispondiElimina
  13. @Lievito e Spine - Non fa tanto ridere..
    più che confessare mi vergognerei..
    non avete niente di meglio da fare che rompere le palle alla gente e rovinargli la vita ?

    e di nuovo : "dietro casa mia c'è una sede Luiss con il conseguente codazzo di Mini e Tigra parcheggiate un po' ovunque"

    Questo dimostra la tua ottusaggine e i tuoi pregiudizi sul che macchina una persona guidi, ti sembra logico ?

    RispondiElimina
  14. @Lievito e Spine: tutta la mia solidarietà.
    Se in tanti rompessimo le palle e rovinassimo la vita agli stronzi che si preoccupano solo di trovare un posto alle loro ridicolissime e miserabili macchine fregandosene dell'esistenza e delle esigenze degli altri, magari qualcosa cambierebbe.

    RispondiElimina
  15. anonimo delle 23.15: perchè, chi parcheggia sulle balle degli altri la vita non gliela rovina, le palle non gliele rompe?
    Merizeta

    RispondiElimina
  16. @Lievito e Spine
    Il tuo si chiama senso civico non bastardaggine. Io comunque passerei di tanto in tanto ai gavettoni di merda...a volte convincono ed educano molto piu' delle multe.
    Un tipo aveva preso l'abitudine di posteggiare abusivamente nel parcheggio retro negozio che ho per i clienti, nonostante l'abbia invitato piu' volte a desistere continuava...fino a che non gli ho stuccato le maniglie della portiera con merda di cane, ha desistito.

    RispondiElimina
  17. perchè non trombate di più che sareste molto più felici e meno scope in culo ?

    A proposito di buon senso.. per te/voi ha senso pagare per 2 minuti un parcheggio quando il minimo pagabile è 1 ora ?

    Ci vuole logica e buon senso, cosi come parcheggiare dove non ci sono strisce ma non da fastidio a nessuno piuttosto che parcheggiare (male) dove invece si potrebbe ma che poi non ci passa più nessuno.

    E' per imbecilli cosi che c'è il divieto di fumo.

    Poi se qualcuno è represso e si sfoga cosi, quello è un'altro discorso..

    Lo stesso anonimo delle 23.15

    RispondiElimina
  18. @Tullix, ti adoro, così come la tua ispiratrice..Sottoscrivo ogni tua singola parola. Chicca

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post