Mi precipito

-Pronto?
-Sì, buongiorno, sono il generale.
-Che piacere, come sta?
-Lasci stare il piacere, ho il cesso intasato con gli stronzi che vengono a galla e mia moglie che strilla come una gallina...
-Ah. Be', è domenica, magari domani le mando un operaio...
-Lo so bene, che è domenica. Altrimenti cosa crede che l'abbia chiamata a fare?
-...
-...
-Va bene, vorrà dire che vengo...
-Sarà meglio, sennò, sono sincero, quell'incarico se lo può scordare... E sta zitta, stronza, ha detto che sta arrivando! Mi scusi, sa, ma la mia signora è comprensibilmente a disagio...
-Capisco, ci mancherebbe, arrivo.
-Ecco bravo, io vado alla partita, se la veda con lei, arrivederci.
---
-Pronto?
-Buondì, parla il cardinale.
-Eminenza, che onore, come andiamo?
-Ahimè male, figliuolo, male. Ma dove sei, che con rispetto parlando sento un casino della madonna?
-Non me ne parli, eminenza, sono sulla tangenziale, sto andando a una riunione urgente...
-Ah... In tal caso, mi duole dirtelo, debbo gravarti di un'ulteriore incombenza...
-Guarda dove vai, stronzo, ma chi cazzo te l'ha data la patente?
-Come dici, figliuolo?
-Mi scusi, non dicevo a lei, la gente guida da fare schifo... Mi dica pure, come posso esserle utile?
-Ma niente, una sciocchezza... Lo scarico della doccia deve essersi riempito di capelli ed è uscita tutta l'acqua con la schiuma nel bagno...
-Capisco. Potrei mandarle qualcuno domattina, sa com'è, di domenica trovare un operaio...
-Ascolta, figliuolo, vedi di alzare il culo e precipitarti qua nel tempo di un pateravegloria, non vorrei essere costretto a rivedere quel bando, non so se mi spiego...
-...
-Mi spiego?
-Perfettamente. Mi dia un'ora e sono da lei.
-Ti aspetto. Pace e bene.
---
-Pronto?
-Pronto un cazzo. Sono il sottosegretario.
-I miei omaggi, eccellenza. Mi scusi solo un istante... Ecco, signora, vede? Se lei butta nel water tutta questa carta igienica poi si ostruisce, ora la tiro fuori e siamo a posto...
-Pronto? Mi ascolti o no?
-Sì, eccomi, stavo finendo una cosa...
-Ecco, finiscila di corsa e vieni qua. Una mia amica ha perso, diciamo così, un certo oggetto nella vasca idromassaggio e si è bloccato tutto...
-Un oggetto? Che oggetto? Certo, signora, appena ho finito ripulisco tutto, no che non le lascio questo casino, ci mancherebbe...
-Ma con chi cazzo parli? Un oggetto, porca troia, un coso, uno di quelli che vibra, insomma a te che ti frega?
-No, niente, dicevo per capire di che si trattasse...
-Te lo dico io, di che si tratta! Si tratta che tu vieni con una chiave inglese del cazzo e lo togli, altrimenti quella fornitura va a puttane! Ecco, hai capito di che si tratta adesso?
-Sì. Tra due ore sono da lei...
-Lo spero per te.
---
-Pronto?
-Ehilà, carissimo!
-Signor ministro, come sta?
-Eh, non bene, amico mio, non bene...
-Ma quant'era lungo 'sto coso? Signorina mi creda io ne ho viste tante, ma quaranta centimetri di vibratore è roba da guinness...
-Come dici?
-No, signor ministro, non dicevo a lei, stavo parlando con Tokyo... Che succede?
-Succede che il cane mi ha cagato nel salone, i filippini sono in libera uscita, mia moglie è in giro a fare shopping e ho bisogno di qualcuno che raccolga questo schifo...
-Ma...
-Ma, cosa? Non vorrai che mi metta in ginocchio a tirare su la merda dal pavimento, vero? Sono un ministro, perbacco!
-No, no, per carità... Grazie, signorina, ho preso il suo numero, stia sicura che se ho dei clienti interessati la faccio chiamare senz'altro, massima riservatezza s'intende...
-Porca puttana, mi dai retta o no? Lo sai che quella firma non l'ho ancora messa, vero? Vuoi che ci ripensi?
-No, per l'amor di dio! Mi precipito!
-Ecco, bravo. E vedi di muoverti, ché mi si rovina il parquet.

Questo post è stato pubblicato il 16 maggio 2010 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

12 Responses to “Mi precipito”

  1. della serie "puttane, anemoni e bertoladri .. "

    RispondiElimina
  2. Bravissimo! A quanto si è appreso dalle intercettazioni, la fantasia non è poi così distante dalla realtà.

    RispondiElimina
  3. c'è chi direbbe povera Italia nel fango affonda lo stivale dei maiali, sembra una scena tratta da una commedia di Alberto Sordi, invece la realtà come sempre supera la fantasia!

    RispondiElimina
  4. paraben ti segnalo questo, cosa dici :

    http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=141001

    RispondiElimina
  5. leonardo è più bravo

    RispondiElimina
  6. dispiace dover dare la notizia che occorre aggiornare l'elenco in un post che invita a farsi 4 risate ma...

    http://palermo.repubblica.it/cronaca/2010/05/16/news/detenuto_s_impicca_in_carcere_sarebbe_uscito_a_ottobre-4099666/

    RispondiElimina
  7. "Mi chiamo wolf. Risolvo problemi".

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post