La città fantasma

Le immagini della televisione non rendono un decimo di quello che si percepisce venendo a L'Aquila e facendosi un giro.
Siete mai stati in un posto irreale? Cercate di ricordare come vi siete sentiti e moltiplicatelo per cento.
Fatto?
Ecco, non ci siete neanche andati vicini.
Inviato dal dispositivo wireless BlackBerry®

Questo post è stato pubblicato il 15 maggio 2010. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

9 Responses to “La città fantasma”

  1. Ci sono stato domenica scorsa, per lavoro. Confermo: è esattamente come dici tu. Ed è peggio di come uno se la aspetta. Specie se ti ricordi com'era.

    RispondiElimina
  2. Io sono stata a L'Aquila come volontaria, e con una mia amica abbiamo aperto un blog, per documentare e raccogliere aiuti (che sono arrivati, e numerosi). Mi permetto di lasciare qui il link, perchè credo sia una testimonianza importante, anche di tutte le minacce e i provvedimenti presi dallo Stato contro di noi (sono serissima):

    http://terremoto09.wordpress.com

    Abbiamo ancora molto da fare...

    RispondiElimina
  3. Ma se il governo all'Aquila ha fatto così schifo mi spiegate perché alle elezioni ha vinto il centro-destra?

    RispondiElimina
  4. Ovviamente mi riferisco alle provinciali dell'Aquila

    RispondiElimina
  5. Frank, in realtà nella zona di L'Aquila, quella colpita duramente, ha preso più voti il centrosinistra. Il centrodestra ha vinto grazie ai voti delle aree meno colpite dal sisma, come l'avezzanese.

    RispondiElimina
  6. Grazie dell'informazione Marta, stavo appunto cercando i dati divisi più precisamente per zone ma non li trovavo...davvero, dopo le elezioni non sapevo più a cosa credere

    RispondiElimina
  7. Prego Frank, sul sito del ministero dell'interno trovi tutti i dati delle elezioni, verifica pure li

    RispondiElimina
  8. Frank, non mi pare onestamente che le elezioni - in Italia, in Europa, nel mondo - le vinca chi governa bene oppure chi ha un buon programma.

    Una infima minoranza degli elettori ha cognizione corretta dell'azione di governo o dei programmi, mentre una grande maggioranza è molto sensibile alle suggestioni. Pensi a quanto costa la pubblicità dei detersivi ed a quanto sia efficace: non costerebbe così tanto.

    I partiti e i leader oggi si vendono come i detersivi. Non ha alcuna importanza la qualità del prodotto, ha importanza l'efficacia suggestiva dello spot. La gente continua a comprarlo anche se non pulisce così bene.

    Per vincere le elezioni occorre il consenso elettorale, che in un Paese moderno si fabbrica con appositi strumenti complessi fatti di psicologia sociale e mezzi di comunicazione.

    RispondiElimina
  9. Ben detto roberto, questo spiega come mai anche in casi estremi come quello italiota, pur in presenza del peggior ciarpame e con risultati disastrosi sia in termini di politica interna, economia, ricerca, salvaguardia del patrimonio culturale, politica estera, educazione, riceca e sviluppo e nonostante la marea montante di scandali... gli italioti votanti "beoni" continuano a scegliere il nano pedofilo e la banda di ladri che lo accompagna.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post