Malawi: la Chiesa chiama, il governo risponde

Ciò che colpisce, al di là della sentenza in sé, è l'accorato appello che nei giorni scorsi era stato rivolto al governo dalla Chiesa del Malawi, rappresentata nella circostanza dal reverendo Malani Ntonga, presidente della Fondazione Ecclesiastica per l'Integrità e la Democrazia:

Come membri del clero diciamo no all'omosessualità, e ci appelliamo al governo affinché non tolleri né accetti le istanze che consentirebbero agli omosessuali di mettere radici nel nostro paese.
Richiesta immediatamente accolta, a quanto pare.
E radici estirpate.

Questo post è stato pubblicato il 20 maggio 2010 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

11 Responses to “Malawi: la Chiesa chiama, il governo risponde”

  1. preti di merda, se dio esistesse dovrebbe sputargli in faccia!

    RispondiElimina
  2. minchia oh tutti attenti ai problemi in malawi eh.... ah, no! tutti attenti perchè c'è di mezzo la chiesa!

    ridicoli

    RispondiElimina
  3. Ma che vi aspettavate dal Malawi? Suvvia, facciamo ridere noi, figuriamoci loro...

    RispondiElimina
  4. Il volto feroce della carità cristiana!
    Se Gesù fosse nato in quest'epoca lo avrebbero mandato al rogo!
    E poi quando dico che sono ateo, mi chiedono: "PERCHE'?"

    RispondiElimina
  5. @ anonimo 13,50: no, non è solo un problema del Malawi; è un problema di tutte le persone che si amano e sono perseguitate perchè lo fanno.
    Il giudice Nyakwawa Uisiwausiwa che ha condannato i due ragazzi, ha così motivato la sentenza:
    “Vi ho inflitto una pena spaventosa in modo che i figli e le figli del Malawi siano protetti da gente come voi e che nessuno sia tentato di emulare quell’orribile esempio, contrario alla cultura e ai valori religiosi di questo Paese”.
    I due ragazzi sono martiri ed eroi.

    RispondiElimina
  6. sempre all'anonimo 13,50: ti ricordo che il Vaticano si oppose alla risoluzione ONU per la depenalizzazione dell'omosessualità nei paesi dove essa è considerata un reato. Non so se il Malawi è un paese cattolico, ma so che le gerarchie cattoliche approvano e avallano, di fatto, mostruosità di questo tipo.

    RispondiElimina
  7. La chiesa cattolica anzichè essere portatrice di vita e di amore è diventata (lo è sempre stata in realtà) portatrice di odio e di morte. Di intolleranza e rancore.
    Ma si sono mai guardati nel cuore loro, i cosiddetti ambasciatori dell'amore divino?
    Non perdono occcasione per insultare, con i loro atti e parole, il dio di cui dicono di essere i portavoce.
    Sono delle persone oscene, racchiuse nei loro palazzi dorati..
    Se un dio esiste avranno ben di che rendere conto.

    RispondiElimina
  8. la Chiesa?????...no..grazie ne faccio volentieri a meno!!!

    RispondiElimina
  9. Ridicoli? 14 anni di carcere e lavori forzati per due tizi che, alla fine, hanno come unica colpa amarsi è "ridicolo"?
    Ma vaffanculo di cuore, veramente.

    La CHIESA è altamente criticabile e sai perché? Non perché uno ce l'abbia acriticamente con lei, ma perché la CHIESA DI GESU' CRISTO queste cose dovrebbe IMPEDIRLE e non FOMENTARLE.

    Ridicolo.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post