Se non è vivo che gusto c'è?

C'è da capirli,'sti camorristi: esercitarsi bisogna esercitarsi, ma le sagome di legno, diciamocelo, sono poco realistiche.
Eppoi vuoi mettere, la soddisfazione?

Questo post è stato pubblicato il 07 maggio 2010 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

14 Responses to “Se non è vivo che gusto c'è?”

  1. Lo faceva anche un mio compagno di liceo. (solo che lui non era camorrista, andava a caccia)

    RispondiElimina
  2. spero che qualcun'altro meno esercitato gli abbia sparato in faccia.

    Uccidere a sangue freddo il loro cane è la prova iniziatica suprema,così dimostrano di potere ammazzare anche i parenti se serve.
    Che schifo

    RispondiElimina
  3. mah, questo post mi sembra un po' da terza elementare...per non parlare dell'articolo del corriere!!!
    francamente, con tutto lo schifo che circola, è l'ultima cosa di cui posso scandalizzarmi....

    RispondiElimina
  4. Grazie, Silvietta. By the way, dov'è che hai fatto le elementari?

    RispondiElimina
  5. attenzione silvietta perchè anche il non scandalizzarsi più per cose come questa contribuisce ad alimentare "lo schifo che circola"...che ringrazia per il tuo contributo

    RispondiElimina
  6. dalle suore ;)

    scusa se sono stata un po' diretta e sintetica nel mio commento, ma è che tu generalmente posti cose molto più interessanti e che danno diversi spunti di riflessione...

    ora, posto che sia indubbiamente vomitevole ciò che fanno con questi animaletti, è una notizia che da una parte non mi stupisce affatto visto che stiamo parlando di feccia umana e dall'altra non mi fornisce nessun elemento valido su cui riflettere....

    RispondiElimina
  7. Magari ti farebbero riflettere altre notizie,ragazzini normali che danno fuoco a un cane vivo per noia? potrebbe andare? I ragazzini non sono feccia umana,eppure…queste imprese le compiono sempre più spesso,magari quando han finito di rapinare i compagni e si annoiano tanto tanto,poveri!

    RispondiElimina
  8. @fizzi
    il mio commento era contestualizzato alla notizia riportata che parlava di camorristi, quindi di gente che fa cose ben peggiori che sparare su un micetto!!!
    ovvio che avrei avuto una razione diversa se i soggetti dell'atto fossero stati dei quindicenni di "buona famiglia" che non sapevano che altro fare....
    mi chiedo perchè c'è sempre qualcuno che cerca motivazioni metafisiche dei commenti altrui....
    mah...

    RispondiElimina
  9. Beh, la notizia aiuta a figurarsi il grado di disumanità di questa gente... perchè questi compiono crimini ben peggiori, come dice silvietta, ma lo fanno con il preciso fine di controllare il territorio e monopolizzare l'economia; il che non non giustifica,naturalmente, ma spiega. Quando il crimine non è neanche più finalizzato, ma il gesto in sè ne racchiude il senso, davvero non si può scendere più in basso.
    www.trueagora.splinder.com/

    RispondiElimina
  10. tanto per chiudere il discorso, questo è un articolo che mi sconvolge e mi fa pensare che qualcosa in questo paese sta decisamente andando alla deriva....

    http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/cronaca/2010/7-maggio-2010/rimproverato-maestra-picchia-rompe-milza-ha-dieci-anni-1602974918635.shtml

    RispondiElimina
  11. possibile che il giovane virgulto si sia esercitato a lungo prima di questo exploit,tanto per chiudere il discorso sono antispecista,l'orrore lo provo in maniera equa.

    RispondiElimina
  12. Se pensate a questa notizia come a molto rumore per nulla, allora fate un po' schifo pure voi.

    RispondiElimina
  13. Karl Marx nei "Manoscritti economico-filosofici del 1844" ("Proprietà privata e comunismo") sosteneva a proposito del rapporto uomo-donna che "in base a questo rapporto si può dunque giudicare interamente il grado di civiltà cui l'uomo è giunto". Tralasciando il fatto che di strada da fare ce ne è ancora moltissima - e non solo nel mondo islamico tradizionale - sarebbe ora di aggiungere che è anche dal rapporto uomo-animale che andrebbe giudicato il grado di civiltà. E sarebbe anche ora di smettere di considerare esseri umani, solo perché di umano hanno il sembiante, quelli che maltrattano o uccidono animali incolpevoli per il piacere di farlo. Se i camorristi o altri subumani vogliono allenarsi con dei bersagli mobili usino i loro figli, che prima si sterminano e prima si fa "pulizia etica".

    RispondiElimina
  14. ecco. sono molto d'accordo con gli ultimi due commenti. ieri una lucertola, oggi un micetto, domani un bambino sciolto nell'acido. anche nell'ultima puntata di csi han detto che è il tipico iter del serial killer...

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post